L’ordine ai media di colpire la Raggi arrivò dall’alto

estratto dell’intervento di Maurizio Belpietro durante la puntata di Terza Repubblica, andata ieri sera in onda su La7 – Video integrale qui sopra

“L’attenzione che i giornali hanno dedicato a Virginia Raggi e alla giunta del MoVimento 5 Stelle è superiore a quella dedicata a tutte le altre giunte, pure della Capitale. Io ricordo che Ignazio Marino sbagliò le nomine, faceva una gaffe dopo l’altra, nominò un capo dei vigili che non aveva i titoli. Se ne parlò ma non finì mai come titolo d’apertura dei principali giornali, non fu l’apertura dei telegiornali nazionali. Di fronte ai risultati economici, all’occupazione, agli andamenti pessimi dell’economia italiana i principali TG della RAI hanno scelto di raccontare il caso di Virginia Raggi che aveva sbagliato l’assessore. […]
Il giorno dopo la vittoria dei 5 Stelle è partito da Renzi un ordine che aveva questo significato: “Colpite la Raggi perchè lì dobbiamo dimostrare che i 5 Stelle sono incapaci di governare“. […]
Ma il MoVimento 5 Stelle conserva tutto quanto il proprio consenso o comunque la stragrande maggioranza del proprio consenso. Evidentemente i romani, e anche gli italiani, si rendono conto che Roma era gestita così male che nessuno poteva fare un miracolo.”

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr