I lavoratori della Micron contro l’ipocrisia al governo

“Fisici, ingegneri, informatici, ricercatori. Giovani, preparati, brillanti. Una generazione di cervelli che rischia di sparire, di volare via. Alla faccia del premier che si diverte a usare la tecnologia come un adolescente e ha promesso che i settori innovativi sarebbero stati protetti in Italia. La storia della Micron smaschera l’ipocrisia del governo. E’ una vertenza che ha le sembianze dello scandalo. Crisi? Recessione? No, i bilanci vanno a gonfie vele. E allora eccoci di fronte alla protervia della dirigenza straniera di una multinazionale che semplicemente ha deciso una ristrutturazione globale in cui l’Italia è vittima sacrificale, con 419 dipendenti messi in mobilità e la forza lavoro nel nostro Paese tagliata di circa il 40%. La italo-francese STMicroelectronics sei anni fa aveva fuso il suo ramo memorie con quello della Intel, dando vita a Numonyx che poi, nel 2010, era stata acquistata dall’americana Micron. Ora i manager a stelle e strisce hanno deciso di delocalizzare, rubandoci competenze e know-how industriale. I dipendenti italiani giustamente protestano sotto le finestre di Renzi perché è inaccettabile essere messi per strada da un’azienda che l’anno scorso ha visto passare il fatturato da 6,8 a oltre 14 miliardi di dollari. Micron non può e non deve andare via. Il M5S è dalla parte dei lavoratori.” M5S Camera

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr