Expo: Maroni parte lesa

Crozza è continuamente superato dalla realtà. Renzie lo ha ormai surclassato, l’originale è infatti cento volte più ridicolo della sua imitazione. Maroni, che Crozza imita come un manichino ingessato con le spalle incassate, non è da meno. Ieri in Regione Lombardia ha detto in sequenza due maronate: Primo che “la Regione è parte lesa“, nelle indagini che hanno portato all’arresto di Antonio Giulio Rognoni, direttore generale di Infrastrutture Lombarde e di Pierpaolo Perez (direttore ufficio appalti). Se c’è qualcuno che è leso sono i cittadini lombardi stretti da un ventennio nella tenaglia della Lega e di Comunione e Fatturazione. Seconda maronata: “Basta con questa ossessione della discontinuità formigoniana“. Ma quale discontinuità Maroni? Tra Maroni e Formigoni di discontinuo non c’è nulla. Pappa e ciccia. Culo e camicia.
Il MoVimento 5 Stelle ha chiesto le dimissioni di Maroni e del presidente del consiglio regionale Raffaele Cattaneo (all’epoca assessore alle Infrastrutture e membro del comitato di vigilanza di Infrastrutture Lombarde)

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr