Il M5S taglia gli affitti d’oro della Camera

“Trentadue milioni in meno spesi dai cittadini italiani. Trentadue milioni in meno in tasca ai soliti palazzinari. Il MoVimento 5 Stelle c’è e si vede. Grazie ai portavoce è stato interrotto un contratto che la Camera dei Deputati aveva stipulato a partire dal 1998. Destinato a durare, perché non v’era clausola di recesso. Tutto per la modica somma di 32 milioni di euro l’anno , per affittare dei palazzi al centro di Roma a uso ufficio per i deputati. Ora questo contratto è stato stracciato tramite una norma scritta dal portavoce Riccardo Fraccaro. E non si spenderanno più questi 32 milioni di euro l’anno. I deputati sono stati destinati a palazzi già di proprietà della Camera, quindi a costo zero. Certo, staranno un po’ stretti, avranno a disposizione 5-6 metri quadri ciascuno. Epperò, in tempi in cui da tutte la parti si parla di “ristrettezze” anche i deputati, finalmente, sono stati costretti ad aderire. Chissà perché nessuno ci aveva mai pensato prima del M5S.” M5S Camera
ps: ai dipendenti della “Milano ’90” che protestano perché a rischio licenziamento diciamo che abbiamo fatto approvare un ordine del giorno al bilancio della Camera per non far perdere loro il lavoro. C’è una proposta in mano ai questori della Camera.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr