Giornalista del giorno: Annalisa Cuzzocrea, la Repubblica

“Grillo-shock sui migranti. “Portano la tubercolosi“. Il Viminale lo smentisce. Il comico: 40 agenti malati. La Polizia: è falso. Pd e Sel: sei un razzista. Un allarme anti-immigrati lanciato sul blog. […] In realtà, le cose non sono proprio così. All’allarme lanciato da uno dei suoi sindacati la polizia di Stato aveva già replicato con un’intervista in cui il direttore centrale di Sanità, Roberto Santarosa, precisava che nessun agente si è ammalato di tubercolosi, ma che alcuni sono semplicemente risultati positivi al test che prova l’esposizione al batterio. (che è esattamente quanto affermato dal blog che ha riportato e sottolineato la denuncia di Consap che i giornalisti di Repubblica non si sono neppure curati di riportare nonostante sia stata lanciata a giugno, ndr). Nega anche, il Viminale, che la polizia non prenda le precauzioni del caso (il viminale, anziché a quelle della Cuzzocrea, dovrebbe rispondere alle domande dei poliziotti, quanto meno ascoltarli, e preoccuparsi della class action lanciata dal sindacato contro il ministero dell’interno colpevole di aver mandato le forze dell’ordine allo sbaraglio e senza protezioni ad accogliere i migranti, ndr)” Annalisa Cuzzocrea su la Repubblica di oggi, pag. 20

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr