L’Italia che chiude

“L’Italia sta chiudendo i battenti.
Nell’ arco dell’anno visito, per lavoro, oltre 400 aziende che operano nel settore metalmeccanico. Fino a 2, 3 anni fa la situazione era difficile ma la forza di continuare c’era. Un 15% ha già dislocato le aziende in altri paesi come Svizzera, Germania, ecc. Il 25/30 % si dice pronta a lasciare l’Italia per paesi che offrono loro grandi vantaggi, come agevolazioni fiscali, tasse intorno al 25/30 % ecc. ecc. Un ulteriore 25/30% delle azienede si dice pronta a chiudere,definitivamente. Un 30/35% non sa cosa fare e attende sviluppi della situazione. Ma chi porterà avanti questo paese se le piccole e medie aziende sono pronte ad andar via o a chiudere definitivamente?” Sabrino Di Renzo, Gradara

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr