Il Blog delle Stelle
Il benessere quotidiano passa anche attraverso la sicurezza

Il benessere quotidiano passa anche attraverso la sicurezza

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 23

Intervento a cura di Paola Giannetakis, docente universitario, professore straordinario Università degli Studi Link Campus University, analista comportamentale e criminologo, esperto in scienze e tecnologie applicate all'intelligence e alla sicurezza. Candidata uninominale del MoVimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati nel Collegio di Perugia.

Ho dedicato buona parte del mio percorso di studi e professionale a cercare di comprendere e spiegare fenomeni e dinamiche umane di natura complessa con l’obiettivo di poter offrire strumenti utili a chi di quei fenomeni si deve occupare. Ho accolto l'invito a candidarmi alla Camera dei Deputati, nel collegio di Perugia, per il MoVimento 5 Stelle, pur non avendo fatto mai politica, scelta motivata dal profondo senso di responsabilità e dalla convinzione che il mio impegno quale rappresentante della società civile è quello di trasferire conoscenze, esperienze e sensibilità in modo ancora più esteso negli interessi della collettività.

Sicurezza partecipata, tecnologie e sistemi intelligenti. La risposta alla minaccia multidimensionale.

Le sfide multidimensionali alla nostra sicurezza impongono la ricerca e l’applicazione di nuovi strumenti in grado di rispondere prontamente ed incisivamente alle emergenti minacce ed all’evoluzione dei fenomeni criminosi, dalla criminalità predatoria alle varie forme di violenza fino ad arrivare al rischio terrorismo nelle sue varie metamorfosi.
L’uso intelligente dei sistemi intelligenti, ad esempio, prevede l’impiego di tecnologie sempre più all’avanguardia congiuntamente all' implementazione di forme di analisi cognitivo-comportamentale a supporto. Pensiamo in generale alle videocamere in grado di raccogliere ed analizzare una quantità sempre maggiore di dati dal riconoscimento automatico di volti alla biometria comportamentale, a vari tipi di sensori opportunamente integrati che generano nella loro interezza, una sorta di enorme rete neurale, un volume di dati a disposizione degli analisti delle Forze di Polizia e degli organi di Intelligence.

Accanto all' utilizzo di alta tecnologia si rende necessaria anche una progressiva umanizzazione degli spazi, nella prospettiva di realizzare smart-city intese da una parte come spazio sicuro ed interconnesso ai servizi di pubblica utilità ma dall’altro come aree sicure e libere dove vivere lontani dalla sindrome della paura, contesti salubri bilanciati tra sicurezza e tutela della privacy.

Il benessere quotidiano, infatti, si realizza anche attraverso un benessere sociale profondo, caratterizzato da apertura e fiducia, sostenuto dal senso di sicurezza vissuta e percepita, dove le nostre città sono vissute come bene collettivo, aperte alle diversificate esigenze dei singoli cittadini e delle comunità, dove anziani, bambini, cittadini con disabilità ed i nostri amici animali possono vivere in adeguati ecosistemi. In questa prospettiva il cittadino diventa elemento proattivo nel sistema di protezione del bene comune senza dover giungere a forme estreme di difesa personale nè sentirsi oppresso e vivere nella paura.

L'accrescimento di una consapevolezza e di una condivisione tout court contribuisce alla realizzazione del modello di sicurezza partecipata. Per formare questa cultura è necessario coinvolgere in particolar modo gli ambiti di formazione e crescita partendo dalla scuola fino all'Accademia, somministrando ai vari livelli e con l'appropriato linguaggio la giusta e necessaria informazione. Tali modelli, in parte già realizzati in altri Paesi che ho avuto la fortuna di visitare, sono facilmente realizzabili attraverso l'impegno e lo sforzo profuso da tutti.

Uno degli obiettivi del mio impegno con il MoVimento 5 Stelle è quello di contribuire a migliorare la sicurezza collettiva anche attraverso la progettazione di forme integrate tra nuove tecnologie e conoscenza dei comportamenti umani a supporto delle attività svolte dalle Forze di Polizia e degli organi di sicurezza.

SOSTIENI IL RALLY PER ANDARE AL GOVERNO CON UNA DONAZIONE:

scopriprogramma.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

6 Feb 2018, 09:52 | Scrivi | Commenti (23) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 23


Tags: criminologo, m5s, Paola Giannetakis, perugia, sicurezza

Commenti

 

ITALIA SOTTO ATTACCO 2
L’Europa sta a guardare, si limita a studiare e emanare raccomandazioni assurde di risibile importanza.
Ci impone l’austerità ben sapendo che è il primo provvedimento atto a limitare il nostro sviluppo.
I partiti alla vigilia delle elezioni hanno intrapreso una guerra senza quartiere rivolta contro il maggior partito, il M5S consapevoli che un suo successo costituirebbe la fine della così detta seconda repubblica gravida di clientele di impresentabili di corrotti di condannati di evasori e di altri ameni signori.
Sarà forse questo il motivo per cui hanno finto di non accorgersi del pericolo legato ai migranti?
Questi sono persone di scarsa cultura e potenzialmente non pericolosa se adeguatamente governati.
Lasciati liberi di sciamare nel Paese senza adeguatati mezzi di sussistenza vuol dire lasciarli predare per sopravvivere come sanno fare nella loro savana. Da noi detta situazione crea allarme sociale e situazioni anche esplosive suscettibili di determinare la distrazione da quella serenità del paese necessaria al buon andamento dell’economia.
Potremmo dare la colpa alla finanza creativa che si ritiene capace di produrre ricchezza dal suo specchio.
Cosa assurda ma che i mercati credono di introdurre con ogni mezzo nel nostro paese con sistemi surrettizi come quella dei migranti

nicola mascolo 09.02.18 02:42| 
 |
Rispondi al commento

ITALIA SOTTO ATTACCO

Quando arrivano le pallottole, non importa da dove arrivano, occorre cercare un riparo, altrimenti la nostra stoltezza ci sarà fatale.
È ciò che i nostri pseudo politici hanno fatto da molto tempo senza neanche rendersene conto, presi ad occuparsi soltanto delle loro poltrone.
I fatti di Macerata hanno un’attinenza consequenziale non solo, ma anche un allarme ben più grave perché rivestono un pericolo per l’intero paese.
Da troppo tempo fischiano le pallottole dirette all’Italia, ma non sono di piombo ma di carne umana.
Non è esplicita la pistola fumante, sono invece chiari i proiettili al nostro indirizzo e il comportamento di alcuni stati che dicono essere solidali ma si comportano da nemici.
Le armi sono costituite da navi e barconi di pseudo organizzazioni umanitarie al soldo di capitali esteri alcuni chiaramente ignari del vero scopo, altri al corrente dell’uso strumentale dei natanti.
Le munizioni sono costituite da ignare popolazioni sovvenzionate per pagare gli scafisti con l’illusione di giungere in Europa e vivere la modernità.
L’aggressione è palese e molto ben camuffata.
E altrettanto chiara la motivazione. Nonostante l’inettitudine dei nostri politicanti, l’Italia ha un export notevole e una eventuale congiuntura con un governo efficiente crea il panico fra nostri competitor, temendo un balzo in avanti della nostra economia.

nicola mascolo 09.02.18 02:10| 
 |
Rispondi al commento

Cara Prof. Giannekatis,Cara Paola, se ti fosse possibile dare una valutazione sul caso della ragazza di Macerata, fatta a pezzi e messa dentro due valigie aggiungeresti anche l'OMISSIONE di Soccorso? Al momento il magistrato inquirente ha solamente indicato tre soli reati: concorso in spaccio, vilipendio di cadavere e occultamento di cadavere.Probabilmente la povera ragazza era priva di conoscenza e un medico avrebbe potuto salvarla!Un caro saluto,Luciano Mario.

luciano m., sassari Commentatore certificato 07.02.18 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Chiedo scusa per l'OT

MASADA n° 1903 5-2-2018 NDE LE ESPERIENZE DOPO LA MORTE

Appunti di una giornata di studio della Biblioteca di parapsicologia de Boni Bozzano di Bologna.

All’età di 69 anni, Jung si fratturò una gamba ed ebbe un infarto; per tre settimane rimase in stato di incoscienza con deliri e visioni che gli dicevano che stava uscendo dal corpo e viveva l’esperienza della morte.
Si vide sospeso sopra la Terra, vide il nostro pianeta come una sfera azzurrina macchiata in certi punti di verde scuro, descrisse la Terra come poi l’avrebbero vista gli astronauti dell’Apollo 11. Si sentiva immerso in una condizione di infinita felicità. Poi vide arrivare un meteorite, dove c’era una specie di tempio, entrò e vide un indù seduto nella posizione del loto, uno yogi, che stava sognando la sua vita. Dunque la sua vita non era altro che il sogno di uno yogi. Gli parve che tutta la vita gli scorresse rapidamente davanti e che ogni cosa, però, fosse priva di importanza...

Per leggere tutto clicca il mio nome
Oppure vai a

https://masadaweb.org/2018/02/06/masada-n-1903-5-2-2018-nde-le-esperienze-dopo-la-morte/

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 07.02.18 05:56| 
 |
Rispondi al commento

-------------------
https://www.change.org/p/stop-killing-homeless-animals-in-russia-stop-bloody-fifa-2018

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 06.02.18 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo Grazie Paola

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 06.02.18 14:08| 
 |
Rispondi al commento

OT ELETTORALE:
ho dimenticato il link:
https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/06/corruzione-15-arresti-per-associazione-a-delinquere-ci-sono-un-pm-un-ex-legale-di-eni-e-due-gia-coinvolti-in-caso-consip/4139705/

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 06.02.18 14:00| 
 |
Rispondi al commento

OT ELETTORALE
La vedo dura c'è da fare tabula rasa:
Secondo le Procure di Roma e Messina, per conto del legale esterno dell'Ente Nazionale Idrocarburi Piero Amara, l'ex pm di Siracusa avrebbe messo su un’indagine priva di fondamento su un presunto piano di destabilizzazione della società e del suo ad Claudio Descalzi. Lo scopo: "Portare a conoscenza della società l’esistenza di un procedimento penale nel quale risultava in qualche modo coinvolta"

di F. Q. | 6 febbraio 2018

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 06.02.18 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Professoressa Giannetakis, un grandissimo in bocca al lupo anche a Lei, spero di rivederLa in Parlamento e che le Sue competenze possano essere poste al servizio dei cittadini nel nostro futuro Governo 5 Stelle.

Nadia R. Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 06.02.18 13:02| 
 |
Rispondi al commento

La Terra non è proprietà di qualcuno , tutti dobbiamo viverci al meglio ma ancora non lo si è capito . Continua il medioevo sociale mentre stiamo andando su Marte e la conoscenza , la tecnologia stanno avanti anni luce alla strutturazione delle società che non riflettono minimamente l'evoluzione umana . Il fattore disturbante è l'avidità che ancora caratterizza l'animo umano , di qualsiasi categoria , dal povero che non aspetta altro che diventare ricco , al ricco che vuole esserlo sempre più ! Non c'è un limite oltre il quale non si può andare , e è un tragico errore perchè tutto ha un limite , dalla vita all'aria che respiriamo , da quello che mangiamo alla grandezza dei mari . Solo nella ricerca sfrenata del denaro e del potere non ci sono barriere , confini . I 10 uomini più ricchi del pianeta non sono soddisfatti e contenti , cercano ancora denaro e sono disposti a uccidere pur di ottenerlo , scatenano guerre e devastazioni , milioni di morti e immense sofferenze pur di placare la sete di altre ricchezze ! Sono malati pericolosi ! Il consorzio umano potrà chiamarsi civile solo quando metterà fuori legge le ricchezze eccessive .

vincenzo di giorgio 06.02.18 12:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

06/02/2018 11:29:56
Sig Paola Giannetakis
Lo studio di tecnologie applicate all'intelligence e alla sicurezza e La risposta alla minaccia multidimensionale potrebbe essere applicata alla (Televisione italiana) per cercare di comprendere e spiegare fenomeni e dinamiche create in italia?
Cortesemente ringrazio 846

846 06.02.18 11:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DI certo il tema della sicurezza è un grande ed importante tema, ma per affrontarlo in maniera completa occorre anche capire come tutelare la libertà ovvero la privacy delle persone sotto sorveglianza. Non voglio dire che non dobbiamo rinunciare alla nostra privacy e favorire un certo tipo di criminalità e di terrorismo però fine ad oggi si è pensato soprattutto a sviluppare nuove tecnologie per sorvegliare meglio territorio e città ma poco è stato fatto per evitare che questi raccolte di dati vangano utilizzate anche per altri scopi a vantaggio di pochi o di aziende che cercano di venderci qualsiasi cosa. Suggerisco quindi di inserire anche questa problematica nelle iniziative per il futuro governo M5S

Fabio P. Commentatore certificato 06.02.18 10:35| 
 |
Rispondi al commento

3
Soprattutto chissà che ne pensa l’alleato di B,Salvini che,dopo gli orrendi fatti di Macerata,accusa una non meglio precisata sx di aver riempito l’Italia di clandestini,mentre l’unico ministro che a memoria d’uomo sia riuscito a ridurre gli sbarchi si chiama Minniti ed è,se non proprio di sx,almeno del Pd
Ora B annuncia l’immediato rimpatrio di 600.000 irregolari(cifra a caso)Strano,perché nel 2002 con la Lega approvò la più gran sanatoria di irregolari mai vista in Ue(694.224 domande accolte).Nel 2003 accettò il Regolamento di Dublino che affibbiava in esclusiva l’accoglienza dei migranti ai paesi di 1° sbarco,cioè all’Italia.Nel 2009,mentre B invitava i migranti a venire a frotte,sempre con la Lega,varò la 2a mega-sanatoria di irregolari(294.744)e il decreto Maroni col reato di immigrazione clandestina
Un’ideona che da 9 anni intasa le Procure siciliane di decine di migliaia di fascicoli inutili su altrettanti fantasmi dall’identità,nazionalità e residenza ignote,
punibili con multe di mille o 2 mila € che mai nessuno pagherà.Inoltre,essendo tutti indagati(almeno i sopravvissuti),i migranti possono avvalersi della facoltà di non rispondere e di mentire,dunque le forze dell’ordine e i pm non possono più interrogarli come testi con l’obbligo di rispondere e dire la verità sui loro scafisti Infine possono ricorrere contro i rimpatrii(già in larga parte teorici,o perché mancano gli accordi bilaterali con gli Stati di provenienza,o perché non si riesce a identificarli,o perché questure e prefetture non hanno soldi per i charter)fino al termine del processo,cioè per anni e anni,in attesa della Cassazione
Nel 2011 finalmente B si levò dalle palle,ma ci lasciò in eredità una bella guerra in Libia che moltiplicò annegamenti e sbarchi,per la gioia di Mafia Capitale e altri affaristi della cosiddetta accoglienza.Ora per fortuna non gli credono più nemmeno gli africani tant’è che, appena appena arrivati in Italia,fanno di tutto per valicare le Alpi)mica sono italiani.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 06.02.18 10:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

2
Così, in un nanosecondo, milioni di maghrebini – ignari del livello medio di attendibilità di ogni parola che esce dalla bocca di B. (zero) – si fecero l’idea che l’Italia fosse diventata il loro Paese di Bengodi. E prepararono i bagagli.
Ora confrontate quelle parole con queste, pronunciate sempre da B. a La7, il 28 dicembre 2017: “Una volta i poveri del mondo non sapevano nulla di come si vive nei paesi del benessere e quindi non avevano spinte a spostarsi, lasciare la loro patria e venire qui. Adesso anche nelle più sperdute tribù dell’Africa esistono dei grandi schermi televisivi con delle batterie, anche senza corrente. E alla sera tutto il villaggio si raduna a vedere la televisione che illustra la nostra vita. Quand’ero in Congo a costruire un ospedale per bambini, ebbi l’invito da una di queste tribù e mi trovai in un villaggio senza luce ma con il grande schermo funzionante”.
Lì, aggiunge commosso, “un ragazzo di 20 anni, che aveva i piedi nudi e la stessa maglietta da cinque anni, mi disse: la nostra più grande aspirazione è venire da voi per cambiare la nostra vita e quella dei nostri figli”. Chissà se, su uno di quei tipici maxischermi da villaggio (turistico?), il giovanotto aveva visto e sentito B. promettere il paradiso in terra ai migranti africani come neppure la Boldrini al brindisi di Capodanno. Chissà se era informato del Trattato militare siglato nel 2008 dal novello dottor Schweitzer col regime di Gheddafi per riempirlo di armi, tecnologie e opere pubbliche in cambio della chiusura a ogni costo (stragi, repressioni e campi di concentramento nel deserto) dei flussi migratori dalle coste libiche. Chissà se sapeva che, due giorni dopo l’intervista alla tv tunisina, l’apostolo dei migranti aveva esaltato a Tripoli, accanto all’amico colonnello, i balsamici effetti dei respingimenti in mare.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 06.02.18 10:03| 
 |
Rispondi al commento

1
Silvio Boldrinoni
Marco Travaglio
Era il 23 agosto 2009 e lui,a parte un colorito mogano-palissandro,era tirato a lucido e laccato come un sanitario Ideal Standard.Lui nel senso di Silvio Berlusconi,ancora premier,reduce da una visita di Stato in Tunisia e in partenza per la Libia dall’amico Gheddafi,rilasciò una memorabile intervista alla tunisina Nessma Tv,che aveva appena comprato in società col vecchio compare Tarak Ben Ammar(presente quel giorno in studio con lui)e con l’amico Gheddafi.Lì il Cainano, ammiccando con l’occhio lubrico da latrin lover all’avvenente conduttrice che lo riempiva di elogi,lanciò un appello agli africani perché si trasferissero in massa a casa nostra:“Noi italiani abbiamo il dovere di guardare a quanti vogliono venire in Italia con una apertura totale di cuore. E di donare a coloro che vengono in Italia la possibilità di un lavoro,una casa,una scuola per i figli e la possibilità di un benessere che significa anche la salute e l’apertura di tutti i nostri ospedali alle loro necessità e questa è la politica del mio governo…È necessario incrementare le possibilità per la gente che vuole tentare nuove opportunità di vita e di lavoro,occorre aumentare le possibilità di entrare legalmente in Italia e negli altri Paesi europei.Questo è ciò che voglio sia fatto,non solo in Italia,ma in tutta Europa”.A quel punto l’occhio da cascamorto virò nell’occhio umido da caimano:“E poi bisogna dire che gli italiani sono stati un popolo che ha lasciato l’Italia e che è emigrato in altri Paesi La cosa più terribile sono le organizzazioni criminali,che approfittano della speranza degli altri,delle persone che sono nella miseria e che vogliono donare a se stessi e ai propri cari un futuro migliore.E allora si affidano a persone che con imbarcazioni non sicure si mettono in mare, con tragedie a ogni istante”.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 06.02.18 10:02| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori