Zingaretti (PD) indagato per la seconda volta in Mafia Capitale

di MoVimento 5 Stelle

La notizia è di oggi: Nicola Zingaretti, Presidente PD della Regione Lazio, è indagato per falsa testimonianza nel processo Mafia Capitale.

Ed è già la seconda volta. Nel 2016 fu indagato nella stessa indagine di Buzzi e Carminati e accusato di corruzione e turbativa d’asta. La notizia fece scalpore quando venne alla luce: già, perché fu accuratamente taciuto dai giornali per mesi che Zingaretti, Presidente di Regione del PD, era sottoposto a tali gravissime accuse nell’indagine che vedeva coinvolte i più tentacolari poteri criminali della Capitale.
Le accuse furono poi archiviate, ma ora ci risiamo.

Per il codice etico del MoVimento 5 Stelle un’indagine non è una sentenza di condanna. Ma un personaggio con queste ombre, e queste beghe, si sta candidando per la seconda volta alla Presidenza di una Regione con tanti problemi e con la sanità al collasso. È questo ciò di cui hanno bisogno i cittadini? Un Presidente che deve occuparsi dei propri guai giudiziari ancora prima di cominciare la campagna elettorale?

Zingaretti deve chiarire assolutamente e subito quali erano e quali sono i reali rapporti di interessi tra lui e Giuseppe Cionci, faccendiere nonché finanziatore della stessa campagna elettorale di Nicola Zingaretti. Deve farlo per una questione di opportunità, ci auguriamo anche che si assuma la responsabilità politica del caso.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr