L’Italia degli orrori

L’Italia di oggi è l’Italia degli orrori. La priorità è salvare le persone, non rinviare l’Imu.
“L’altro ieri il mio vicino di casa di è dato fuoco. Uomo tranquillo, gentile, gran lavoratore, disperato, titolare di una piccola impresa edile con difficoltà economiche. Non ho aggettivi per esprimere il mio stato d’animo. Sono incazzata, schifata, delusa. Sento mia quella disperazione perchè vivo quegli stessi problemi. Pregare? Cercare aiuto? E da chi? Dalle banche? Dalle istituzioni? Non serve più, ma per assurdo nemmeno ammazzarsi perchè ad oggi i morti suicidi sono diventati numeri che si contano e si dimenticano domani, non se ne parla più di tanto. Meglio parlare di Ruby e di Berlusconi. Oppure usiamo il pretesto dell’imu per “minacciare” il governo, ma quante bisogna ancora sentirne? Il Paese sta affogando, una morte lenta la nostra. Quanta gente dovrà ancora morire per salvagurdare “le caste“?” nadia regoli

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr