Il Blog delle Stelle
Onestà a Trieste con Paolo Menis sindaco!

Onestà a Trieste con Paolo Menis sindaco!

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 4

di Paolo Menis, candidato M5S Trieste

Correva l’anno 2003. Gorge Bush decide l’invasione dell’Iraq, i Savoia rientrano in Italia. I Knicks ritirano la maglia numero 33 di Pat Ewing. A Trieste il Sindaco è da due anni il sig. Roberto Di piazza, che oggi, a distanza di 15 anni dalla sua prima elezione, ci riprova, sventolando i suoi progetti per la città. Sui quali nutriamo qualche dubbio, a meno che non si tratti di progetti immobiliari, perché su questo fronte la sua capacità è nota e dimostrata da eventi che iniziano proprio nel 2003.

L’operazione immobiliare della sua vita si sviluppa su più tappe:
- 14 ottobre 2003 e il Sindaco (pro tempore) acquista da un privato cittadino un terreno di 1.418 mq per la cifra di 33.000,00 euro;
- 7 luglio 2005 il nostro provetto immobiliarista acquisisce un altro terreno, confinante con il primo, di 470 mq per 15.000,00 euro;
- 26 febbraio 2007, si manifesta in tutto il suo splendore la capacità imprenditoriale del nostro eroe: dopo lunga trattativa tra il Dipiazza Sindaco e il Dipiazza speculatore edilizio, il primo vende al secondo un terreno di proprietà comunale (cioè pubblica, cioè di tutti noi) che si estende per 413 mq alla cifra di 33.050,00 euro.
Il Dipiazza si trova quindi in possesso di una piccola proprietà terriera, non agricola ovviamente ma in gran parte edificabile, pagata complessivamente 81.050,00 euro, e decide di unire le particelle acquisite e di frazionare il tutto in due parti: una più piccola, di 243 mq, e una più grande, di 2.102 mq.
A questo punto scatta il businnes: Dipiazza ottiene il 14 marzo 2008 una Concessione Edilizia (prot. gen. 2008-0047266, prot. corr. 11/2257-9/2007) per realizzare “solamente” quattro ville unifamiliari sulla parte più grande del terreno e, poco dopo, il 31 luglio 2009, la vende per “soli” 370.000,00 euro ad una società privata il cui procuratore speciale risulta essere Giorgio Rossi, allora Assessore della Giunta Dipiazza ed attualmente capolista della lista civica del candidato Dipiazza.
L’altra parte, quella più piccola e sostanzialmente inutile, la vende al suo confinante (casualmente anch’esso ex Assessore di Dipiazza e Vicesindaco, Paris Lippi) per pochi spiccioli, 7.290,00 euro.
Peccato che il contratto di compravendita del 2007 sia stato dichiarato nullo. Il Codice Civile (art. 1471) prevede espressamente che “non possono essere compratori nemmeno all'asta pubblica, né direttamente né per interposta persona gli amministratori dei beni dello Stato, dei comuni, delle province o degli altri enti pubblici, rispetto ai beni affidati alla loro cura…” e infatti, a seguito di un contenzioso civilistico, il Giudice di primo grado ha «accertato e dichiarato la nullità del contratto di compravendita» stipulato «fra il Comune di Trieste» e lo stesso sig. Dipiazza (sentenza 905/2013). E peccato che la particella acquisita illecitamente dal Comune di Trieste risultasse fondamentale per la futura edificazione essendo quella l’unica fronte strada e che fosse quindi quella a dar valore all’intera operazione immobiliare (che ha fruttato circa 290.000,00 euro meno le spese sostenute per la concessione edilizia).
Poteva il Dipiazza non sapere quello che stava facendo? Si, ma allora non è in grado di fare nuovamente il Sindaco. In alternativa dovremmo pensare che era ben consapevole di ciò che stava facendo e che abbia agito in malafede.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

1 Giu 2016, 10:00 | Scrivi | Commenti (4) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 4


Tags: dipiazza, paolo menis, sindaco, trieste

Commenti

 

Spazi urbani in gioco attività ludica e volta alla socializzazione dei bambini, componente fondamentale allo sviluppo di una società sostenibile. Lei come possibile futuro Sindaco come pensa affrontare tale criticità emersa relativamente al divieto di frequentazione delle zone verdi di importanti parchi pubblici?

massimiliano.barut 02.06.16 11:45| 
 |
Rispondi al commento

A Trieste il Dipiazza non puo' certo candidarsi, almeno con speranze di successo. Forse gli andrebbe meglio in un Comune delle Regioni meridionali dove simili pratiche sono consuetudini apprezzate.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau 01.06.16 15:41| 
 |
Rispondi al commento


mail: loanexpress229@outlook.com
Non è sempre facile capire chiaramente quando si vuole prendere in prestito denaro per finanziare il suo progetto immobiliare: è per questo che abbiamo creato una mutui. Desidera prendere in prestito, ma per quanto tempo? Quanto? Con quale i pagamenti mensili? Il nostro calcolatore di ipoteca vi aiuterà a trovare la strada, valutare le opzioni di finanziamento e pianificare il vostro prestito in pochi click con le migliori offerte!
Per ulteriori informazioni si prega di contattarci tramite il nostro on
Financial *
* Prestito casa
* Prestito di investimento
* Prestito Auto
* Consolidamento del debito
* Acquisizione di credito
* Persona pronta
* Si sono bloccati
* Bank vietata e non si ha il vantaggio di banche o è meglio avere un progetto e hanno bisogno di finanziamenti per favore contattaci e ti aiuteremo. grazie
ci ha contattato per posta: loanexpress229@outlook.com

loan 01.06.16 12:36| 
 |
Rispondi al commento

E allora FORZA TRIESTEEEEE!!!!!

Cinque Stelle Coraggio!




Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori