Il Blog delle Stelle
Decreto Popolari, sull'inchiesta su Renzi e la 'soffiata' a De Benedetti adesso indaga Perugia

Decreto Popolari, sull'inchiesta su Renzi e la 'soffiata' a De Benedetti adesso indaga Perugia

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 7

articolo tratto da IlFattoQuotidiano

La verità giudiziaria sull’acquisto delle azioni delle banche popolari, operato dall’ex presidente del gruppo Espresso, Carlo De Benedetti, dopo aver saputo dall’ex premier, Matteo Renzi, dell’imminente decreto che le trasformava in Spa, non è più soltanto nelle mani del pm Stefano Pesci e del procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone.

Ora è anche nelle mani della procura di Perugia, guidata da Luigi De Ficchy. Il Fatto è in grado di rivelare che la procura perugina – dopo l’esposto presentato da Elio Lannutti, presidente onorario dell’Adusbef, oggi candidato per il M5S – ha aperto un fascicolo per verificare se, da parte dei magistrati romani che hanno condotto l’inchiesta, vi siano stati comportamenti od omissioni che integrino ipotesi di reato. E, per verificarlo, risulterà indispensabile valutare gli atti dell’intera vicenda che ha portato la procura di Roma a chiedere l’archiviazione del broker Gianluca Bolengo. Parliamo dell’uomo che, per conto di De Benedetti, il 16 gennaio 2015, investiva 5 milioni in azioni delle banche popolari, con un profitto di 500mila euro. Bolengo viene intercettato mentre De Benedetti gli chiede: “Salgono le popolari?”. Il broker gli risponde: “Sì, se passa un decreto fatto bene, salgono”. E De Benedetti: “Passa, ho parlato ieri con Renzi, passa”. E l’investimento parte all’istante.

Da questa conversazione nasce l’informativa della Consob – trasmessa anche al Nucleo speciale di polizia Valutaria della Gdf – che porta la procura di Roma ad aprire il fascicolo. Bolengo viene iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di ostacolo alla vigilanza. Ed è l’unico. La procura di Roma – che sceglie di affidare le indagini a due periti e non alla Gdf – non iscriverà mai Renzi e De Benedetti nel registro degli indagati: sono stati entrambi sentiti come persone informate sui fatti. Fin qui, la cronaca dell’inchiesta romana. Sulla vicenda, però, interviene ora la procura di Perugia.

I pm del capoluogo umbro non entreranno, come ovvio, nel merito delle indagini condotte dai colleghi romani: non è uno scontro tra procure. La procura di Perugia intende verificare se i pm capitolini, nell’istruire il fascicolo, abbiano commesso reati oppure no: è l’unica competente a indagare sui colleghi della capitale. E l’esposto presentato da Lannutti ha espressamente chiesto al procuratore De Ficchy di “valutare e/o indagare circa la sussistenza degli estremi per avviare un procedimento per responsabilità penale o civile nei confronti dei magistrati” che hanno indagato sul caso Renzi – De Benedetti. Il motivo: ricevuta dalla Consob l’informativa sulla vicenda, la procura di Roma avrebbe aperto un fascicolo modello 45, ovvero quello per degli “atti per le notizie non costituenti notizia di reato”. Una procedura, denuncia Lannutti, “espressamente vietata dal codice penale e da una circolare del ministero della Giustizia”.

Al Fatto risulta che ieri Lannutti è stato sentito dalla procura di Perugia, proprio in merito al suo esposto, confluito nel fascicolo appena aperto. Un fascicolo che, per il momento, non vede alcun indagato, ma di certo dimostra un fatto: la Procura di Perugia sta indagando su eventuali reati commessi dai pm romani. Una notizia esplosiva. A poche settimane dalle elezioni, peraltro, rischia di produrre un effetto collaterale. Essere strumentalizzata a fini politici: Lannutti, infatti, è oggi candidato alle elezioni per il M5S. I fatti però raccontano altro. Fu proprio Lannutti, nel gennaio 2015, non appena la vicenda Renzi – De Benedetti venne alla luce, a chiedere alla procura di Roma d’indagare. Parliamo di ben tre anni fa. Ha proseguito con l’esposto inviato a Perugia.

Al di là delle strumentalizzazioni, piuttosto, siamo dinanzi a una vicenda che ha necessità di essere chiarita il prima possibile. In primo luogo perché l’inchiesta riguarda la più importante procura italiana. Infine perché s’intreccia – inevitabilmente – con un caso unico nella nostra storia: il patron del principale gruppo editoriale italiano scoperto a investire i propri soldi dopo aver ricevuto informazioni, su un imminente decreto, dal presidente del Consiglio in persona. Se esistono altre verità da scoprire, questa volta, toccherà svelarle ai pm di Perugia.

SOSTIENI IL RALLY PER ANDARE AL GOVERNO CON UNA DONAZIONE:

scopriprogramma.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

2 Feb 2018, 10:15 | Scrivi | Commenti (7) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 7


Tags: 600 mila euro, de benedetti, m5s, popolari, procura, renzi, telefonate

Commenti

 

perche' la Giustizia Italiana non aresta questo CRIMINALE?

fabio S., roma Commentatore certificato 04.02.18 11:51| 
 |
Rispondi al commento

De Benedetti è innocente, lo giuro sull'onestà di Renzi...

Zampano . Commentatore certificato 03.02.18 10:30| 
 |
Rispondi al commento

I fatti sono lampanti, e le scuse di De Benedetti da una parte sono inconsistenti, dall'altra costituiscono una confessione.
1) DB ha ammesso di aver avuto le informazioni ma 'senza un termine temporale preciso, se ne parlava da tanto tempo': appunto, se ne parlava da anni, e lui caso vuole acquista subito prima del decreto. Si sa, in finanza il timing è fondamentale, le indiscrezioni hanno effetti immediati, poi, se non realizzate, divengono irrilevanti, addirittura deprimono i corsi, e di questo può approfittare l'insider, come è in effetti avvenuto
2) DB 'se avessi avuto la certezza avrei investito molto di più': in realtà la quantità dipende dai volumi disponibili sul mercato, e infatti già quell'ordine fece scattare la segnalazione di operazione sospetta (evidentemente l'ingordo aveva già così esagerato)!

Infine vorrei fosse chiaro che a fronte dei suoi guadagni, ci sono stati risparmiatori che hanno venduto 'sottocosto', ingannati dal non avere le giuste informazioni per poter dare corretta valutazione dei loro 'beni': insomma raggirati!-INSIDER TRADING-
E Renzi, ha un amico che approfitta x speculare delle confidenze ricevute, e non lo caccia a calci nel sedere? E certo però, REPUBBLICA!

Mauro FERRANDO Commentatore certificato 02.02.18 21:34| 
 |
Rispondi al commento

La manovra di Renzi (di trasformare le popolari in spa), nasconde anche
altre verità, di cui si parla molto poco.
Si è letto che Renzi ha voluto modificare (fra l'altro) il peso del voto
che avevano i soci. In una banca popolare ogni socio ha diritto a un voto,
indipendentemente dalle quote, mentre invece in una spa quello che possiede
un maggior numero di azioni ha un voto di peso maggiore. Questa
riorganizzazione ha permesso anche la vendita delle popolari ai grandi
istituti bancari (Unicredit e Intesa San Paolo).Nel Veneto, la modifica
della ragione sociale delle banche, ha fatto sì che le pmi (abituate a
lavorare con i prestiti bancari), si siano ritrovate senza soldi liquidi,
chiudendo in massa. Praticamente c'è stata la distruzione dell'economia
veneta. Questa è stata la conseguenza della manovra di Renzi (almeno è
quello che si legge)

Paola 02.02.18 20:15| 
 |
Rispondi al commento

Era ora santo cielo! Un caso di Insider Trading chiaro ed evidente come il sole, e nessuno se ne occupa! Negli Stati Uniti il signor De Benedetti sarebbe già da un pezzo sotto processo. Qui il Porto Delle Nebbie capitolino archivia tutto!
Che Paese arretrato, che Paese assurdo!
Un Presidente del Consiglio dei Ministri che parla con un noto oligarca, spifferandogli notizie che dovrebbe tenersi per sè, e quello ne approfitta per fare un po' di grana in Borsa. Dopodiché si presenta in televisione a prendere per il culo gli italiani, con la compiacenza della cosiddetta giornalista che lo sta intervistando, dicendo che dell'imminente decreto sulle popolari lo sapevano tutti. Ma dove si vedono mai 'ste cose, oltre che in Italia?

Aberto O., BERGAMO Commentatore certificato 02.02.18 12:18| 
 |
Rispondi al commento

La mia paura è che tutto svanisca come una bolla di sapone. Esistono giudici politicizzati e una casta anche nella magistratura....

Zampano . Commentatore certificato 02.02.18 10:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori