Gioco d’azzardo: stop ai Gratta e Vinci negli ospedali, una vittoria del M5S

>>> Il Blog delle Stelle ora è anche su Telegram con tutte le news e i commenti.
Rimani aggiornato —> Clicca qui https://telegram.me/blogdellestelle e UNISCITI. <<<

di M5S Emilia Romagna

La Regione, dopo il nostro intervento, ha finalmente vietato la vendita di Gratta e Vinci e altre lotterie istantanee nei bar e nelle edicole degli ospedali. Si tratta di un provvedimento tardivo ma necessario visto che la vendita di questo tipo di prodotti è del tutto incompatibile con l’attività che si dovrebbero svolgere in un ospedale. L’assessore alla Sanità Sergio Venturi, rispondendo a una interrogazione presentata nelle scorse settimane, ha confermato di aver inviato una comunicazione alle Asl in cui si vietava espressamente la vendita di biglietti Gratta e Vinci e lotterie istantanee all’interno delle aree di vendita (edicole o bar) degli ospedali dell’Emilia-Romagna così come chiedeva l’interrogazione presentata dal M5S.
Come lo stesso assessore Venturi ha dovuto ammettere fino ad oggi gli unici divieti erano quelli che riguardavano la vendita di alcolici e tabacchi, mentre per quel che riguarda questo genere di prodotti non c’era un’indicazione precisa. Si è trattato di una svista clamorosa a cui si è potuto porre rimedio grazie alla nostra interrogazione che segnalava episodi registrati sia all’interno dell’ospedale di Cesena o in quello di Imola. In quest’ultimo caso la vendita dei Gratta e Vinci era addirittura prevista dal bando di assegnazione dell’edicola dell’ospedale anche se poi chi ha preso in gestione il locale ha scelto di non venderli.
La comunicazione da parte dell’assessorato alla Sanità e alla Politiche Sociali è stata inviata alle Asl della Regione lo scorso 12 maggio, mentre l’interrogazione del M5S dove veniva segnalato il problema era stata depositata quasi un mese prima, il 22 aprile. Quello che vorremmo capire è perché fino a quella data nessuno si sia mai interessato al problema permettendo così che in un luogo dove le patologie si dovrebbero curare venisse tollerata la vendita di prodotti che contribuiscono a crearne o aggravarle, come l’azzardopatia. Adesso ci aspettiamo che questa direttiva sia seguita fedelmente dalle Asl e che si facciano controlli mirati anche sui bandi coi cui vengono cedute le attività commerciali all’interno degli ospedali. La mission delle Aziende ospedaliere, vale la pena ricordarlo, è la cura dell’azzardopatia e non l’incentivazione al commercio di lotterie istantanee.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr