Il Blog delle Stelle
2 marzo, piazza del Popolo, Roma: un giorno memorabile

2 marzo, piazza del Popolo, Roma: un giorno memorabile

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 130

di MoVimento 5 Stelle

Il 2 marzo a partire dalle 17.30 ci troveremo tutti insieme in piazza del Popolo per festeggiare insieme la chiusura della campagna elettorale. È importante esserci tutti, organizzatevi con pullman, macchinate, blablacar, aereo, nave. Come volete! Ma siateci perchè sarà un giorno memorabile che racconterete ai vostri figli e nipoti.

Un giorno di festa, una serata per ritrovarsi tutti insieme dopo il lungo rally. Un momento per condividere le emozioni che abbiamo vissuto attraversando tutte le piazze, percorrendo strade e autostrade, dopo essere stati accolti nelle case degli italiani, nei mercati e nelle aziende. Un rally che ci ha permesso di ascoltare la quotidianità, i sacrifici e le gioie di chi cammina a testa alta e non vende il suo voto ma lo protegge, tra la gente che si informa e con noi ha discusso, argomentato, affrontato questioni complesse e ci ha visto interrogarsi insieme, per trovare insieme delle risposte che siano risposte per tutti, e non solo per gli interessi di qualcuno. 

Un rally che ci ha fatto ancora una volta apprezzare la bellezza e la complessità del nostro Paese, da nord a sud: l’unicità delle nostre differenze che si tengono insieme nel riconoscersi tutti Italiani.

La sera del 2 marzo sarà ancora una volta momento di condivisione e ascolto. Saremo tutti in piazza per portare avanti la battaglia per una sanità che funzioni, una scuola che sia formazione reale nel rispetto degli alunni e degli insegnanti, la volontà di consegnare dignità alla ricerca universitaria, creare le basi per una società che abbia nelle fonti alternative di energia il suo futuro, una mobilità sostenibile e non inquinante. Per dare finalmente all’Italia un governo di cambiamento.

Porteremo con noi la speranza e la convinzione che un Paese che ama la democrazia per davvero, lotta senza sosta e senza ipocrisie contro la corruzione e le mafie. Un Paese che non mette operai contro imprenditori, ma che insieme sono la parte sana e produttiva di un’Italia che nel suo “made in Italy” ha il senso di una storia ricca di genio ed inventiva. 

Un giorno in cui tutti potremo ritrovarci, dopo aver portato avanti un rally quotidiano, che ci ha visto camminare a testa alta davanti agli attacchi continui, perché abbiamo l’orgoglio di aver restituito i soldi dei cittadini alle piccole e medie imprese. 

L’orgoglio di aver tenuto fede alle nostre promesse, oltre le normali difficoltà di creare una nuova coscienza e cultura politica. Siamo orgogliosi di tutti voi che sarete con noi la sera del 2 marzo perché senza di voi non ce l’avremmo mai fatta. E tutti insieme andremo avanti fino alla sera del voto, per cogliere l’occasione storica di dare un futuro che abbia a cuore la dignità degli italiani.

Partecipa. Scegli. Cambia!

SOSTIENI IL RALLY PER ANDARE AL GOVERNO CON UNA DONAZIONE:

scopriprogramma.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

24 Feb 2018, 11:54 | Scrivi | Commenti (130) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 130


Tags: 2 marzo, Campagna elettorale, chiusura campagna, piazza del popolo, rally

Commenti

 

L'ANTAGONISTA DEL GOVERNO DI MAIO (La DX)

Quella volta a fondare Forza Italia erano in 4:
Berlusconi, Dell'Utri, Previti e Tajani.

Uno e finito ai servizi sociali, un altro è in carcere, il terzo è stato condannato e non potrà più far parte dell'Amministrazione Pubblica, e l'ultimo è l'ultimo rimasto.

Tajani sarebbe un capo del Governo di un Governo già nato morto.

AVANTI TUTTA CON UN M5S OLTRE IL 40% PER UN GOVERNO DI MAIO E I SUOI MINISTRI

Roberto F. Padova 03.03.18 00:04| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici siamo arrivati alla fine di un percorso pieno di insidie, trabocchetti e cattiverie perpretate contro chi ha solo deciso di servire la patria con onore, dignità e rispetto della volontà popolare.
Non voglio credere che ci siano persone che possano ancora votare la vecchia politica solo perchè hanno avuto favori.
Non è possibile continuare a svendere le nuove generazioni per l'illusione egoistica di sistemare la nostra posizione personale.
Purtroppo la gente dimentica troppo presto tutto ciò che di male ha ricevuto da una classe politica silente quando avrebbe dovuto parlare e imbonitrice quando deve chiedere voti.
Non si può fare tutto e il contrario di tutto solo per ricevere il consenso. Il popolo ha il diritto di sapere che la legge Fornero, l'accoglienza spropositata dei migranti e le politiche di austerità le hanno votate sia la destra che la sinistra. Non è vero che ce le imponeva l'Europa e lo dimostra il fatto che oggi tutti sono disposti a sforare il famoso 3% del Pil.
Se anche questa volta avrete paura di osare non lamentatevi più. E' vero! Ognuno ha quello che si merita.
Non lasciatevi prendere dalla pigrizia ma andate a votare. Oltre che un dovere civico è un dovere morale. Fatelo per i vostri figli, per i nipoti e per gli anziani. Fatelo anche per voi, perchè solo così vi sentirete parte di uno Stato che troppo spesso è stato assente nella vostra vita.
Ho sempre creduto in tanti valori. Credo nella libertà di pensiero, nella solidarietà e nell'amicizia, nell'onestà, nell'amore, nella lealtà e non permetto ad alcuno di offendere la mia dignità e sensibilità d'animo. Ho il difetto di dire con vigore quello che penso e senza intermediari guardando dritto negli occhi il mio interlocutore.
Oggi vi chiedo qualcosa che non è per me o per qualcuno in particolare, ma è soprattutto per voi, per liberarvi di un cattivo consigliere "l'Indifferenza"....... il 4 marzo votate la coerenza, votate M5S

Giuseppe Di Benedetto 02.03.18 17:11| 
 |
Rispondi al commento

il 4 marzo voto e farò votare M5S, ne condivido il programma ed i valori che fanno riferimento alla questione morale. Ottima la disciplina interna del movimento. Il mio voto vuole anche essere una legnata morale sul groppone dei repubblichini del rosatellum. Circa i populismi, Gentiloni il mite ed educato et cloroformizzato, si guardi allo specchio, lui li rappresenta molto bene. Conto di essere presente. Un bel saluto Toto

antonio daltio 02.03.18 09:36| 
 |
Rispondi al commento

Salve sono un disabile in carrozzina ma vorrei partecipare ho un'accompagnatore, sapreste indicarmi se c'è qualche viaggio organizzato per la manifestazione di venerdì 2 marzo piazza del popolo a Roma ?
Partenza da genov ? Grazie w il movimento 5 🌟🌟🌟🌟🌟👍

massimiliano fiandra 28.02.18 14:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salve sapreste indicarmi se c'è qualche viaggio organizzato per la manifestazione di venerdì 2 marzo piazza del popolo a Roma ?
Partenza da Asti o Alessandria ? Grazie w il movimento 5 🌟🌟🌟🌟🌟👍

Maurizio Danelli 27.02.18 08:40| 
 |
Rispondi al commento

E sììììììììììììììììììììì se viene anche Beppe allora carichiamo la macchina e veniamo tutti!
Bisogna dare una svolta di polso al paese, bloccando lo ius soli, chiudendo le frontiere, pattugliando i mari con gli incrociatori.
Braccio fermo e testa alta per il paese in cui viviamo dai tempi di Romolo e Remo.
Roma deve tornare a essere una vera Capitale dove il futuro del paese viene diretto con destrezza, uscendo dai ceppi della Unione Europea, ritrovando la sovranità monetaria, battendo moneta finalmente da popolo sovrano sotto la guida di LUIGI DI MAIO nostro Premier.
E che le zecche rosse spariscano dalla nostra vista, o un buon esilio non lo si nega a nessuno.
Italiani di nerbo, uniamoci!
Dal 2 marzo al 4, giorno delle Elezioni!
Per il paese.
Per l'Italia sovrana tutta.
In alto i cuori e fuori la voce.

Giuseppe A. Marini 26.02.18 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Che pena la Emma Bonino l'altra sera dalla Gruber. E' in Parlamento da 8 legislature!
GABRIELLA

Gabriella Celino 25.02.18 18:46| 
 |
Rispondi al commento

Ieri mi sono dimenticato lo IUS soli, lasciamo stare l'Europa è l'Italia che deve fare questa legge sacrosanta!!

Remo Marmo 25.02.18 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Ricordiamoci sempre e ricordiamolo a tutti (cosa che non si fa abbastanza) che noi siamo tutti figli di BEPPE e di GIANROBERTO. Due grandi uomini a cui gli italiani non saranno mai grati abbastanza.

CARLO A., TARCENTO Commentatore certificato 25.02.18 16:36| 
 |
Rispondi al commento

I Magnifici Tre,l'impari sfida,anche a suon d'ottanta euro + arretrati pioventi a pioggia in impari "concorso" elettorale (con NOTEVOLE aggravio di spesa pubblica a futuro carico) rende tale sfida dura mission però potete ancora farcela.
Robe semplici negli appelli conclusivi dopo il Grande impegno da Voi e dai Vs.Parlamentari Coerenti profuso:DISCIPLINA ED ONORE,Secondo i Padri Costituenti dovevano bastare poche semplici parole.
Auguri e cordialità dalla ROMAgna.

enzo bargellini, Santarcangelo di Romagna Commentatore certificato 25.02.18 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna votare in massa il movimento 5stelle, altrimenti sarà meglio fuggire da questo paese. Speriamo bene...

max 25.02.18 11:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il paese è vicinissimo a cadere nel baratro, sono 4 governi che il popolo non ha eletto i rappresentanti, il lavoro non c'è, la ripresa nemmeno, non funziona nulla, l'immigrazione ha perso il controllo, gli italiani poveri sono sempre di più e a cosa si pensa? Al fascismo.

Il fascismo è stato abolito per costituzione. Casa Pound e Forza Nuova, che tanto sono odiati dalle organizzazioni partigiane, dai centri sociali ecc., sono due partiti che hanno il diritto di essere rappresentati alle prossime elezioni.

Basta non votarli se qualcuno pensa che possano far tornare lo spettro del fascismo. Ignorarli.

Facendo manifestazioni e quant'altro, si sposta il fulcro dei problemi di questo paese che non sono certo rappresentati da 4 gatti che voteranno quei due partiti.

Se poi sono più di 4 gatti, c'è da chiedersi perchè.

Prima di Mussolini c'era il socialista Giolitti, ancora governo di sinistra prima di Hitler....

La capacità delle sinistre di governare è sempre stata un fallimento.

Patty Ghera 25.02.18 10:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'è la ripresa!!!!
Eeeeccome si riprendeeee.
Pensate una ripresa sul mercato dell'auto!
Pensare che se entra sul mercato la vettura Cinese le nostre vetture sono invendibili.
Nà ripresa pe' 'i fondelli!
Vogliamo smetterla di farci prendere in giro?
Siiii???? e allora il 4 Marzo vota per il cambiamento!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 25.02.18 10:11| 
 |
Rispondi al commento

Beppe Grillo

Ho un po’ di frammenti di pensiero, quando sento parlare di governabilità: “il paese ha bisogno di sicurezze, di governi solidi, ha bisogno di affidarsi a un governo solido”. Ma cosa significa? Che tipo di governabilità? Cosa è la governabilità? Qual è la democrazia nella governabilità di questa gente? Dove è la governabilità? In Svizzera? E’ governabile la Svizzera? E’ governata la Svizzera? C’è un governo, ci sono i cittadini che decidono con un referendum alla settimana sui progetti, che cosa fare, se fare un buco al San Gottardo, aumentarsi, diminuire le tasse, abolire, non abolire il canone della televisione, sono i cittadini, quella è la governabilità dei cittadini.

Allora vorrei dirvi, tanto per puntualizzare, cosa significa governabilità, che le riforme più grandi della nostra storia sono state fatte in 12 anni dal 1968 al 1980 dove sono cambiati 15 governi e mezzo, ogni anno cambiava un governo e mezzo, quindi non c’era governabilità, eppure sono state fatte le più grandi riforme della nostra storia. Riforma dello Stato, sono state istituite le Regioni e le autonomie locali, lo Statuto dei lavoratori, la legge fiscale, le leggi sulla casa, il diritto di famiglia, il divorzio, l’obiezione di coscienza è stato riconosciuto, gli organi collegiali della scuola e circoscrizioni, voto ai diciottenni, consultori familiari, depenalizzazione dell’aborto, riconoscimento dell’aborto libero e gratuito, e assistito. Tutto in quei dodici anni lì con un governo e mezzo che spariva, ne arrivava un altro e un altro. Non venitemi più a parlare di governabilità!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.02.18 10:07| 
 |
Rispondi al commento

OT ELETTORALE:
Non solo Embraco-Whirlpool. Dalla Candy alla Zoppas, passando per la K Flex. Sono centinaia le aziende o multinazionali con stabilimenti in Italia che, negli ultimi anni, per sfuggire a tasse e burocrazia hanno annunciato il trasferimento all’estero, anche dopo aver ricevuto finanziamenti pubblici. Vanno in Cina, Russia, ma anche Polonia e Slovacchia. Nonostante gli aiuti ottenuti dal governo italiano, ma anche da Regione e Provincia di Luisiana Gaita
^^^^^^^^
Questo il risultato dei "capaci" in obbedienza alla globalizzazione dell'economia.
Ma i posti di lavoro aumentano ...seee... bastardi!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 25.02.18 10:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MILIONI DI PERSONE CON IL MOVIMENTO 5 STELLE PER CAMBIARE STO BENEDETTO PAESE.. L'ITALIA..

Aumenti di stipendio programmati ed virtuali nel settore pubblico (mancia elettorale e compravendita di voti evidente), stampa fascista e tendenziosa, dati farlocchi sulla ripresa economica che, secondo l'assunto dei politici e dei giornalisti sapienti, è dovuta all'opera del governo..
La verità è una semmai: l'Ialia cresce nonostante il governo italiano e grazie soprattutto al lavoro e all'ingegno degli italiani oltre che congiunture economiche del momento...
non certo per il governo in carica e tantomeno per il job act che semmai deprimono,se mai possibile, l'economia e la testa degli italiani..
Non vogliono perdere il potere, non vogliono perdere il ghigno e l'arroganza di chi la sa lunga e vince le elezioni politiche..
E' ora di dire basta ad anni di chiacchere e messe in scen...anche perché peggio di questi del PD o di un puttaniere e di un mentecatto con la camicia verde che prima inveiva coi meridionali poi adesso con i neri penso sia molto difficile fare.. e nonostante qualche inghippo del leggero Di Maio e qualche cazzata del movimento penso che gli Italiani comprendano e ci daranno fiducia..

Tiziano B, Brindisi Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 25.02.18 09:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tanto affannarsi contro un 'fascismo' che non esiste, quando sono proprio loro che volevano urinare sulla Costituzione! ed è già la seconda volta che ci provano in poco più di dieci anni.
C'è una deriva antidemocratica in atto, un'ideologia neoliberista che ci porterà dritto a una dittatura finanziaria.
La caduta dell'impero sovietico potrebbe decretare anche la morte della democrazia....... a meno che non li fermiamo.
Vincolo di mandato, recall e divieto di firmare 'contratti' che violino i principi costituzionali!

il Barone Zazà 25.02.18 09:30| 
 |
Rispondi al commento

INTERCETTAZIONI
“Quelli competenti”
Marco Travaglio-25 Feb 2018.
Facciamo un esempio. Il tunisino Mohammed è intercettato dalla Procura di Roma perché sospettato di spacciare droga per conto di una gang di connazionali malavitosi. Ascoltando le sue telefonate, la polizia giudiziaria scopre che il tizio è dà appuntamenti notturni ai presunti clienti in un giardino pubblico. Altre telefonate dimostrano che ha pure un’intensa attività sessuale con diverse ragazze ed è solito vantarsi delle sue prestazioni con una certa Fatima chiacchierando con l’amico del cuore Abdullah, che abita a Napoli. Con la legge attuale, alla scadenza delle intercettazioni, la polizia giudiziaria consegna al pm un rapporto investigativo con la trascrizione-brogliaccio delle sue telefonate penalmente rilevanti (sullo spaccio) e con un’annotazione che registra solo i destinatari e l’oggetto delle telefonate penalmente irrilevanti (sulle notti brave), senza trascriverle. Se il pm, leggendo i riassunti, ha il dubbio che qualche telefonata non trascritta possa essergli utile, la ascolta. E così l’avvocato di Mohammed: se, puta caso, il tunisino risultava a casa di una ragazza la notte in cui è accusato di aver spacciato droga, anche la telefonata a sfondo sessuale diventa rilevantissima, perchè contiene l’alibi che può scagionarlo.
Ora, come ha spiegato ieri il Pg di Palermo Roberto Scarpinato sul Fatto, la legge sta per cambiare: il 25 luglio entrerà in vigore il decreto delegato del ministro Andrea Orlando sulle intercettazioni. Cosa cambia? La polizia giudiziaria non dovrà più informare il pm su tutte le conversazioni intercettate, ma solo su quelle ritenute (da lui) rilevanti, trascrivendole nei verbali-brogliacci;invece quelle che il poliziotto riterrà irrilevanti per la sua indagine non dovrà più riassumerle nell’annotazione,a meno che non gli venga il dubbio che siano rilevanti. Certo il pm non riceverà più una riga su condotte private,tipo quelle sessuali,in nome della privacy

SEGUE SOtto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.02.18 09:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

**3
Martin Luther King disse: “Prima o poi arriva l’ora in cui bisogna prendere una posizione che non è né sicura, né conveniente, né popolare, ma bisogna prenderla perché giusta”.
Per questo chiediamo a Giulia Sarti di continuare a rendere onore al proprio movimento e al Paese proseguendo le sue battaglie come parlamentare dello Stato italiano e chiediamo a Luigi Di Maio e ai probiviri di respingere l’autosospensione di Giulia, prendendo così, come insegnò il reverendo King, la decisione giusta.

Salvatore Borsellino
Paola Caccia
Angela, Gino e Gianluca Manca
Stefano Mormile
Vincenzo e Augusta Agostino

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.02.18 09:15| 
 |
Rispondi al commento

**2
per averlo sperimentato sulla nostra pelle, dell’importanza di non isolare le vittime, facendole diventare, in un perverso gioco di omertà e silenzi, doppiamente vittime.
Giulia Sarti è una vittima. Giulia Sarti non si è intascata quel denaro, lo sapete benissimo anche voi, altrimenti l’avreste espulsa sin dall’inizio assieme agli altri otto deputati.
Ora apprendiamo dalla stampa la decisione di Giulia di autosospendersi. Come si sono autosospesi coloro i quali erano stati accusati di aver falsificato le firme per le elezioni comunali di Palermo; come coloro i quali erano stati indagati, dopo aver assunto funzioni pubbliche, per diversi reati e in diversi comuni e regioni, nell’arco di questi cinque anni. E apprendiamo, sempre dalla stampa, di voci che la vorrebbero espulsa a breve. Giulia, che è stata la prima a denunciare, che non è mai stata raggiunta neanche dalla voce di un’indagine nei suoi confronti (a differenza di altri suoi colleghi, parlamentari o sindaci, che sono rimasti, però, giustamente al loro posto), che in tutta questa storia è la parte lesa. Oltre il danno, la beffa, verrebbe da dire.
Il silenzio che, in questo momento, la circonda è assordante.
Comprendiamo l’importanza del viso pulito che il Movimento deve mostrare per le prossime elezioni. Allo stesso tempo riteniamo fondamentale che un partito che mira a governare questo disgraziato Paese si assuma il dovere – ma anche il diritto – di difendere le proprie vittime e il loro status di vittime, che non si giri dall’altra parte, che non le isoli, che non le lasci in pasto all’opinione pubblica (che ovviamente ha meno informazioni di voi per farsi un’opinione) solo perché questo potrebbe portare meno grane.
Nonostante il momento per lei ricco di sofferenze, in questi giorni Giulia ha continuato a spendersi senza remore – come potrete ben verificare dai lavori della Commissione – per l’antimafia e per gli ideali che voi dite di voler portare avanti.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.02.18 09:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

**1
DICHIARAZIONE DI SALVATORE BORSELLINO
Gentili Luigi Di Maio e probiviri del M5S,
in questi anni avrete compreso quanto complicato e pieno di insidie sia non solo il lavoro che vi siete assunti l’onere di portare avanti ma anche l’animo umano. Vi siete trovati tra le vostre fila mele marce, banderuole, ipocriti e scorretti, tutti con giustificazioni più o meno umanamente comprensibili. Allo stesso tempo, per fortuna, avete conosciuto il senso dello Stato, l’impegno e l’onestà di tanti altri vostri colleghi deputati, che hanno portato alti i valori sui quali si basa il vostro Movimento.
Giulia Sarti è una di queste persone. Seguendo il suo lavoro da vicino, per ovvie e comprensibili ragioni, abbiamo avuto contezza della preparazione, della perseveranza, del coraggio e dell’etica di questa giovane donna, che ha reso onore al sacrificio di tanti uomini e donne di Stato, stando vicino ai familiari delle vittime lasciati soli da quello stesso Stato per il quale avevano dato la vita i loro cari, continuando con tutta se stessa la battaglia per la verità e la giustizia. Giulia Sarti, per quelli come noi che l’hanno conosciuta e avuto al fianco, incarna i valori fondamentali come l’onestà, la lealtà, l’impegno, la voglia di combattere per questo Paese. Estrometterla dal Movimento minerebbe la fiducia delle persone come noi che hanno la presunzione di conoscere i veri valori e, nel nostro piccolo, propagarli.
Comprendiamo la delicatezza del momento e della situazione in cui vi trovate. Ci rendiamo conto che il cavallo di battaglia sul quale avete scelto di puntare maggiormente, nella competizione elettorale che si accinge a svolgersi, è l’etica e la presa di distanza da qualsiasi familismo possa intaccarla. Comprendiamo le ragioni che vi hanno portati ad allontanare chi si è scoperto non aver rispettato le promesse fatte, prima che con voi, con gli elettori. Allo stesso modo, però, sappiamo anche riconoscere una vittima e siamo assolutamente consapevoli,

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.02.18 09:14| 
 |
Rispondi al commento

Io ho sempre compreso tutte le ingenuità del M5S per il bene del Paese, ma a questo proprio non posso soprassedere.
Ma per chi cavolo ci avete preso?
Dopo anni di serrato attivismo e sacrifici mi avete perso con un premio del casso.
Siamo peggio di Salvini.
Addio

Enzo Altieri, Potenza Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 25.02.18 09:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il peggior fascismo è quello del potere che condanna solo il fascismo in piazza ma è cieco sul fascismo nelle istituzioni e nelle leggi.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.02.18 09:00| 
 |
Rispondi al commento

Forza M5S ! Dobbiamo essere NUMEROSISSIMI, venerdì 2 marzo, a Roma, in piazza del Popolo !!!

NUMEROSISSIMI !!!!!
NUMEROSISSIMI !!!!!
NUMEROSISSIMI !!!!!

vincenzo matteucci 25.02.18 08:55| 
 |
Rispondi al commento

CREARE IL MINISTERO PER L'IMMIGRAZIONE ED INTEGRAZIONE COME ISTITUZIONE PUBBLICO UNICA SOLUZIONE PER RISOLVERE LA QUESTIONE D'IMMIGRAZIONE

RISOLVERE LA QUESTIONE D'IMMIGRAZIONE NON E' SOLO UN SLOGAN ELETTORALE MA E' UNA NECESSITÀ PER L'ITALIA.

Il rapporto Amnesty International 2017-2018 - E’ un’Italia intrisa di ostilità, razzismo, xenofobia” che “sembra concentrare più di altri Paesi europei le dinamiche di tendenza all'odio, accentuata dalla clima della campagna elettorale e rischia di trasformare disaggio sociale dei veri propri disordini.

90% dei immigranti sono destinati a rimanere in Italia perché altri paesi Europei non li vogliono, ma le Cooperative e Caritas li vogliono qui, più sono più riescono a fare milioni di fatturato.

Esercito di migranti destinati ad assaltare e distruggere quello che rimane del mercato di lavoro offrendo la mano d'opera a basso costo e distruggendo i diritti dei lavoratori.

L'immigrazione in massa dall'Africa non è una emergenza umanitaria ma è indotta, come un arma ai poteri forti i signori del mondialismo e promotori dei confini aperti e i loro porta voce PD e +Europa.

Risultati;

Gli immigranti lavorano in condizione di schiavitù e lavoratori Europei costretti a lavorare con salari di immigranti e la povertà diffusa e permanente.

LA POLITICA INTERNA E' RICATTABILE E NON PUÒ ESSERE DETTATA DALLE COOPERATIVE E DALLA CARITAS QUELLA ESTERA DALLE MILIZIE LIBICHE


*C
Poi c'è la moglie di Angelino, Tiziana Miceli, avvocato civilista, che a incarichi sta messa bene: ne ha ricevuti 5 dalla Consap, la concessionaria dei servizi assicurativi pubblici. Poi ha ottenuto incarichi anche dalla Provincia di Palermo e dall'Istituto autonomo case popolari. Poi arrivano i cugini, Antonio e Giuseppe Sciumè, dirigenti di Rete ferroviaria italiana e di Blueferries e Viviana Buscaglia, assunta all'Arpa Sicilia. Insomma una vera banda famigliare a delinquere. Ed è per gente simile che dovremmo votare?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.02.18 08:50| 
 |
Rispondi al commento

*B
Nel 2015 Alfano fa avere alla moglie consulenze e appalti. La moglie Tiziana incassa grazie a lui la bellezza di 358 consulenze dall'agenzia di riscossione siciliana. E poi Alfano sistema cugini, cognati, amici...
Il 5 luglio 2016 appare in un'intercettazione che svela una rete di tangenti tra politici, enti e ministeri, con l'assunzione alle Poste del fratello minore a 200.00 euro l'anno.
Aggiungiamo ai suoi abusi che ha usato 27 volte l'aereo di Stato per faccende private.
Il 6 dicembre 2017 Alfano ha annunciato che non si sarebbe ricandidato e che lasciava la politica. In effetti il suo partito (sia che si chiami Nuovo Centro destra o Alternativa Popolare) marcia male ed è in piena tempesta giudiziaria. Spuntano da ogni parte gravissimi reati che coinvolgono 73 indagati (tra cui un prefetto, un ex governatore, un ex presidente della Provincia, un ex direttore dell'Agenzia delle Entrate, un ex direttore dell'Inps, il presidente dell'Antitrust) che vanno dall'associazione per delinquere alla truffa, dalla corruzione al voto di scambio, dal riciclaggio alle false comunicazioni sociali fino all'inquinamento ambientale. E la famiglia Alfano c'è dentro fino al collo. Ecco perché Alfano, il peggior Ministro degli Esteri mai esistito, quello che ha permesso alla Cia di sequestrare e rapire la moglie di un dissidente kazako) è costretto a dimettersi (dopo 4 legislature, dal 2001).
L'ultima storia è quella di assunzioni pilotate per parenti ed amici fatte dalla Girgenti Acque, società di gestione del servizio idrico e fognario in molti comuni di Agrigento, in cambio di favori. Nella famiglia del Ministro si scopre che hanno fatto carriera tutti. Tutti assetati di incarichi e posti di potere. Nel luglio 2016 l'inchiesta su tangenti, politica e imprenditoria coinvolge il fratello e pure il padre che avrebbe spinto per 80 curriculum per assunzioni in Poste Italiane.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.02.18 08:50| 
 |
Rispondi al commento

*A
GLI UOMINI DEL PRESIDENTE. Viviana Vivarelli.
Dicono che i 5stelle sono giovani e impreparati ma il Pd e Forza Italia come li scelgono i loro uomini? Vediamo quel bel campione di ANGELINO ALFANO.
Angelino Alfano è stato, non si è mai saputo per quali meriti, Ministro della giustizia nel governo BERLUSCONI IV, Ministro dell'Interno e vicepresidente del Consiglio dei ministri nel governo LETTA, Ministro dell'Interno nel Governo RENZI, Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale nel Governo GENTILONI.
Cos'è che lo rende tanto appetibile da sinistra a destra?
Non sembra particolarmente intelligente o simpatico o pieno di virtù, però:
-Un video lo riprende al matrimonio della figlia del boss mafioso di Palma di Montechiaro.
-Nell'ottobre del 2009 il pentito di mafia di Racalmuto lo accusa di aver chiesto aiuti elettorali alla mafia, per mezzo del padre anch'egli politico.
-Lo stesso giorno Carmelo D'Amico, ex killer diventato super testimone dell'inchiesta sulla trattativa tra Stato italiano e Cosa nostra, accusa Alfano e Schifani di essere stati messi in politica da Cosa nostra secondo quanto è venuto a sapere dal suo compagno di carcere Nino Rotolo, boss di Pagliarelli fedelissimo di Bernardo Provenzano.
In seguito, Alfano avrebbe voltato le spalle ai boss della mafia, inasprendo il 41 bis e facendo leggi sulla confisca dei beni e così la mafia non avrebbe più votato per Forza Italia. --Salvatore Buzzi, braccio dx di Massimo Carminati a Roma condannato a 19 anni per le vicende di Mafia Capitale ha riferito ai Pm che nella gestione del Cara di Mineo la cooperativa "La Cascina" aveva rapporti diretti con Alfano in un sistema perfetto che consentiva a Odevaine di distribuire soldi a pioggia sul territorio.
-Nel 2014 Alfano fa rimuovere le telecamere di videosorveglianza dalla casa del pm antimafia Pierpaolo Bruni.

SEGUE

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.02.18 08:49| 
 |
Rispondi al commento

Con la Raggi a Roma e con l'Appendino a Torino,così come nelle altre amministrazioni a 5 stelle, non si ruba più, Basterebbe solo questo per giustificare pienamente un voto al Movimento. Se dovessero andare a governare il paese nessuno avrebbe modo di rubare, senza essere mandato via a calci nel sedere,o meglio ancora in galera, con una severa legge anticorruzzione.Proprio quello che gli "esperti" che hanno governato fino ad ora,vedono come il fumo negli occhi. Per fare questo,però, se non c'è il sostegno del popolo non sarà mai possibile,l'unica forza per scardinare questo sistema marcio è il potere che ha il popolo con l'arma del voto. L'alternativa è dare la possibilità ai vecchi partiti di continuare a fare i loro affari, di continuare ad affamarci e di portarci nel baratro di sistemi autoritari. Non votare significa dare una mano a tutto questo. Voto ,quindi senza se e senza ma al Movimento anche se per qualcosa non si è daccordo.

Vincenzo . Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 25.02.18 08:13| 
 |
Rispondi al commento

NO ASTENSIONISMO.
Bernardo mi scrive:
Cara Viviana, da quando ci sono voto per i 5S (non solo alle politiche) e lo farò anche il 4 marzo, ma Di Maio non mi piace molto e sopratutto non mi piacciono le posizioni ondivaghe su argomenti come euro, vaccini, ecc. Spero che non tradiscano le ns. aspettative come Tsipras in Grecia ...ma lo temo molto.
Mi è arrivato questo link di un filmato youtube: spero che si sbagli, ma se avesse ragione sarebbe l'ultima volta che voto. So che una volta se ti recavi al seggio e facevi verbalizzare che non votavi perché nessuno riscuoteva la tua fiducia, il tuo non voto non
poteva essere utilizzato a favore di nessun partito e se fossero stati milioni si sarebbe potuto decimare camera e senato senza bisogno di nessuna legge per ridurre il n.dei parlamentari. Credo che sia "l'Astensionismo Attivo" di cui parla il filmato nel suo
finale ...ne sai qualcosa? Questo il link del filmato:
https://www.youtube.com/watch?v=WbJbpwnYqRA&feature=youtu.be
Grazie, Bernardo
.
Caro Bernardo,il filmato è abile.E' un incollo furbastro di frasette pescate qua e là.Ma in questo modo si può dire tutto di tutto.Lo scopo quale è?Portare al nichilismo e al non voto.
Se ti vuoi astenere, astieniti.
E l'astensione a che serve? A chi ha il potere adesso,che così non avrà avversari e potrà continuare a governare allo stesso modo.
E' questo che vuoi?E' indubbio che l'astensione aiuta solo chi vuole che l'Italia resti com'è. Il che vuol dire che diventerà anche peggio.
Scrive Alessandro:"L'astensione rende ancora più valido il voto di scambio,il voto comprato. E quindi i partiti sempre meno si preoccupano della forte astensione,anzi ne sono contenti,perché così,grazie al numero sempre crescenti di quelli che non votano, i voti che si comprano contano ancora di più e si dimostrano un sempre migliore investimento".
Votare è un atto di speranza,come innamorarsi, sposarsi,cercare un lavoro,mettere su casa
Certo,le tue speranze potrebbero essere deluse

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 25.02.18 07:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ci sono ancora problemi-
mi arriva una mail quando inserisco un commento, poi alla richiesta di conferma mi manda al blog di Beppe e mi da errore_
ovvero errore sito inesistente

FABIO B., bologna 25.02.18 05:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

prova

FABIO B., bologna 25.02.18 05:02| 
 |
Rispondi al commento

I migliori auguri per tutto, sono con voi anche quelli che non potranno venire.

AVANTI TUTTA CON UN M5S OLTRE IL 40%

Robert F. Padova 24.02.18 23:47| 
 |
Rispondi al commento

"Altro aspetto importante riguardo le candidature è stato la "caccia alla celebrità".................

---------------------------------------------------------------------


io sono stato uno di quelli che qui' dentro ha chiesto di candidare persone capaci e possibilmente conosciute.

1) di quelli che poi sono risultati massoni (o in generale non in linea con le regole del m5s), non ne conosco neanche uno. e immagino che anche tu non abbia mai sentito parlare di uno di loro finora.

2) riguardo le capacita', mi sembra logico candidare gente capace, intelligente e onesta. e' mancata l'onesta (intellettuale)', ma la colpa non e' della "capacita'".

cioe', il problema non e' stato l'aver candidato persone capaci e conosciute, ma che alcuni candidati sono risultati non impeccabili, o almeno non all'altezza dei parametri di correttezza del m5s. e questa e' un'altra cosa, che accade anche se metti in lista incapaci e sconosciuti.

carlo 24.02.18 23:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Da questo punto di vista le lamentele dei principali partiti politici sono pura ipocrisia perché condividono con Juncker l’obiettivo di applicare il fiscal compact, sia pure con varianti diverse. Al centro destra e al centro sinistra – di cui giova ricordare che fanno parte Lega e LeU, che hanno votato il pareggio di bilancio in Costituzione e che non chiedono di toglierlo – si è aggiunto anche il Movimento 5 Stelle che su questi temi ha cambiato radicalmente posizione. Caro Luigi
chi scrive questo non e' uno qualunque
e lo scrive su un giornale non qualunque_

Mentre i 5 stelle di Beppe Grillo erano per fare il referendum sull’euro, i 5 Stelle di Di Maio propongono nel loro programma di tagliare il debito pubblico di 40 punti in 10 anni. Visto che il fiscal compact prevede il taglio di 70 punti di debito in 20 anni, chiunque può facilmente capire che i 5 Stelle propongono di applicare una versione peggiorata del fiscal compact (in cambio di una maggiore possibilità di manovra sul deficit). Si capisce perché Di Maio è stato accolto bene dalla City….

FABIO B., bologna 24.02.18 22:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sosteniamo alcune idee che nel nostro paese mai saranno condivise e pertanto mai penso mai andremo al governo.
Siamo favorevoli a:Eutanasia, matrimoni gay, cannabis, eliminare la scuole paritarie.
Siamo gli unici che possiamo salvare questo paese però quanto sopra sarà decisivo. L'Italia è un paese cattolico!!
Spero tanto di sbagliarmi!!!!
Sono un Grillino da almeno vent'anni.
Tanti, tanti cari auguri e cambiate le suddette brutte idee.

Remo Marmo 24.02.18 20:54| 
 |
Rispondi al commento

Dobbiamo stare con i piedi sulla terra.

La prossima settimana sarà ancora più difficile di quelle appena trascorse.

Parliamo dei nostri programmi: conflitto di interessi, il reddito di cittadinanza è da spiegare meglio per evitare che passi il concetto delle malelingue che ripetano su tutte le TV/giornali che aiuta i fannulloni, beni comuni e no alle grandi opere, migliorare la sanità e la scuola in tutta la penisola, carcere certo per i delinquenti, cancellare dal vocabolario italiano il termine furbo e sostituirlo con quello più inerente: delinquente, ecc..

Beppe

giuseppe belotti 24.02.18 20:51| 
 |
Rispondi al commento

esiste un pullman che parte da Torino per andare a Roma il 2 marzo a buon prezzo organizzato dal movimento in modo che più persone possano partecipare?

andrea franco 24.02.18 20:34| 
 |
Rispondi al commento

Se il 4 marzo, non riusciamo a bucare questo sistema partitico liberista, il popolo italiano dovrà soffrire ancora e per molto tempo.
Ricordiamoci che ottenemmo la costituzione più bella, dopo le immani sofferenze e dolori provocati dell'ultima guerra e dai molti anni di regime fascista.

Paola 24.02.18 19:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Infiltrati decisi a tavolino? Giustizialisti dell'ultima ora che vogliono cacciare anche chi di fatto e' a posto con la legge o chi ha una multa amministrativa per qualche violazione? Meta' dei ragazzini di oggi che sono stati sanzionati per una canna non potranno mai un domani sfiorare la partecipazione politica quindi?? Bella ciao di qua e giovinezza di la? E che si governerebbe mai il 5 marzo? Ma che gente c'e' in questo paese? Gente schifosa! Se non nelle azioni nei pensieri. Gente ignorante! Da istruire per almeno due secoli prima di ipotizzare capisca qualcosa del mondo. Gente fuori dal mondo contemporaneo! Incapace di vedere oltre i suoi piccoli piedi. Anche molti di quelli che si dicono 5s o voteranno 5s non hanno capito un accidente del senso e penseranno di votare cosi' solo per poter arraffare qualcosa di meglio per se. Qua non c'e' un bel popolo solo uno contro l'altro per rogne da comari. Mi spiace per Beppe , mi spiace per i puri di cuore come Diba e mi spiace per me che al momento da qui non posso andarmene ma ormai e' il primo e l'ultimo desiderio delle mie giornate. Il 5 marzo indipendentemente dagli eventi saremo sempre la solita brutta gente italiana che siamo diventati.

asia martinelli 24.02.18 19:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dove posso trovare i curriculum dei candidati (su Roussou non sono visibili, il reindirizzamento su beppegrillo.it non funziona)

Vittorio Paniccia 24.02.18 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Caso Tasso: ma che razza di documenti bisogna controllare per non essere presi in giro ?
Questa è una c....ta grossa. Non per il reato ma per la vulnerabilità dimostrata !

Giovanni Baroso, Torino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 24.02.18 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Caro Harry Haller il sabotaggio o meglio l'infiltrazione di certi candidati è stata studiata a tavolino e da molto tempo, coinvolge molte persone e se ricostrusci tutta la storia, come e quando è partita, come si è sviluppata e l'epilogo, capirai anche tu. Il post su questo blog dove parlo di cavalli di Troia è di circa 1 mese fa e la domanda chiave non è perché il M5S ha candidato certe persone ma perché certe persone hanno scelto il M5S per candidarsi! Scommetto che saranno eletti con un gran numero di voti, e non voti a 5 stelle! Siamo stati solo ingenui?


Berlusconi a fatti e misfatti pochi minuti fa:
"Comehanno fatto vedere, i 5 stelle hanno già imparato a rubare."

DENUNCIATELO SUBITO!

Gianluca S., Prato Commentatore certificato 24.02.18 18:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

È così difficile controllare i candidati? Oltre i certificati perché non fate fare una dichiarazione ai candidati davanti al notaio che conoscono e prendono atto delle regole del M5S e sono in regola con le stesse?


Antifascisti in piazza a Milano contro CasaPound: insulti e attacchi alla polizia

Centri sociali e antagonisti in piazza contro CasaPound: "Chiudere i covi neri subito". Poi lo scontro con le forze dell'ordine

***********

Insulti e attacchi alla polizia da parte dei centri sociali è essere davvero democratici!

Patty Ghera 24.02.18 18:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Che trio fantastico ♥️
Speriamo che per 2 il Buran se ne sia andato.

Danila R., Porto San Giorgio Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 24.02.18 17:54| 
 |
Rispondi al commento

Per fortuna che c'è il M5S, altrimenti i partiti ci avrebbero fatto tornare indietro ai giorni bui del terrorismo di destra e sinistra. Oggi loro, gli stessi soggetti di 30 anni fa,si leccano le ferite in piazza. Il M5S onora la Costituzione con i fatti. Noi rispettiamo la storia, ma abbiamo gli occhi e il cuore rivolto al futuro. Il presente ci preoccupa ma non ci spaventa. I partiti vivono sulle elezioni. Oggi cercano il consenso per non chiudere bottega o l'azienda politica. Vi siete mangiati l'Italia e non siete ancora sazi. Ci pensano gli elettori. Ora siete nel panico,grandi uomini e piccoli comparse. Dovete chiedere scusa agli Italiani.

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 24.02.18 17:18| 
 |
Rispondi al commento

votate sinistra o vincono i fascisti votate destra o vincono i comunisti
questo trucchetto funzionerà ancora?

dico la mia 24.02.18 16:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Italianiiiiiiii.
Davvero volete ridare il potere a quellq gente che per anni ci ha preso per i fondelli ???.
Davvero volete ridare il potere a chi per anni ha sfruttato il popolo per non rinunciare ai loro privilegi ???.
Davvero volete ridare L'Italia a chi ha distrutto l'onore,l'orgoglio,l'umilta'e la liberta' di ogni singolo cittadino Italiano ???.
Davvero volete ridare L'italia a chi difende i veri delinquenti, la mafia e gli spacciatori e da dell'evasore e del ladro al cittadino Italiano ???.
Davvero volete votare chi ha ridotto i giovani Italiani a dei violenti senza un futuro e senza speranze ???.
Davvero credete alle stronzate che sparano in tv.

Ebbene se volete tutto questo, vi proibisco di votare M5*.

Spegnete i televisori e non ascoltate quel branco di ladroni che per 50 anni hanno succhiato il sangue al Popolo Italiano.

Spegnete tutto e Accendetevi il 4 marzo votando solo e sempre M5*

italo libero 24.02.18 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quante falsità e menzogne su facebook ! Sto postando come un ossesso rintuzzando il mare di bugie e evidenziando le verità , i ladrocini e tutte le schifezze dei politici professionisti ! Rinnovo l'esortazione al controllo delle votazioni , abbiamo la possibilità di seguire i riversamenti al Viminale e gli spogli ?

vincenzo di giorgio 24.02.18 15:28| 
 |
Rispondi al commento

EMA, agenzia europea dei medicinali, non verrà collocata nella sede italiana di Milano. Tutto questo nonostante Milano avesse una sede adatta e spettasse all'Italia ospitare l'agenzia.
La motivazione, l'Italia avrebbe perso al sorteggio con l'Olanda.
I poravoce europei però fanno ispezioni e cercano di capire dove l'Olanda ospiterà la nuova sede.
Ebbene, non solo è stata destinata una sede provvisoria inadeguata, ma quella definitiva è ancora sulla carta. Non c'è neppure un cantiere con le fondamenta predisposte, c'è solo una spianata.
Abbiamo visto i Gentiloni strillare, ma nessuno è andato a controllare che la gara di assegnazione era poco trasparente, che il Parlamento Europeo non ha potuto esprimersi, vedere le carte ed esprimere un parere.
Pare siamo ancora una volta in presenza dei soliti parlamentari italiani assenti dai tavoli decisionali, in sede europea.
Che cosa serve ora strillare, quando le cose sono già state decise?
Se ne devono andare a casa, non sono in grado minimamente di curare e difendere gli interessi dell'Italia, non ne hanno neppure voglia. Hanno persino mancata attenziano sull'assegnazione a Milano, un comune da loro governato. INCAPACI.

Paola 24.02.18 15:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Magari i politici che definiscono Grillo un pagliaccio fossero seri come lui!!!!!!!

Patty Ghera 24.02.18 14:29| 
 |
Rispondi al commento

ARTICOLO SU: IL MATINO DI PADOVA
Cinquestelle, il giudice: "Manca democrazia interna" Il caso dell'attivista padovana Maria Elena Martinez esclusa dalle "Parlamentarie"

Questa è una cosa delicata ed interna, è inutile che la stampa come il Mattino di Padova anche oggi sui 5 Stelle faccia articoli sul nulla ed esalti le scandalose componenti leghiste e forziste, con il fine di giustificargli tutto (vedi l'assenteismo dalle camere del noto Ghidini eppure ben remunerato con i soldi dei cittadini ogni mese da anni e anni).

Ci sono cose che si possono dire e altre che per opportunità magari anche a tutela dell'aspirante candidata evidentemente non vanno dette, anche per salvaguardare la sua immagine prima di tutto: penso convintamente io.

Magari per la Martinez, che rispetto profondamente, la cosa lascia la bocca amara; ma il capogruppo Berti voglia o non voglia deve occuparsi anche di queste incombenze. E' inutile che la stampa fautrice del disastro politico economico nel Veneto, quella che ha lanciato in auge gente come, Galan, Bitonci, Zaia, in campagna elettorale faccia gli articoli sulle dichiarazioni di una campana che non è sintonizzata con il movimento. Stia zitta la stampetta locale se non ha elementi sufficienti per affrontare un esclusione, e racconti con più verità le condizioni in cui vivono città e regione dopo le amministrazioni leghiste, forziste e del Pd, invece di raccontare balle sulle nuove imprese che non ci sono e tacere quelle che scompaiono.

Oggi mentre facevo colazione al bar, il Mattino di Padova ha fatto ridere persino i polli che votano Lega e la Forza Italia di Brunetta: basti questo per capire a che punto di discredito sulla fiducia sono arrivati i giornali italiani, in particolare quelli nel Veneto.

Roberto F. Padova 24.02.18 14:20| 
 |
Rispondi al commento

Forza a tutti, nonostante le difficoltà, STUPIAMOLI!!!

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 24.02.18 14:05| 
 |
Rispondi al commento

ITALIA AGLI ITALIANI

Ad una settimana delle elezioni l’Italia ritrova quel clima di antagonismo morto e sepolto da anni,almeno speravamo, ma forse qualcosa di diverso è successo in questo ultimo decennio.
Lo scontro dalle piazze si è trasferito nei palazzi e si è politicizzato poi è tornato indietro come una sorta di boomerang e si è banalizzato.
L’Italia agli Italiani senza capire che ci stiamo rimbambendo,destra e sinistra,fascista,estremista,moderato inventandoci lo straniero come convogliatore di sfogo non proprio di rabbia.Noi Italiani non siamo mai stati razzisti e in verità fa più rabbia la notizia di una testa calda che spara senza motivi al “nero” etichettandoci tutti come violenti e fautori delle armi .Questa non è una battaglia che stanno conducendo ideologie diverse ma una sorta di voler affermare il primato di aver ragione quando nessuno ce l’ha.
I tempi sono cambiati eppure media e politica tentano ancora di riportarci nel medioevo in quanto dovremmo essere tutti uniti per affrontare nuove sfide invece di restare ancorati a vecchi stereopiti.
Queste elezioni non sono come le altre qui c’è in gioco un nuovo modo di vedere le cose per un futuro che ci hanno propinato piatto ma non deve essere necessariamente quello.Lo scontro tra le categorie sociali,tra lavoratori e disoccupati o peggio tra ricchi e poveri,incompetenti ed esperti,statali e imprese,cittadini e immigrati sarebbe solo un ulteriore tentativo di distrazione dal nostro principale compito.
Abbiamo la possibilità di partecipare alla progettazione del nostro futuro,non è una passeggiata perché ora abbiamo la responsabilità in quota capitale, uniti abbiamo tutti di più.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 24.02.18 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Rega', so' annato a ascorta' er Dibba: sta a fa' n' lavoro egregio, davero bravo ner comunica' e a entrà in sìmpatìa e ner core d'a ggente: er lavoro suo, l'impegno davero ammirevole, nun va però sprecato co' candidature sbajate e scerte forse co' troppa fretta: l'erore ce sta, 'o so, è umano, ma 'azz, questi, ma chi 'i manna???...... (possibbile siano così miserabbili da nasconne gravi motivi de incompatibbilità ben sapendo quale danno d'immaggine porteranno ar Movimento 'na vorta "beccati"?? O davero, c'è stato n' lavoro de sabotaggio e de infiltrazzione studiato a tavolino??.....)

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 24.02.18 13:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

3
Ma ha cominciato a esternare e a presenziare, come tarantolato. Ha iniziato a distribuire patenti di incompetenza a tutti, tranne che a se stesso e, chissà perché, alla Bonino. Ha preso a stalkerare la sindaca Raggi, trascinandola su un fantomatico “tavolo per Roma” dove lui porta a spasso il suo monumento equestre senza un euro in tasca.
Intanto collezionava un paio di successi (tipo Ideal Standard) e vari flop, da Alitalia a Ilva a Embraco. Quest’ultimo è il gruppo brasiliano che trasloca da Torino dove più gli conviene, cioè in Slovacchia.
Cioè segue alla lettera il Calenda-pensiero, convinto di fare cosa gradita al fan sfegatato di tutti i trattati mondiali per il libero scambio e la libera circolazione delle merci, dei soldi e dei lavoratori come lui.
Invece, sorpresa: stavolta Calenda, a favore di telecamera, s’incazza contro la libera circolazione di Embraco. “Gentaglia!”, tuona furibondo, come se bastasse qualche vaffa per fare un ministro competente (nel qual caso, l’incompetente Beppe Grillo sarebbe molto meglio di lui).
La verità è che il ministro dello Sviluppo economico dovrebbe creare le condizioni per attirare e trattenere gli investitori stranieri, non insultarli quando se ne vanno. Perché, se non riesce a persuaderli, il fallimento è tutto suo. Ma il suo fiasco, grazie ai leccalecca dei giornaloni, diventa un trionfo: anvedi er sor Calanda come jele canta.
Risultato: altri 500 posti di lavoro in fumo (in aggiunta alle decine di aziende fuggite all’estero negli ultimi anni, ma lontano dalla campagna elettorale, dunque senza un pigolio del ministro).
Ora Crema di Calendula, che non è iscritto al Pd e se ne dichiara “alternativo”, infatti fa campagna per la Bonino, domanda al Pd Emiliano cosa c’entri col Pd. Come se Renzi chiedesse a B. cosa c’entri con Forza Italia. Ma forse non è l’esempio più azzeccato.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.02.18 12:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

2
Ora,per carità,va bene tutto.Ma Emiliano è da 11 anni il segretario del Pd pugliese,è stato due volte sindaco Pd a Bari,è presidente Pd della Regione e un anno fa si è candidato a segretario Pd.Invece Calenda,che distribuisce e revoca tessere del Pd a chi pare a lui,al Pd non è nemmeno iscritto perché lo giudica “un circolo chiuso”.Del resto, alle elezioni 2013 si candidò con Monti e fu ovviamente trombato.Perché lui porta sempre buono.Era a bordo anche dell’altro celebre Titanic della politica italiana:Italia Futura di Montezemolo(in qualità nientemeno che di “coordinatore politico sul territorio”,infatti Italia Futura sfuggiva ai radar),col quale aveva collaborato alla Ferrari prima di passare a Confindustria
A quei tempi ripeteva prima e dopo i pasti che “l’Agenda Monti è l’unica strada per la modernità” e “noi siamo alternativi ai Dem,li batteremo” Siccome però quelli come lui,nati bene e cresciuti anzi pasciuti anche meglio,non possono vivere un solo giorno col culetto scoperto, appena bocciato dagli elettori Calenda fu raccattato dal governo Letta come viceministro dello Sviluppo. Renzi lo confermò, ma nel 2016 lo spedì a Bruxelles come un pacco postale, in veste di “Rappresentante permanente dell’Italia presso l’Ue”. Permanente si fa per dire: Calenda arrivò il 21 marzo e il 10 maggio era già di ritorno.
Giusto il tempo di far incazzare i diplomatici di carriera, poi abbandonò l’amata Europa per afferrare al volo il ministero dello Sviluppo lasciato vacante dalla Guidi e riservato, com’è noto, agli emissari di Confindustria. Lì piantò radici e restò imbullonato anche con Gentiloni. La sua attività ministeriale s’è trascinata sanza infamia e sanza lode, fra una crisi irrisolta e l’altra, una marchetta agli industriali di qua e una di là, fino alla campagna elettorale.
Lui, ci mancherebbe, si è ben guardato dal candidarsi: molto più comodo occupare poltrone all’insaputa degli elettori, essendone fra l’altro sprovvisto (di elettori, non di poltrone)

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.02.18 12:37| 
 |
Rispondi al commento

1
“Crema di Calenda”
Marco Travaglio. 24 Feb 2018
Michele Emiliano, come spesso gli accade, ha detto una cosa saggia: “Se il Pd non fosse il primo partito e Mattarella desse l’incarico a Di Maio, e ad altre ipotesi non voglio pensare, farò ogni sforzo perché il Pd sostenga il M5S nella formazione del governo”. Il vulcanico governatore pugliese lo ripete da tempo: un movimento che da cinque anni, salvo brevi intervalli, è la prima forza politica del Paese non può essere escluso in eterno dall’area di governo e merita di essere messo alla prova. Non perché esista la certezza che governerà bene, ma perché in democrazia non si può ignorare per tanto tempo la volontà della maggioranza (relativa) degli elettori.
Infatti già nel 2013, appena rieletto a sindaco di Bari, Emiliano aveva offerto alcuni assessorati ai 5Stelle, che ancora si beavano nel loro dorato isolamento e rifiutarono. Ora che Di Maio si appella ad altri partiti per condividere un programma in pochi punti, anche l’alibi dei 5Stelle chiusi a riccio è caduto. Le tre alternative a un governo sostenuto dai M5S, LeU e almeno una parte del Pd sono una peggio dell’altra: tornare subito a votare con la schifezza del Rosatellum; un governissimo Renzusconi con voti comprati e Gentiloni a Palazzo Chigi; un governo Tajani a trazione berlusconian-leghista, sempre con voti comprati.
Poteva mancare a quel punto l’illuminato parere del ministro-prezzemolo onnisciente e onnipontificante Carlo Calenda, detto Crema di Calendula perché è un impacco che si porta su tutto, dai foruncoli alla crisi di Roma, dalla micosi del piede ai disastri Ilva e Alitalia, dall’acne giovanile al caso Embraco? Non poteva. “Sostengo la coalizione di centrosinistra perché abbiamo bisogno di una classe dirigente seria”, twitta il Calenda, “ma ogni volta che vedo (sic, ndr) una dichiarazione di Emiliano la determinazione vacilla. Non comprendo cosa c’entri con il Pd”.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.02.18 12:35| 
 |
Rispondi al commento

L’AMACA del 30/01/2018 (Michele Serra)
30/01/2018

Nel pittoresco pacchetto chiamato “centrodestra” è scontato dover registrare porcherie razziste e fasciste di vecchio e nuovo conio.
Si va dalla forzista Roccella che vuole abrogare le unioni civili perché rappresentano «la fine dell’umano», alla sindaca leghista di un paesino del Varesotto (una sorridente signorina) che nel Giorno della Memoria ricorda ai gay di «pijarlo in culo», alle famose esternazioni del presentabile Fontana in difesa della «razza bianca». Va beh, li conosciamo, bastava cinquant’anni fa leggere il Borghese, oggi il Giornale, per apprezzare la continuità ideale.
Il fascismo non è, nella storia italiana, un incidente.

Nella speranza che si tratti, invece, solo delle frange guaste di un tessuto sano e democratico, ci si domanda piuttosto come mai passi sotto semi-silenzio la colossale truffa politica che sta non “ai margini”, ma nel cuore di quella alleanza.
Un partito europeista, Forza Italia, e uno antieuropeista, la Lega, come possono reggere una parte così ipocrita, se non per puro cinismo elettorale? Esiste forse, oggi, una divisione altrettanto netta quanto quella tra unionisti europei e sovranisti nazionali? Chi vota Berlusconi sa di votare contro Salvini? E chi vota Salvini sa di votare contro Berlusconi?
E i media puntano i riflettori sul gigantesco equivoco o sono tutti a palpitare per la lite tra Pd e Leu, che al confronto è una storiella piccola?
Da La Repubblica del 30/01/2018.
(Peccato che Serra il suo humor greve non sappia lanciarlo allo stesso modo contro il centrosinistra)

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 24.02.18 12:32| 
 |
Rispondi al commento

vi seguirò in streaming....grazie di esistere!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 24.02.18 12:09| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori