Boschi, ma cosa mi dici mai?

di MoVimento 5 Stelle

Maria “Etruria” Boschi, la ministra riscaldata dal governo Gentiloni nonostante avesse spergiurato che in caso di vittoria del NO al referendum se ne sarebbe tornata a casa, ieri ha dimostrato la sua incompetenza e pochezza istituzionale. Ha snobbato le legittime richieste dei torinesi, come fossero figli di un dio minore solo perchè hanno democraticamente eletto a sindaco la portavoce del MoVimento 5 Stelle Chiara Appendino. Secondo leiLa sindaca Appendino sa che il governo ha un confronto con il comune e che i 61 milioni non sono dovuti“.

Boschi, ma cosa mi dici mai? Non lo sai che ci sono due sentenze, una del Tar e l’altra del Consiglio di Stato, che danno ragione ai torinesi? Persino il profeta Fassino ha dovuto ammettere che la ragione è di Chiara Appendino. I torinesi hanno diritto a quei soldi e lo Stato li deve sganciare, punto. I rappresentanti del governo non possono permettersi di discriminare una comunità cittadina solo perchè il sindaco che amministra non è del loro partito. Basta con l’arroganza. Il governo faccia quello che deve fare e restituisca i soldi ai cittadini. La Boschi chieda scusa ai torinesi e si dimetta. La sua spocchia la rende indegna di continuare a ricoprire un ruolo istituzionale.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr