Io sono Ahmed #charliehebdo

L’Islam è pericoloso: ci sono milioni di persone in giro per il mondo, e anche sui pianerottoli di casa nostra, pronti a sgozzare e a uccidere in nome dell’Islam“. Lo ha detto Salvini dall’alto della sua ignoranza fondamentalista, aggiungendo che la religione musulmana “non è e non va trattata come le altre confessioni“.
Salvini è un piccolo uomo portato alla grande ribalta dai media di regime per far dimenticare la Lega ladrona che ha governato per anni insieme a Berlusconi, artefice dell’attuale sfacelo italiano insieme a tutti i partiti.
A Salvini risponde Ahmed Merrabet. Era musulmano ed era uno dei due agenti a protezione del direttore del Charlie Hebdo, il celebre vignettista Charb. Aveva 42 anni e due figli quando è stato ammazzato a colpi di kalashnikov da uno dei due terroristi come si vede nel video diffuso in rete dopo l’attentato. Io sono Charlie. Ma sono anche Ahmed, il poliziotto morto per difendere Charlie Hebdo e la sua redazione.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr