Il Pil dei cacciabombardieri

Si può! Truccare i dadi si può! Cambiare le statistiche pur di nascondere la verità si può. A giugno 2013 l’Istat trasformò il calcolo dell’indice di fiducia degli italiani ottenendo un aumento di ben 20 punti celebrato da Saccomanni (regalategli un lampadario) e Letta come l’ennesima luce in fondo al tunnel. Da allora gli italiani sorridono alla vita. Ora ci risiamo. A settembre 2014 la Commissione Europea utilizzerà una nuova metodologia di calcolo del PIL. Spese militari (?!) e di ricerca e sviluppo diventeranno investimenti. La valutazione delle spese relative alla bilancia dei pagamenti e al sistema previdenziale cambierà. Il tutto al fine di abbandonare l’ESA 95 (European system of national accounts) e allineare il calcolo del PIL europeo alla analoga metodologia di calcolo americana. L’Europa riparte alla grande. Alcuni Paesi europei hanno già fornito i nuovi risultati con delle simulazioni. Siamo tutti più ricchi e la luce splende in fondo al tunnel. Per l’Italia, durante il periodo 2010-2012, vi è un aumento di PIL di più di un punto percentuale. I cacciabombardieri F-35 diventano un ottimo investimento, in fondo portano lavoro.Gli altri Paesi europei anticipano addirittura un sensibile miglioramento: la Gran Bretagna di 4%, Svezia e Finlandia di 5%.
Se il risultato di 1-2 punti percentuali in più sarà confermato per l’Italia avremo 500 dai ai 900 milioni di euro da spendere in quanto diventati virtuosi per la UE. Il problema è che i soldi non ci sono. Preparatevi a sei mesi di chiacchiere su un tesoretto che attribuiranno alle capacità di Capitan Findus Letta e di Gelatina Saccomanni senza spiegare che è solo artificio contabile. Più Pil e più bombe per tutti. E’ l’Italia che va… Ma dove va? Io un’idea ce l’avrei.


Sostieni la campagna ContinuareXCambiare. Per arrivare in Europa, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto. Dona ora e diventa parte del cambiamento: dona.ilblogdellestelle.it