‘Ndrangheta ad alta velocità

di MoVimento 5 Stelle

Con TAV e Terzo Valico mafie, corruzione e disinformazione viaggiano ad alta velocità. La ‘ndrangheta si è infiltrata dietro ai movimenti “Si Tav” , quelli che tanto piacciono a Governo, partiti e grande industria, con l’obiettivo di aggiudicarsi lavori per il “Terzo Valico” Genova-Milano.

Lo ha spiegato il procuratore della DDA di Reggio Calabria Federico Cafiero De Raho esponendo i dettagli dell’inchiesta ‘Alchemia‘ che ha portato all’arresto di 42 persone: “abbiamo importanti riscontri riguardo gli appalti che dimostra come i clan fossero attivi sul fronte del Si’ Tav’ “. “Dalle intercettazioni rileviamo l’interesse degli imprenditori prestanome della cosca a sostenere finanziariamente il movimento ‘Si Tav‘ per creare nell’opinione pubblica un orientamento favorevole per quell’opera. Una strategia mediatica raffinata” ha aggiunto il procuratore Gaetano Paci.

Nel corso dell’inchiesta è stato richiesto l’arresto anche del deputato Giuseppe Galati (ALA) e del senatore Stefano Caridi (Gal). Per quest’ultimo, è la seconda richiesta d’arresto in meno di una settimana. “Il senatore Caridi è il riferimento della ‘ndrangheta non solo della cosca Gullace-Albanese” hanno spiegato i magistrati. Particolari agghiaccianti.

Per quanto riguarda il “Terzo Valico“, opera che il Movimento 5 Stelle da sempre contesta nel merito, secondo il magistrato le cosche hanno utilizzato “mediaticamente i gruppi Sì Tav infiltrandoli con i propri affiliati per dare rilievo alla causa. Questo per inquinare gli appalti pubblici con proprie imprese”.

Le imprese edili e di movimento terra riferibili alla cosca avrebbero acquisito anche appalti dalla cooperativa rossa emiliana ‘Coopsette’, attraverso la corruzione di dipendenti infedeli che assegnavano le commesse a seguito dell’approvazione di preventivi «gonfiati».

Una vera e propria strategia d’inquinamento dell’economia e dell’informazione.

E’ in questo contesto che si sono svolti anche espropri illegittimi di terreni come quelli perpetrati a Pozzolo Formigaro (Alessandria). Azioni d’imperio avvenute solo in seguito a qualche foto dei tenici Cociv, senza svolgere la chiama dei proprietari mentre alcuni di loro non hanno nemmeno ricevuto la notifica dell’esproprio.

Sarebbe bastato ascoltare Comitati e associazioni che da anni si battono sul territorio per proporre alternative sostenibili al “Terzo Valico”. Opera quest’ultima che è un enorme spreco di denaro pubblico che nemmeno l’Europa vuole più finanziare, una bomba ecologica a orologeria per la presenza di amianto come riconosciuto anche dal Tar nel silenzio assordante delle istituzioni.

Finché le amministrazioni pubbliche non saranno in grado di monitorare con efficienza appalti pubblici e subappalti, evitiamo di alimentare il banchetto di mafie e corruzione con le cosiddette “Grandi Opere“. Concentriamoci, sempre nella massima trasparenza di appalti e subappalti, sulle piccole e medie opere di manutenzione del territorio che danno immediato sollievo ed
una risposta efficace alle esigenze dei cittadini.


Sostieni la campagna ContinuareXCambiare. Per arrivare in Europa, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto. Dona ora e diventa parte del cambiamento: dona.ilblogdellestelle.it