I ladri di carciofi

I ladri di carciofi e di scarole stanno spopolando. Gli orti e i campi coltivati sono il nuovo bersaglio della criminalità delle pance vuote. Il vecchio detto “Chi non lavora non mangia” funziona solo se c’è il lavoro altrimenti va sostituito con “Chi non lavora muore di fame“. Per chi rischia di morire d’inedia rubare un cavolo o dei porri è un atto di legittima difesa. A causa dei furti,i supermercati sono oggi più presidiati dalle guardie giurate delle banche. In Italia nel 2011 sono stati rubati generi alimentari, dal prosciutto alle mozzarelle, per tre miliardi di euro. Gli affamati sono obbligati quindi a spostarsi dal distributore al produttore. Chi ha un orto ha un tesoro, dovrà armarsi di schioppo come i contadini di una volta. Gli orti sono il nuovo business. Nessuno lo ha ancora detto a Rigor Montis. A quando la tassa sugli orti?

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr