K-Flex: prima i fondi pubblici, poi via in Polonia

di Luigi Di Maio

L’azienda K-Flex ha ricevuto 12 milioni di fondi pubblici delle nostre tasse e li ha usati per ampliare uno stabilimento in Polonia! Il suo bilancio va alla grande, ma ha deciso di chiudere i battenti e portare i macchinari in Polonia, licenziando 187 dipendenti italiani.
I dipendenti sono asserragliati nello stabilimento da oltre un mese per evitare che la proprietà della K-Flex – azienda che si occupa di isolanti termici e risparmio energetico – porti via macchinari e strumentazioni.
Sono senza stipendio da troppo tempo e dobbiamo aiutarli!

Hanno istituito un fondo di solidarietà.

Chi può faccia una donazione a:
“Fondo di solidarietà lavoratori K FLEX”
IBAN: IT48 H031 2720 4000 0000 0002155

Le aziende che prendono soldi dallo Stato italiano e poi vanno all’estero, devono diventare fuorilegge.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr