Morti di strisce

Le strisce pedonali sono tra i luoghi più pericolosi d’Italia. Le vittime sono più frequenti dei caduti in Afghanistan (purtroppo non è una battuta). Nessuno sanziona chi vi parcheggia sopra (“un minutino…“) o chi non si ferma (molti accelerano come a un semaforo verde) . Dovrebbero esserci delle telecamere fisse e il ritiro della patente per questi incivili.
“Ho 45 anni e due figli che accompagno a scuola a piedi ogni mattina, e ogni mattina devo litigare con il/la cafona di turno che ha parcheggiato sulle strisce pedonali e mi manda affanc perché vuole anche avere ragione, OGNI MATTINA. Ho chiamato i vigili non so più quante volte, ma hanno sempre ALTRO da fare, dobbiamo aspettare che un bambino finisca steso sotto le ruote di un coglione che non lo vede mentre fa la retro per vedere se avranno ancora ALTRO da fare. Il totale menefreghismo per qualsiasi regola, anche le basilari, è ormai VERTICALE, dall’alto al basso e viceversa, questo degrado sociale ci trascinerà verso il fondo. Aspetto fino alle prossime elezioni, se il MoVimento 5 stelle non entra in parlamento noi ce ne andremo dall’Italia. Tieni duro Beppe.” Marcella Cigarini

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr