Due indizi fanno una prova

Venerdì 21 marzo ore 20.30 circa. Nell’anteprima dell’intervista a Mentana rivelo i dettagli di un incontro all’ambasciata inglese a Roma, durante il quale l’ambasciatore mi invitò a pranzare con Letta.
Dopo la messa in onda dell’intervista integrale Mentana legge le versioni dell’ambasciata e di Letta.
Versione di Letta: “l’ambasciatore mi disse: “Oggi viene Grillo con Casaleggio per un pranzo, se vuoi gli dico che sei qui, se volete potete incontrarvi”. Richiesta che Letta declinò.
Dunque. L’ambasciatore smentisce di avermi chiesto di pranzare con Letta, ma viene smentito dallo stesso Letta che rivela che l’ambasciatore gli propose di incontrarmi, ma che lui rifiutò. L’ambasciatore però mi disse che Letta ci aspettava di sopra. Voleva fargli una “sorpresa” contro la sua volontà? Se Letta rifiutò perché insistere con me per un incontro che “l’ambasciata non aveva alcun interesse a promuovere“? Ma soprattutto: perché non telefonarsi prima di fare due smentite ufficiali che si smentiscono a vicenda?

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr