Il Blog delle Stelle
Negozi chiusi durante le feste, famiglie più felici

Negozi chiusi durante le feste, famiglie più felici

Author di Luigi Di Maio
Dona
  • 96

di Luigi Di Maio

Ho un appello da fare a tutte le forze politiche. Prima delle feste di Natale, prima dello scioglimento della legislatura, il Senato deve approvare la proposta di legge a prima firma Michele Dell’Orco, già approvata alla Camera dei Deputati all’unanimità, che dice una cosa molto semplice: tutte le famiglie hanno il diritto al riposo anche quelle che posseggono o gestiscono esercizi commerciali.

La proposta prevede che su dodici giorni festivi all’anno sei devono essere di chiusura per i negozi. Questi giorni devono essere contrattati fra associazioni di categoria e i Comuni ma garantiscono che il 25% degli esercizi commerciali a rotazione deve restare aperto. Approvando questa legge si istituirebbe, inoltre, un Fondo per il sostegno delle piccole imprese del commercio.

Le liberalizzazioni selvagge di Monti e dei decreti Bersani hanno fallito. Hanno solamente spalmato su sette giorni lo stesso incasso che i negozi facevano prima in sei. A fronte di nessun beneficio economico, le conseguenze sociali sono state disastrose. I negozi sempre aperti dal lunedì alla domenica senza rotazioni e senza possibilità di chiusura hanno massacrato le famiglie degli esercenti che non si riposano più. I bimbi devono crescere a contatto con i loro genitori.

Famiglie più felici sono la premessa di una Italia più forte!

SOSTIENI IL RALLY PER ANDARE AL GOVERNO CON UNA DONAZIONE:

scopriprogramma.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

11 Dic 2017, 10:00 | Scrivi | Commenti (96) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 96


Tags: di maio, famiglie, festivi, m5s, negozi chiusi, proposta di legge

Commenti

 

Grandi!!!! Per favore fate qualcosa per noi abbiamo tutti il diritto di passare le feste e le domeniche con le nostre famiglie!!! Si sopravvive cmq se i negozi e i supermercati sono chiusi nei festivi e la domenica!!!

Cinzia Bosi 04.06.18 21:25| 
 |
Rispondi al commento

solo i politici fanno sempre le feste a casa!
ora anche ad altri questo "privilegio"..

pasquale 17.12.17 22:55| 
 |
Rispondi al commento

Buonanotte Mr, Mrs e Miss per il nuovo anno si avvicina più preoccupazioni per voi ora caso questo piccolo messaggio è il mio segno di testimonianza per il servizio ben reso perché ho appena ricevuto il mio prestito oggi. Per l'acquisto di immobili è vero che attraverso Internet ci sono cose che accadono, ma vi chiedo per coloro che hanno bisogno che un fegato che si contatta la signora Marie Sabine Lauret per il suo servizio si prega di essere sicuri che siete di fronte a un Affari falsi perché senza fidarsi di voi, ci si può fidare l'altro grazie e bene a voi. Contattarlo oggi e fargli sapere la quantità di denaro che si desidera prestare. È pronto a soddisfarvi
Voilà sono posta: aide-personnel_financier-01@hotmail.com

erika 15.12.17 19:14| 
 |
Rispondi al commento

Parlo da commerciante,lo strapotere dato ai centri commerciali e alle loro INSANE abitudini di tenere aperti i negozi 7 giorni su 7, oltre alla crisi economica, hanno distrutto e stanno distruggendo i piccoli commercianti. Se, come spero, il M5S dovesse governare, vi chiedo di inserire nel programma un punto destinato ai commercianti che limiti l'apertura di centri commerciali piccoli comuni e con regole sulle aperture, ma soprattutto CAMBIARE IL PERIODO DEI SALDI perchè così come sono oggi sono un ulteriore martirio... PER LA MERCE INVERNALE I SALDI DEVONO INIZIARE A MARZO NO A GENNAIO DOPO LA BEFANA (così si toglie lavoro anche durante le festività) MENTRE PER LA MERCE ESTIVA DEVONO INIZIARE A META' SETTEMRE. Abolire gli studi di settore e ancora di più le tasse sul magazzino (rimanenza) perchè io devo vivere e non posso pagare tasse sull'invenduto e visto che oramai l'invenduto è almeno il 60% di rimanenza MI DITE COME FACCIO OLTRE CHE A PAGARE LA MERCE E LE VARIE SPESE MENSILI DEVO PAGARE TASSE SUL PRODOTTO IN RIMANENZA?

marcello gasperoni 15.12.17 18:33| 
 |
Rispondi al commento

ANATEMI DI DONVITO DELL'ADUC ANALOGIE AI TEMPI OSCURI DI ATEI E ROGHI

La proposta M5S Luigi Di Maio sarà anche strumentale come sostiene Donvito.
Resta il fatto che essa entra nella profonda contraddizione,inconciliabile,tra capitale e persone.

Donvito richiama appunto l'eresia,ovvero "VIOLAZIONE DIRETTIVE COMUNITARIE";
ed ancora la minaccia di condanna al rogo "PERORARE LEGGI CHE VIOLANO LE NORME IN VIGORE,BISOGNEREBBE STARE ATTENTI";
sancisce il verbo inconfutabile della santissima trinità,ovvero "COMMERCIO,LAVORO,FAMIGLIE,UN TRIO BENEFICIARI ATTUALE SISTEMA LIBERO NON CREDIAMO ABBIANO MOLTA VOGLIA NON ESSERE PIU’ TALI";
infine termina in modo ambiguo "SENTIAMO COSA NE DICONO TUTTI,E POI NE RIPARLIAMO".

A quest'ultima frase,rispondo "Che forse,quelle che eufemisticamente chiamiamo PARTI SOCIALI,ovvero quel TUTTI,lo si vorrebbe intimamente,quale transustanziazione eucaristica,trasformare in voto anche per per essi ?

Per Lei Donvito,accecato dall'oscuro e subdolo capitale,la Befana porterà,in armonia alle sue desiderate,solo nero carbone liberista.
camillo.coppola@tin.it

https://avvertenze.aduc.it/editoriale/orari+negozi+perche+nostro+paese+va+avanti+stento_27175.php

Camillo Coppola (camillo.coppola@tin.it), Napoli Commentatore certificato 15.12.17 15:11| 
 |
Rispondi al commento

se "Dio vuole"
questi cialtroni
un giorno non POTRANNO PIU' calpestare la vita delle persone
---------------------------------
e gli intellettuali da strapazzo
verranno intellettualmente strapazzati_

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 14.12.17 05:47| 
 |
Rispondi al commento

CHIUSI
CHIUSISSIMI
-------------------------------
non si discute

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 14.12.17 05:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

iniziativa da portare avanti ad ogni costo.

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 14.12.17 05:15| 
 |
Rispondi al commento

Spiace rilevare come troppa gente, anche in questo Forum non capisca che il problema non è SOLO dover lavorare la domenica ed altre feste, non è solo poter andare in chiesa. E' un problema di qualità di vita nelle città.
I centri commerciali possono tenere aperto tutti i giorni e tutte le ore perchè possono far turnare il personale, acquistano grande quantità di merce e possono vendere quindi a prezzi più bassi, sorgendo fuori delle città dispongono di parcheggi gratuiti per cui la gente va a comprare senza l'assillo del costo della sosta. I piccoli negozi dentro le città non possono turnare il personale per tenere aperto durante le festività, perchè sono a conduzione familiare o con pochi dipendenti, che devono avere i giorni di riposo. Questo significa che il piccolo commercio in città chiude (tutti noi lo vediamo quotidianamente). Le città, con negozi chiusi diventano sempre più sporche, più buie, più insicure, quindi peggiora la vita di tutti i cittadini, anche degli intelligentoni che se ne fregano delle condizioni di lavoro degli altri. Oltretutto anziani e non automuniti avranno sempre più difficoltà a trovare negozi vicinali per acquistare quello che gli serve. Perchè plaudite alla liberalizzazione degli orari fatta da Monti? Siete allora anche d'accordo con la Fornero. Sveglia!!! Dobbiamo cambiare questo Paese! Se non lo capite votate Berlusconi & Renzi e smettetela di inquinare il Movimento coi vostri commenti che plaudono allo status quo.Bravo Di Maio!!!

Roberto C., Venezia Commentatore certificato 13.12.17 22:45| 
 |
Rispondi al commento

Approvo la chiusura domenicale le famiglie
Vadano a fare un giro all'aperto invece di chiudersi in centri commerciali. .impedendo a chi lavora di stare insieme ai propri famigliari. .la domenica è riposo per tutti

ANNA TUZZOLINO, Trino Commentatore certificato 13.12.17 13:53| 
 |
Rispondi al commento

Grandissimi ragazzi!
Siamo Grandissimi!!!!!

TEMI FONDAMENTALI QUESTI E IL CORAGGIO DI DIRLI!

Alla faccia di chi ci da dei Populisti!

Questi sono temi cari alle famiglie e dovrebbero essere sposate anche dallo stato incluso nei territori di Roma - Che Prendano posizione ogni tanto!

Il Movimento non si tirerà' indietro sui temi proposti come fanno gli altri...

..In Italia è rimasta la Famiglia.. se distruggono anche questa è veramente la fine..... chi può deve agire e noi lo stiamo facendo.

Viva il Movimento5stelle !!!
Sempre!

Alessandro D., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 13.12.17 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto la legge sul commercio in cui si obbliga il gestore ad osservare 6 festività su 12 di rimanere chiusi per osservare la comunione delle famiglie ed essere così più felici.
Sono circa 35 anni che ho un'attività e ho visto diminuire sempre di piu i miei guadagni,andando ogni anno che passa ad attingere a quel poco di soldi che con sacrifici avevo messo da parte e però abbiamo aumentato in due cose:le ore di lavoro e i pensieri per cercare di pagare quello che ora mai non si riesce più a pagare.Da quando era nato il muovimento che auspico che il medesimo si faccia carico delle problematiche che attanagliano il nostro settore,ma Aime invano,aveste chiesto per questa legge,un sondaggio per avere una nostra qualsiasi motivazione,invece niente e questo non mi sembra logico.
Premetto che la legge non sarebbe male,ma se prima non si risolvono i problemi debitori della categoria mi sembra difficile che ciò sia a favore dei 4.000.000 dei piccoli commercianti che lavorano non per vivere ma per sopravvivere.

STUTTGARD FRANCI 13.12.17 10:19| 
 |
Rispondi al commento

Ma lo sa, l'on. DI MAIO che parla (sorrido x l'ingenuità) di "famiglie felici" x la chiusura dei negozi, che... ci sono genitori "maturi"che hanno i figli all'estero e che anche un fermento senza fine è x loro uno stimolo a vivere e a sopportare un'ITALIA inutile, vuota, in ginocchio?

O padri di famiglia che x aiutare i propri cari, preferiscono, in questo periodo nero della Storia italiana, non affrontare le spese di un viaggio inutile? Lasciando la famiglia a casa ad "inventarsi" delle feste con quello che il paese offre...

O coppie senza figli o persone senza famiglia che preferiscono tuffarsi nella frenesia della folla alla ricerca di regali (beati loro!) fra le insegne accese x sentirsi meno soli?

Lo sa che le realtà sociali sono tante e che talvolta bastano le luci accese dei punti vendita in fermento o confondersi fra gli altri a spasso x acquisti di regali x illudersi di vivere un Natale o un Capodanno come gli altri?

Quale felicità? Quella di un "Paese che ... non risponde!"

AD MAIORA!
Paola

Paola Zito 13.12.17 07:38| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi,
non è bene decidere x gli altri, è bene invece lasciare gli altri liberi di decidere!

Se l'attività è a livello familiare si decide "insieme"

Se il padrone è x l'apertura del negozio e paga bene lo straordinario, sta ai dipendenti se accettare o meno.

Se i dipendenti di un esercizio decidono di onorare la festa e il padrone vorrebbe tenere aperto il suo punto vendita e i suoi consueti dipendenti preferiscono restare a casa per le FESTE, allora potrà ricorrere ad assunzioni straordinarie e a tempo limitato.

Purtroppo ci sono tanti giovani a spasso che lavorerebbero con gioia durante le feste, per incassare finalmente un po' di soldini.

PERCHÈ allora SENTENZIARE QUESTO SÌ E QUESTO NO?

Occorre solo consigliare, "indicare", mai obbligare!

LIBERTÀ LIBERTÁ LIBERTÀ!!!!!!

Sempre e dovunque!

AD MAIORA!
Paola

P.S. che feste sarebbero con le città vuote?
(Vuote per la gente in vacanza o per tanta gente chiusa in casa a "guardare" il mondo dietro i vetri di una finestra!) MAH!

Paola Zito 13.12.17 05:22| 
 |
Rispondi al commento

...

ANDREA Raff. (commercialistadiroma), roma Commentatore certificato 13.12.17 00:07| 
 |
Rispondi al commento

Non sono d'accordo con le chiusure Domenicali dei negozi, chi vuole chiudere chiuda, chi vuole tenere aperto tenga aperto!!!
Libertà, libertà!!
Nessuna imposizione per legge su questi temi.
Luigi
Verona

LUIGI A., LEGNAGO Commentatore certificato 12.12.17 20:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Monti e Bersani
come da post
questi sono _2 dei principali responsabili_

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 12.12.17 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Penso proprio che il M5S dovrebbe rivedere attentamente le sue proposte relative alla chiusura dei negozi durante le feste e al reddito di cittadinanza. Inoltre penso che il M5S non dovrebbe più accanirsi contro Berlusconi e spaventarlo troppo; non gli conviene. Ormai Berlusconi è ossessionato dal M5S. Il M5S ha preso il posto dei cattivi comunisti italiani che mangiano i bambini e Berlusconi è molto bravo a far passare questo messaggio agli italiani. Il problema è che in Italia chi si mette veramente contro Berlusconi non governa. Questo dato di fatto Renzi l’aveva capito fin da subito, mentre il M5s ancora no. Forse un pochino di sensata strategia politica non guasterebbe al movimento! Ad ogni modo, anche se ora i comunisti italiani per Berlusconi non mangiano più i bambini, sicuramente su certi temi continuano ad avere delle posizioni ideologiche ciecamente ottuse e quindi pericolose per la società. Berlusconi assieme ai suoi alleati del centro destra sta invece portando avanti alcune buone proposte che il M5S potrebbe condividere (ad esempio, come quella inerente all’introduzione della flat tax); come potrebbe allo stesso modo condividere alcune buone proposte portate avanti da Renzi e dai suoi alleati di centro sinistra. Certo, il male assoluto in Italia sono i partitini poltronisti di centro moderato-cristiano (aghi della bilancia politica), che passano con disinvoltura e senza il minimo pudore da una coalizione a l’altra, a seconda di come tira il vento; ma finché avremmo dei sistemi elettorali fatti a posta per tenerli in vita, non potremmo purtroppo farne a meno.

Primo Consigliere 12.12.17 14:24| 
 |
Rispondi al commento

sarei anche d'accordo ma e-commerce come si risolve
negozi chiusi amazon ringrazia

aniello santi 12.12.17 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Io sono d'accordo che durante le feste i negozi devono essere chiusi almeno il 70 %, non fosse altro che per rispettare i piccolissimi esercenti che non possono rimanere aperti per tutta una serie di ragioni.

Enzo Satriano 12.12.17 13:08| 
 |
Rispondi al commento

vi siete dimenticati di dire una cosa, che i giorni festivi la maggior parte di quelli che vanno per negozi, sono cazzeggiatori per divertimento, che all'interno del cervello hanno un bacherozzo che circola,altrimenti farebbero qualcosa di molto più piacevole....


franco carlini 12.12.17 00:34| 
 |
Rispondi al commento

Penso che la libera liberazione dei negozi dopo il decreto Salva Italia di Monti, abbia creato in noi dipendenti dei schiavi moderni, senza avere più a disposizione né una domenica né una festività da passare in famiglia. Ricordo che a tutte quelle persone che lavorano dal lunedì al venerdì e avendo tutt'e le festività libere, sono i primi a lamentarsi se devono lavorare solo un sabato. Inoltre faccio presente che si le forze dell'ordine, ospedali, alberghi sono sempre aperti, ma è anche vero che chi ci lavora fa turni. Mentre noi schiavi moderni dobbiamo lavorare tutte le domeniche e tutte le festività. Volete anche il giorno di Natale I negozi aperti? Magari per comprarvi il latte?

Marco Bacchiocchi 11.12.17 23:36| 
 |
Rispondi al commento

Vergognosa RAI!
Oggi alle 20:20 circa, su Radio1 viene intervistato un tal Scarparo (?), tuttologo, a commentare questo post, ovviamente esprimendo opinioni contrarie e senza contraddittorio.
Il conduttore si fa esegeta del pensiero di Di Maio, senza che quest'ultimo venga neppure contattato telefonicamente.
Passano due telefonate di ascoltatori: una favorevole e l'altra contraria, a garanzia puramente formale della par condicio.
Nessun richiamo alle parole del Papa (che già si era espresso a favore dei dipendenti e del diritto delle loro famiglie di trascorrere insieme le festività) né alla recente decisione della Coop di rispettare la chiusura, almeno in occasione di alcune importanti giornate festive.

Flavio Galloppini 11.12.17 20:52| 
 |
Rispondi al commento

In tutti i paesi del mondo, dove si festeggia il Natale , i negozi rimagono aperti fino a quasi la mezzanotte della vigilia , e voi li volete tenere chiusi per giorni.
Siete davvero dei geni voi del M5S!!!
Ma dove avete studiato economia ...fatecelo sapere, vi prego!!

Emiliano Zapatilla 11.12.17 19:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ripenso con orrore ai tempi in cui il supermercato sotto casa faceva la pausa pranzo. Ora ha chiuso.
Altro che chiusura dei negozi, ci andrebbe la consegna degli acquisti online anche il sabato e la domenica e fino alle nove di sera

Alessandro Cinziano 11.12.17 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Art 2112 a completa tutela dei lavoratori di cc e outlet, nessuno lo applica.


Ripensando ora ai miei Natali di bambina quei ricordi mi sembrano favole. Ho trascorso l' infanzia in un piccolo paese della Ciociaria:Pontecorvo e la nostalgia che mi prende al ricordo mi emoziona fino alle lacrime. Vedo mia nonna impastare il pane e zia Francesca i dolci, vedo zia Giacinta intorno ai fornelli nel preparare la lasagna e il mio caro nonno attizzare il fuoco che scoppietta nel camino: Odo le voci squillanti dei vicini scambiarsi saluti e auguri e noi bambini emozionati e felici in quell’atmosfera fatata e dolcissima. Rivedo i vicini di case nei giorni precedenti intenti a scolpire statuine, fiumi e casette per creare borghi antichi che mi lasciavano a bocca aperta per lo stupore, io non ne sarei mai stata capace, Erano delle vere e proprie opere d’arte in sughero e cartapesta. Ogni famiglia costruiva un Presepe nella grande cucina e si scambiavano vicendevolmente i complimenti nel visitarli. Era un atmosfera magica che non dimenticherò’ mai. Erano momenti emozionanti impossibile da descrivere: la solidarietà, la condivisione e l’amore la facevano da padrone.
Perché si vogliono strapparci le radici? Noi italiani siamo legati alle nostre tradizioni ed e' osceno volerle sradicare! La classe dirigente italiana e sempre stata totalmente priva di dignità ed orgoglio contrariamente alla popolazione che era l’invida di tutto il mondo per intelligenza, creatività e amore per la famiglia, ma questa inutile classe dirigente, piuttosto che vantarne i meriti tenta in tutti i modi di demonizzarli, questo e evidente anche dal menefreghismo nel tutelare il patrimonio artistico che mandano in rovina. Purtroppo il più bel paese del mondo e governato dalla gente peggiore del mondo!

Maria Pia Caporuscio 11.12.17 14:49| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

OTTIMA IDEA!!
ABBIAMO BISOGNO DI BAMBINI E DI TEMPO PER STARE CON LORO

elio d'annunzio 11.12.17 14:46| 
 |
Rispondi al commento

MENO ORE DI LAVORO PER GLI OPERAI IN FABBRICA ALLA CATENA DI MONTAGGIO (CON LO STESSO STIPENDIO) = + FELICITA'

FederocK 11.12.17 14:40| 
 |
Rispondi al commento

A che punto è questa legge dopo questo post?

Guido sebastiani 11.12.17 14:29| 
 |
Rispondi al commento

TG La7: parla il condannato berluscao, parla il falso di Rignano, parla l'ipocrita salvini, parla il neopartito del grasso di turno, ma del Movimento 5 Stelle non parla nessuno............... E si che è la prima forza politica in Italia....
Ma in campagna elettorale TUTTI devono avere spazi garantiti....Qui c'è una chiara disparità di trattamento.
Forza e coraggio: ai bari faremo veder le Stelle!

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 11.12.17 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo Luigi!
Il finale del Post poi è stellare.
Concordo e condivido.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 11.12.17 13:39| 
 |
Rispondi al commento

4^ Parte

Peccato che sia difficile trovare tracce del “gomblottone”. Ieri, per esempio, sui social – il luogo delle pericolose interferenze putiniane – dilagavano le polemiche e le ironie sul brutto albero di Natale che l’amministrazione della Raggi ha allestito a Roma davanti all’Altare della patria.
Volendo credere ai complotti verrebbe da pensare che qualcuno parla tanto di “Spelacchio” (così è stato soprannominato l’abete sfigato) come arma di distrazione di massa, cioè per deviare l’attenzione dai dati sulla povertà in Italia, che vanno sempre peggio (è un “successo” piddino). O per non parlare delle brutte figure internazionali che il nostro governo rimedia. Ma allora non è Putin che manovra i social. Come si spiega?
Se davvero le forze oscure del putinismo dominano i social ci si deve aspettare che corrano subito in soccorso della Raggi, spedendo, dalla Siberia, un immenso abete alto 50 metri. Ma per ora nulla di nulla. Neanche una bottiglia di vodka o un colbacco.
Tuttavia bisogna stare in guardia. A leggere i giornali Mosca sobilla, trama e fomenta con messaggi diabolici contro il governo e l’Europa. Tutte le cattiverie che si dicono sul conto del governo e dell’Europa sono “fake news” sospette di putinismo.
Certo, poi c’è pure chi manda al diavolo queste baggianate, spernacchia le presunte fake news e continua a criticare. Anche a sinistra.
Come il sindacalista Giorgio Cremaschi che ieri su Twitter commentava: “La Gran Bretagna pagherà circa 50 miliardi rateizzati in molti anni per uscire dalla Ue e Fiscal Compact; l’Italia pagherà 50 miliardi l’anno per restarci e continuare il massacro sociale”.
Una fake news o piuttosto una delle news che non vengono fatte circolare? La risposta giusta è la seconda.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 11.12.17 13:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

3^ Parte

E’ un’emergenza davvero eccezionale: se andate al supermercato o alla fermata del tram la gente non parla d’altro che della minaccia fascista. Prendi la metropolitana e vedi tutti guardinghi e tesi, pronti a scappare per sottrarsi al pericolo nero.
Va pure detto che in questo caso la “paura” (sdoganata dal titolo di “Repubblica”) è diventata di colpo un sentimento positivo, democratico, europeista e politically correct.
Nel caso invece in cui la “paura” sia verso i tanti immigrati che sono arrivati fra noi e – in diversi casi – delinquono, allora no, è xenofobia e razzismo (infatti pure Bergoglio per l’Immacolata ha fustigato tale “paura dello straniero”).
Dopo aver creduto e fatto credere tutto ciò (e anche altro su cui qui, per mancanza di spazio, sorvoliamo) questi stessi media (e politici) ci avvertono, allarmatissimi, che c’è il terribile pericolo delle fake news, ovvero della balle (quali?) da cui gli italiani si farebbero raggirare.
Balle da cui, però, ci difendono loro con la loro occhiuta vigilanza antifascista ed europeista. Balle da cui le autorità devono proteggerci imbavagliando la rete, quindi limitando la nostra libertà, ma sempre per il nostro bene, ovviamente.
Balle che una qualche famigerata Spectre sotterranea sta diffondendo per danneggiare il Pd e il governo. Cosa peraltro del tutto inutile, soldi sprecati (se eventualmente qualcuno li spende) perché il Pd e il governo riescono benissimo a danneggiarsi da soli. Basta lasciarli lavorare.
Ma anche in questo caso c’è un contrordine compagni: fino a ieri la paranoia complottista era fustigata come demenziale (le scie chimiche eccetera) e “di destra”, oggi è sdoganata come democratica, europeista e antifascista. Oggi si può e anzi si deve credere al grande complotto putiniano per avvantaggiare Grillini e Lega e danneggiare l’Europa, Renzi e il Pd. “Gomblotto! Gomblotto!.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 11.12.17 13:30| 
 |
Rispondi al commento

2^ Parte

E ancora media e politici del “pensiero unico” hanno creduto e fatto credere che lo spezzettamento secessionistico dei paesi dell’Est era democratico, mentre l’uscita della Gran Bretagna dalla Ue era un pericoloso rigurgito di nazionalismo; che la Brexit sarebbe stata bocciata nel referendum; che altrimenti la Gran Bretagna sarebbe sprofondata nelTerzo Mondo; che alle presidenziali americane avrebbe vinto la Clinton; che gli Stati Uniti – se mai avesse vinto Trump – sarebbero implosi il giorno dopo; che la Clinton era la candidata della sinistra e della pace; che la Merkel e Macron sono progressisti di sinistra; che se avesse vinto il no al referendum renziano del 4 dicembre 2016 lo spread sarebbe esploso, ci sarebbe stata una fuga di capitali, il Pil sarebbe sprofondato, si sarebbero persi migliaia di posti di lavoro, un mare di investimenti e – forse – saremmo stati commissariati dalla Troika.
E poi hanno creduto (e fatto credere): che se Trump ha vinto la Casa Bianca, se la Brexit è passata e la riforma costituzionale di Renzi è stata bocciata, è tutta colpa dei post dei “figli di Putin” su Facebook (ma chi li ha visti?), da cui gli elettori allocchi si sarebbero fatti abbindolare nonostante che la quasi totalità dei media fosse schierata accanitamente contro Trump, contro la Brexit e a favore delle riforme renziane.
In particolare per l’Italia tutti, per la verità, ricordavamo le pesantissime ed esplicite interferenze nella campagna referendaria del 4 dicembre 2016 dell’amministrazione Obama, della UE e della stampa internazionale, ma il fatto che nessuno invece si sia accorto delle diaboliche interferenze della Spectre russa è considerato un segno della loro pericolosa insidia.
Infine, negli ultimissimi giorni, credono (e fanno credere) che sia in corso un pericolosissimo attacco fascista che sta seminando il terrore in tutta Italia, tanto che ieri “Repubblica” titolava in prima pagina: “Fascisti, un italiano su due ha paura”.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 11.12.17 13:29| 
 |
Rispondi al commento

QUELLI CHE… “I RUSSI INTERFERISCONO IN ITALIA CON LE FAKE NEWS”…. di Antonio Socci - 1^ Parte

I media, in gran parte Giornale Unico del conformismo nazionale, sintonizzati sulle frequenze del Pd, hanno creduto e hanno fatto credere (per dirne solo alcune degli ultimi anni): che l’euro sarebbe stato il migliore dei mondi possibili e che – rinunciando alla sovranità monetaria – saremmo vissuti in un’Europa dove scorre latte e miele; che era doveroso andare a fare la guerra in Libia e il caos lì scatenato – da Francia, Inghilterra e Stati Uniti – sarebbe stato salutare; che lo spread del 2011 era di colpo salito alle stelle a causa del bunga bunga; che Monti e la Fornero hanno salvato l’Italia; che con i nostri soldi (tanti) hanno salvato la Grecia (ma chissà perché a gioire sono state le banche tedesche e francesi) e che la Grecia ora scoppia di salute; che l’eurocrazia di Bruxelles pretende il nostro dissanguamento, ma lo fa per il nostro bene, per farci diventare più civili; che la Germania la fa da padrona in Europa e ci mette i piedi in testa, ma solo perché loro sono nobili e generosi europeisti; che l’Italia è oggi in piena ripresa economica anche se non ce ne accorgiamo e anche se la povertà sta aumentando; che per colpa di Trump moriremo tutti di caldo a causa del riscaldamento globale per cause umane, anche se quest’anno la neve è arrivata a novembre e da decenni la temperatura media è stabile.
E poi, ancora, hanno creduto (e fatto credere): che sbaraccare le frontiere per far entrare centinaia di migliaia di migranti è una botta di vita e di salute per l’Italia e che è razzista chi si oppone; che è giustissimo spendere circa 4,6 miliardi di euro (nostri) per accogliere migliaia di stranieri nello stesso anno in cui si tocca il fondo delle nascite in Italia, arrivando al dato minimo da 500 anni a questa parte, perché i nostri giovani non hanno lavoro e soldi per mettere su famiglia (e il governo riduce al lumicino il bonus bebè)

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 11.12.17 13:28| 
 |
Rispondi al commento

25% dei negozi aperti a rotazione? Io avrei semplicemente fatto 12 giorni di feste? Le feste valgono per tutti, quindi questi 12 giorni dell'anno tutto chiuso, senza complicare il tutto con 6 giorni da decidere e 25% delle attività aperte a rotazione. Certe volte la strada migliore è proprio quella semplice.

Lucas Fusaro, Rende (CS) Commentatore certificato 11.12.17 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Mancano un paio di mesi abbondanti al redde rationem , speriamo ! Pensare che potremmo tornare alla libertà mi emoziona e mi riempie il cuore di speranza . Uscire senza doversi guardare intorno , andare a letto tranquilli , prendere la metro senza il timore di essere borseggiati , sembrano piccole cose ma tutte insieme sono diventate pesanti ! Ad majora !

vincenzodigiorgio 11.12.17 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Caro Luigi il problema è alla fonte, la globalizzazione vuole farci lavorare come i cinesi, quanto i cinesi e alle stesse condizioni dei cinesi, amen. Se il MoV dovesse avere un ruolo di governo mi aspetto che ti spuntino i canini alla Dracula, ma questo già te l’ho detto. Piuttosto parliamo dell’oggi; non ci mancava davvero che, appena prima delle elezioni, quelle teste di cazzo di Forza Nuova dessero un appiglio alla sinistra per ricompattarsi in nome dell’antifascismo, ma la storia di cavalcare l’antifascismo è roba vecchia, spero che i fuoriusciti piddini non cadano in questa trappola obsoleta. Forza Nuova sarebbe il pericolo? È segnalata, documentata, rintracciabile, perseguibile e una minaccia che non si nasconde non è un pericolo, punto. Rimane il fatto che quelli di Forza Nuova sono delle gran teste di cazzo.

Franco Mas 11.12.17 13:04| 
 |
Rispondi al commento

2.666.666 (numero periodico per avere sempre 75.000 euro di stipendi lordi annui) posti di lavoro veri che in questo caso ridarebbero nelle casse dello Stato ulteriori 56.000.000.000 di euro come INPS e ulteriori circa 40.000.000.000 di euro come IRPEF. Inoltre ci sarebbero ancora 27.000.000.000 di euro tutti gli anni come TFR. Invece, perché non capite o forse fate finta di non capire siamo qui ad aspettare tutte le cose assurde che dite come, oltre a quella che hai detto se intendi far portare in detrazione tutto, la Flat Tax di cui basterebbe applicare una semplice equazione di primo grado che una volta si imparava in seconda media inferiore per capire che non potrebbe funzionare perché il Paese fallirebbe in pochissimi mesi, siamo qui a contare tutti gli anni oltre 4.000 suicidi, poi migliaia di altri morti per terremoti in case o scuole di "burro" che in altri paesi farebbero solo un po' di paura, altri per esondazioni, alluvioni frane, etc. etc. dopo due o tre giorni di pioggia, altri sul lavoro, atri sulle strade, altri per mala sanità o altri ancora per stupidità.E voi politici ci dite che non si può fare niente per ovviare a questi morti perché non ci sono risorse economiche per farlo. Pensare che siamo al quarto posto nel mondo per la percentuale di soldi evasa, dietro a Messico, Turchia e Grecia, ma in termini assoluti, cioè rispetto al P.I.L. siamo i primi al mondo. E per la stessa ragione siamo i primi al mondo per corruzione. Rifletti caro Matteo. i miei dati li hai e comunque la mia proposta la trovi alla Sesta Commissione Affari e Tesoro del Senato è là che giace dall'ottobre del 2014. Ciao. Giuseppe Vitali

Giuseppe Vitali 11.12.17 13:03| 
 |
Rispondi al commento

ot

altre good news dal governo...

"...decreto del ministero stanga chi va a comprare medicinali “fuori orario”. Rincari anche per i preparati galenici
Farmacie notturne, la tariffa raddoppia""...

grazie piddì..grazie alfy...

questi pensano che il segno più (+)sia sempre una buona cosa... si son fissati con l'hashtag #avanti

pabblo 11.12.17 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Quindi, inferiore a quanto sarebbe da restituire. Va detto che negli U.S.A. dove l'aliquota massima è del 33%, anche se in effetti è molto meno per via della capitalizzazione (vedi sopra) non è vero che si eviterebbero gli evasori fiscali perché là il 50% della popolazione carceraria è composta proprio dagli evasori fiscali. Per giunta il metodo che propongo io porterebbe tutti i lavoratori dipendenti circa 22.000.000 e i pensionati circa 17.000.000 che sommati ai loro famigliari farebbero un "esercito" di circa 45.000.000 di "controllori" e in questo caso il controllo sarebbe capillare. Il ministro delle finanza che hai nominato tu alla fine del 2016 diceva che l'evasione fiscale era di 190 miliardi (lo trovi in internet), anche se in realtà è molto di più, quindi se come è l'evasione fiscale è oltre ai 300 miliardi di euro l'anno recuperandoli si potrebbero dare 4.000.000 di nuovi posti di lavoro veri con uno stipendio lordo di 75.000 euro l'anno e complessivamente questi nuovi posti di lavoro darebbero complessivamente ulteriori 84.000.000.000 di euro come INPS e ulteriori circa 60.000.000.000 di euro come IRPEF. Inoltre, ci sarebbero altri 40.000.000.000 di euro come TFR che potrebbero essere investiti per altre cose. Se invece vorresti credere alla barzelletta dei 200.000.000.000 di euro di evasione fiscale l'anno (tieni conto anche della corruzione, nel 2011 la Corte dei conti confermando le stime di Mario Draghi per l'evasione fiscale per il 2010 (quando disse che l'evasione era pari al 16% del P.I.L.) disse che a questi si dovevano aggiungere altri 50-60 miliardi l'anno di corruzione che come ci ha evidenziato la magistratura in questi ultimi 30 anni servono anche per pagare politici e i finanziamenti illeciti ai partiti. Comunque sia, con 200.000.000 di euro l'anno recuperati si potrebbero dare 2.666.666 (numero periodico per avere sempre 75.000 euro di stipendi lordi annui) posti di lavoro veri che in questo caso ridarebbero nelle casse dello Stato ulterio

Giuseppe Vitali 11.12.17 12:58| 
 |
Rispondi al commento

se non si fosse già ucciso (oltre 4.000 suicidi all'anno in Italia, dati ISTAT che puoi trovare facilmente in internet) sarebbe più povero di oggi, per giunta avendo pagato le tasse anche per me. Idem per i ceti più abbienti. Tra l'altro non sarebbe possibile soprattutto nella situazione del debito pubblico attuale. Per esemplificare se io spendo 100.000 euro portandoli in detrazione eviterei di pagare allo Stato 43.500 euro (aliquota del 43,5%), il che vorrebbe dire prosciugare tutte o quasi le entrate dello Stato. Questo metodo l'avevano proposto per circa due anni assieme sia Antonio Di Pietro, sia Pierluigi Bersani, ai quali dovetti scriver per circa due anni fintanto che lo capirono, credo, perché non ne parlarono più. Quello invece che ti proponevo io, cosa che sto proponendo da 22 anni e di tutto quello che proponevo nella proposta è stato applicato (ovviamente quello che ha fatto comodo), si basa sempre sul conflitto di interesse ma invece di fare detrarre tutto si fa solo portare in detrazione l'I.V.A., cosa più giusta perché tra l'altro si basa sul fatto che la gente (alcuna, perché altri già lo fanno) non paghi le tasse due o più volte, ossia prima sul lordo dello stipendio o della pensione l'IRPEF, poi appunto l'I.V.A. e altri bolli. etc. In questo caso non si permetterebbe ai ceti più abbienti di risparmiare sul concetto della capitalizzazione, cosa che è in atto negli U.S.A. da sempre, infatti là la "forbice" tra ricchi e poveri è sempre più ampia appunto, per la capitalizzazione. Inoltre, oltre a essere possibile il mio metodo allo Stato non costerebbe nulla, perché come sostengo da circa 22 anni e dal 2012 dalla Corte dei Conti, quello che sarebbe da restituire per la detrazione dell'I.V.A. circa 30.000.000.000 di euro l'anno verrebbe compensato dall'attuale I.V.A. evasa. L a corte dei conti nel 2012 disse che la stima dell'evasione fiscale dell'imposta di valore aggiunto era di 36.000.000.000 di euro l'anno. Quindi, inferiore a quanto sarebbe da res

Giuseppe Vitali 11.12.17 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Gentili lavoratori sotto vi lascio il post che ho inviato a Matteo Renzi nel quale potreste trovare la vostra soluzione e quella dei vostri figli e di tutti gli italiani onesti, anche se nessuno la vuole applicare nemmeno quelli che vi dicono di esservi vicini e di difendervi. Sono solo 22 anni che ci provo a farla approvare e di tutto quello che era suggerito nella proposta che gli ha fatto comodo a lor signori è stato applicato ma non ovviamente le cose che cambierebbero radicalmente questo Paese.
Caro Matteo, ti ho sentito questa sera (7.12.2017) a Quinta Colonna in particolare quando hai parlato di come combattere l'evasione fiscale, al proposito ti avevo scritto diverse volte in particolare appena tu fosti eletto a presidente del Consiglio, suggerendoti un semplice sistema per eliminare l'evasione fiscale al centesimo. Ora col tuo "nuovo" metodo non so cosa intendi col fatto di creare il conflitto d'interesse portando in detrazione tutto, anche perché portare in detrazione tutto non è possibile e se lo fosse tu andresti a regolarizzare gli attuali evasori fiscali o comunque ad agevolare i ceti più abbienti, per quanto riguarda a permettere agli attuali evasori fiscali di mettersi in regola, e questo è presto spiegato: se si potesse portare in detrazione tutto l'attuale evasore perché dovrebbe ancora rischiare (in questo Paese chi evade tanto rischia poco o perché gli si permette di concordare quanto pagare al fisco e comunque un condono fiscale c'è ogni anno circa da quando c'è la Repubblica) quindi, anche se rischia poco chi glielo farebbe fare, se io per esempio guadagnassi in nero diciamo 200.000 euro potendo detrarre tutto mi comprerei a Milano un monolocale tutti gli anni, così porterei 200.000 euro in detrazione e le tasse al mio posto le pagherebbero i meno abbienti che di solito oltre non aver capacità economica non hanno nemmeno quella speculativa, morale dopo dieci anni io avrei un tesoretto di 10 monolocali, il poveretto meno abbiente se non si foss

Giuseppe Vitali 11.12.17 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Buondì,l'anno scorso a natale mi trovavo a londra da mia figlia(come tanti giovani lavora lì purtroppo)sono rimasto meravigliato:i giorni di festa con tanti negozi chiusi e treni fermi ,le persone passeggiavano e nessuno si faceva problemi
forse solo noi abituati oramai a vedere attività aperte anche di notte nel nome di liberalizzazioni fasulle . negli anni passati ho gestito un negozietto alimentare e,passi le giornate sempre li e, quando non entra nessuno,ti senti sconfortato,oltre le spese correnti quando tiri sù la saracinesca.
diciamo che la comodità di comperare il pane e il latte la domenica mattina sta anche alla immaturità di noi italiani.grazie


secondo me è sbagliato...caso mai è all'incontrario...la politica deve trovare delle forme per favorire l'apertura continua dei negozi con assunzione di categorie particolari di soggetti..se da un lato le famiglie hanno diritto al riposo che come ho scritto sopra sarebbe garantito allo stesso tempo chi lavora ha diritto di andare a fare gli acquisti senza correre e goderseli nei giorni di festa..poi se l'incasso è uguale preferirei che i politici guardassero alle tasse da pagare e agli stipendi da fame...

Manuele L. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 11.12.17 12:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci hanno rubato il Natale

C'era una volta…in un tempo molto lontano...questa storia comincia così…
un giorno che non era uguale agli altri…che non era come tutti i gli altri dì,
e i bambini stavano affacciati alla finestra…mentre il loro cuore sperava…
di sentirlo arrivare...di poterlo vedere...mentre a quel tempo ancora nevicava.
Ed al mattino...dopo aver sognato...
vicino all'albero i regali erano sparsi...e nella capanna c'era come d'incanto...un bambino appena nato,
la gioia traspariva dai loro occhi...e la famiglia si riuniva in una preghiera...
era un giorno memorabile...e un amore straordinario rimaneva fino a sera.
Poi il mondo cambiò piano piano...e inseguì lo scintillio del denaro...
l'uomo smise di accontentarsi...e diventò più avido e più avaro,
eliminò i diritti del lavoro...ed i giovani ormai senza speranze...non si sposavan più...
bimbi nuovi non nascevano...e rimanevano lassù.
Il lavoro diventò una macchina che non si poteva fermare...
così ( per chi lo aveva ) anche nei giorni di festa doveva andare,
le famiglie erano spezzate...le chiese erano vuote...
si vedevan solo gli anziani...ed a volte...un sacerdote.
L'atmosfera del Natale era superata...la vedevi solo in tivù...
quando la pubblicità ti entrava in casa...per dirti che tutti avevano quel cellulare...mancavi solo tu,
e quei bimbi che nascevano...in verità erano pochi...
non avevano bisogno del presepe...per comprare nuovi giochi.
I genitori lavoravano...o non avevan di che campare...
come in un tempo molto lontano...Gesù non aveva più un luogo dove andare,
solo i nonni a volte raccontavan questa fiaba...e se avevan l'occasione...
prima di dormire...ai nipoti facevano sentire del Natale...una canzone.

Roberto Crippa 11.12.17 12:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GRAZIE LUIGI DI MAIO!

Un gran bel post!
Tutto giusto quello che hai scritto e pensato.
GRAZIE di quel che fai.

Franco Rattone, Biella Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 11.12.17 12:30| 
 |
Rispondi al commento

tenere sempre aperto AVVANTAGGIA le GRANDI STRUTTURE GLOBALIZZANTI...quelle che FANNO MORIRE le PMI.
Di MAIO approvo.. hai RAGIONE da VENDERE,

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 11.12.17 12:18| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Tenendo aperto i giorni festivi, i consumi non aumentano, vengono solo diluiti in 7 giorni anzichè in 6.
Tutti chiusi i festivi, senza deroghe. (tranne le farmacie, naturalmente).

antonnio d., carrara Commentatore certificato 11.12.17 12:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io suggerisco per il futuro di evitare vignette come quella di Luigi al volante dell'automobilina e l'uso di termini più decisi in fatto di comunicazione.mi sembra troppo banale utilizzare le parole felicità e rally quando stiamo cercando di far passare concetti importanti e siamo nel vivo di una campagna elettorale.

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 11.12.17 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo questa società imperniata sul DIO DENARO e sul consumismo piu' sfrenato, ha costretto i lavoratori degli esercizi commerciali piu' o meno grandi ha subire le richieste del mercato e dei marchi prestigiosi nazionali e internazionali. Il problema del riposo settimanale festivo, dello stare in famiglia, e perche no anche religioso, viene sacrificato sull'altare degli interessi economici che poi in un momento di grande recessione come è quello attuale non trova sicuramente riscontri positivi nelle attività commerciali. Per cui ben venga una legge che regolarizzi gli orari e la chiusura, magari con turni domenicali e festivi, dei negozi rivolta sempre piu' ad una umanizzazione del sistema lavoro. Paolo (PALERMO)

PAOLO CARUSO 11.12.17 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Credo che meno leggi si hanno e meglio è per tutti , poche essenziali e chiare come quelle dei Paesi anglosassoni . Chi vuole aprire apra e chi no no , non è un campo di pertinenza della politica che dovrebbe interessarsi di altro : pagamento delle tasse e regole d'esercizio , sicurezza dei clienti e adeguatezza dei titolari . Teniamo la nostra attenzione su argomenti più importanti e urgenti che ce ne sono a tonnellate .

vincenzodigiorgio 11.12.17 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Grasso oggi presenta il nuovo marchio della "Mortadella"!
Assenti ogm e grassi insaturi..ottima per una dieta ipocalorica del cittadino.

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 11.12.17 11:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dovrebbe essere un Natale di pace. Ma quale pace?
La tragedia della Siria: un Paese distrutto, 300.000 morti e 4 milioni di profughi. Ma con quale faccia Renzi ha dichiarato anche lui guerra in Siria?
Un tempo chi era a sinistra era contro ogni tipo di guerra perché diceva che le guerre sono sferrate solo dal grande capitale. Oggi il partito che ancora si chiama di sinistra è impegnato in 29 guerre. Nel 2016 il Governo di Renzi ha investito 826 milioni di euro per mandare le nostre forze armate all’estero, 58 in più rispetto al 2015 e anche l'ultima finanziaria ha aumentato la spesa in armi mentre tagliava scuola e sanità.
Il mondo è così fuori posto che essere fuori posto nel mondo è quasi una eccellenza di virtù.
La guerra è il più atroce non senso degli uomini perché non risana nulla e genera solo altra guerra.
Avete mai conosciuto una guerra che non fosse tragicamente inutile per le vittime e per il mondo?
Avete mai conosciuto un sistema bancario che non commettesse nefandezze o non le avallasse? Ma guerra e capitale ormai sono una cosa sola. La sx questo un tempo lo sapeva. La sx attuale lo ha dimenticato.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 11.12.17 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Ecco per gli ideologhi....
faremo cose di "sinistra"....e le tasse diminuiscono....
Aumentano le “tasse di farmacia”, i sovrapprezzi che remunerano i farmacisti tenendo conto delle prestazioni offerte. E mentre la quota della spesa sanitaria rispetto al welfare diminuisce e aumenta la percentuale dei cittadini che non possono più curarsi per i tempi di attesa e per i superticket applicati dalle Regioni, il ministero della Salute di […]

^^^^^^

Grazie Lorenzin ne avevamo bisogno....

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 11.12.17 11:25| 
 |
Rispondi al commento

Anche
DIO IL SETTIMO GIORNO RIPOSO '

ANNA TUZZOLINO, Trino Commentatore certificato 11.12.17 11:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono d'accordo.

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 11.12.17 11:23| 
 |
Rispondi al commento

E non ha creato nemmeno un posto di lavoro ma solo il maggiore sfruttamento dei già spremuto dipendenti .....

Emilio colarusso 11.12.17 11:16| 
 |
Rispondi al commento

On. Di Maio lasci perdere perchè chi ha una attività commerciale può restare aperto, se vuole, quanto vuole.
Pensi ha chi non ha una attività commerciale e trova tutto chiuso.
Orari liberi per tutti, il proprietario apre e chiude quando vuole, questa è democrazia.

Robona 11.12.17 11:11| 
 |
Rispondi al commento

Perfettamente d' accordo.

Alfredo Bonfiglio 11.12.17 11:09| 
 |
Rispondi al commento

@ l’ uomo dalle suole di vento,
grazie per le indicazioni sui colonnelli, le ho apprezzate e ne terrò sicuramente conto.
Rimane il fatto che citare Lucca o Milano, la sostanza mi pare cambi poco, un po’ come voler distinguere fra chi, nel baracchume, ruba materialmente e chi gli tiene il sacco,
dalle mie parti si dice: se non è zuppa è pan bagnato.
Riguardo allo sputtanare nemici, il mio scopo non è quello ma semplicemente lanciare messaggi in bottiglia in questo mare di inganni e mascherine.
Può darsi che stia solo perdendo tempo ma può anche darsi che, nella spiaggia in cui approdano, qualcuno li legga e ne tenga conto.

Ciao :)

Daniela Vento 11.12.17 11:07| 
 |
Rispondi al commento

O.T. INTOLLERABILE, VERGOGNOSA INFORMAZIONE.

Per piacere contraddicete il prof. Sapelli che oggi da 'PD NEWS 24' ha spalato tanta di quella merda sul M5S da provocare crisi di vomito. Non posso accettare che ci definiscano 'movimento operaio di destra' o che 'ABBIAMO RADICI NAZISTE NAZIONALSOCIALISTE' e che questo movimento è stato calato dall'alto per stemperare gli animi per poi implodere. Tutto ciò minimizzato dl fatto che si approvino leggi con poche decine di iscritti che non contano un cazzo. Se a questo ci si aggiunge don Antonio Di Pietro, sedicente cofondatore del Movimento 5 Stelle, che non perde occasione per qualche palata di merda omaggio. QUESTA è L'INTOLLERABILE, QUOTIDIANA, VERGOGNOSA INFORMAZIONE PER IL POPOLO ITALIANO.

Giovanni F. 11.12.17 10:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dovrebbero farlo facoltativo, chi vuole tiene aperto quando vuole. casomai fermo restando certi orari obbligatori.

carlo 11.12.17 10:40| 
 |
Rispondi al commento

Fondamentalmente giusto tutto quello che si legge nel post. Le chiusure devono anche essere obbligatorie per i centri commerciali, altrimenti si penalizzano comunque i dettaglianti. (Almeno cosi mi sembra). Comunque vada il, questa richiesta di approvazione di questa proposta di legge al senato, vuol essere anche una "prove di registrazione sui futuri lavori parlamentari" dei nostri ragazzi. Per sancire che l'M5S presto sarà al governo, e che tutte le leggi superflue e potenzialmente dannose per la comunità, (sopratutto prive di buon senso), saranno CANCELLATEEEEE !!! A MARZO SARÀ UN PLEBISCITO M5S VEDRETE.

Enrico Duri 11.12.17 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Ogni tanto scrivo un commento per chiedere l'abolizione del canone Rai.
La propaganda di governo deve essere a carico degli inserzionisti, non dei cittadini.

Federica S. Commentatore certificato 11.12.17 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Un'altro problema che si è creato è quello dell'aumento dei costi d'impresa che il piccolo commerciante deve sostenere.
Se da una parte il giro d'affari è sempre il medesimo (non si acquista di più solo perchè i negozi sono aperti), dall'altra il commerciante, in quanto deve tenere aperta l'attività, si trova a sostenere altre spese accessorie come riscaldamento/condizionamento, eventuali collaboratori nei giorni festivi ecc. ecc..
Ovviamente questi costi accessori vanno a ricadere sull'utente che vedrà, in parte, aumentato il costo del bene acquistato.
Una variazione delle aperture, comunque, deve obbligare anche i grandi centri commerciali alla chiusura, altrimenti, se saranno esclusi dalle nuove regole, opereranno in regime di monopolio danneggiando ulteriormente le piccole attività commerciali.

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 11.12.17 10:26| 
 |
Rispondi al commento

GIUSTISSIMO, ANCOR DI PIU' SE SI FANNO I TURNI, MA CERTE FESTIVITA' E' GIUSTO TENER CHIUSO!!!!!!!!!!

Maurizio De Tomasi, Alghero Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 11.12.17 10:24| 
 |
Rispondi al commento

I provvedimenti semplici e di buonsenso ...sono i migliori.
Ci sarebbe da fare un ripulisti dal Nano ad oggi di tutte le disposizioni fatte per mettere alla berlina i cittadini!
Se andiamo al governo altro che calderoli, che ha bruciato(lui dice) leggi, mentre era solo carta da macero,toglieremo tutte leggi e leggine fasulle!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 11.12.17 10:09| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori