Il caso della RAI fascista al Parlamento Europeo #denunciamolaRAI

intervento di Isabella Adinolfi, portavoce M5S Europeo, al Parlamento Europeo di Strasburgo

La Commissione europea ha accusato il governo polacco di attentare alla libertà dei media e al pluralismo.
Questo perché con la nuova legge il Ministero del Tesoro ha il potere di nominare e revocare i vertici delle aziende radiotelevisive pubbliche.
E allora perché la Commissione non accusa anche il governo italiano?
Forse la Commissione non sa che il premier si è attribuito il potere di scegliere e nominare l’amministratore delegato della RAI, inaugurando un sistema di televisione pubblica, tipico di un regime fascista.
Forse la Commissione non sa che in Italia i partiti scelgono i direttori di rete, dei telegiornali e i conduttori dei programmi politici e chi non è gradito viene cacciato, come capitò, tra i tanti, a Enzo Biagi con l’Editto Bulgaro.
Colleghi, ora sapete tutto. Non potete più tacere.
Noi del M5S pretendiamo che la Commissione intervenga in Italia come in Polonia. Ve lo ripeto: non potete tacere!

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr