Italia in saldo

“L’Italia si appresta a vendere il suo patrimonio immobiliare per far cassa. Siamo alla frutta. Il patrimonio immobiliare Italiano vale 400 miliardi di euro, ma la maggior parte è detenuto dagli enti territoriali. La somma sarebbe considerevole per abbattere il debito pubblico, ma dovrebbe essere presentato in tempi brevi un programma di razionalizzazione e di accorpamento di tali edifici, destinati in gran parte ai servizi di amministrazione pubblica. Sarà facile attuare questo programma? No, la quota disponibile in tempi brevi dalla vendita di immobili si riduce a 40 miliardi spalmati in 10 anni, un toccasana per un debito pubblico di quasi 2.000 miliardi… Morale: si svendono i NOSTRI immobili a prezzi stracciati ai “soliti” palazzinari privati che non aspettavano altro per depredare la nazione. Dopo averci levato i soldi dalle tasche cominciamo a vendere gli immobili, poi le strade, e ferrovie, i monumenti e tutto in nome del debito pubblico, ma a noi non andrà niente, come al solito tutto servirà a mantenere nel lusso questa razza di infami.” bruno pirozzi, napoli

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr