Ecco la vera rimborsopoli: 1,75 miliardi incassati dai partiti illegittimamente

In questi giorni tv e giornali hanno parlato molto di rimborsi, tirando fuori una faccenda che hanno chiamato “Rimborsopoli”. Nessuno, però, vi ha raccontato veramente cos’è rimborsopoli e chi sono quelli che questi “rimborsi” se li sono intascati veramente, senza lasciarne traccia: dal 1994 al 2015 i partiti come Forza Italia di Silvio Berlusconi e il Pd di Matteo “Boomerang” Renzi, hanno preso dalle tasche degli italiani 1,75 miliardi di euro. Che fine hanno fatto questi soldi?

di Danilo Toninelli

Quello che ho in mano dottor Vespa è la vera rimborsopoli. Lei sa che nel ’93 è stato approvato, con il 94% degli italiani, un referendum che aboliva finalmente il finanziamento ai partiti. Nel ’94 si fa una legge che cambia la parola finanziamento in rimborso. Ma rimborso significa: mi viene restituito quanto spendo. Allora, sappiamo chedal ’94 al 2015 – fonte l’Espresso – i vecchi partiti hanno incassato dallo stato 2 miliardi e 500 milioni di euro e hanno speso – quindi dovevano vedersi restituiti in qualità di rimborsi – 727 milioni. Risulta allora che più di 1.75 miliardi di euro sono stati incassati illegittimamente dai partiti. Questa è la vera rimborsopoli.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr