Milano, licenza di uccidere sulle strisce

In città un uomo in bicicletta è un bersaglio da abbattere. L’ennesima morte a Milano di un ciclista sulle strisce è una non notizia. Capita ormai con una frequenza regolare. E’ stato maciullato da un camion mentre pedalava sui Navigli. Era mattina, non c’era la nebbia, ma un primo sole che annunciava l’arrivo della primavera. Milano da bere è diventata Milano da ammazzare, soprattutto sulle strisce pedonali. Chi le attraversa rischia la vita e a nessuno interessa. Chi è responsabile oltre ai soliti idioti che non rispettano niente e nessuno? I comuni e la polizia urbana tollerano qualunque comportamento sulle strisce e i pedoni e i ciclisti sono falciati come il grano d’estate. O le strisce vengono presidiate dai vigili e da telecamere o devono essere eliminate. Oggi sono una trappola, una licenza di uccidere. E’ ora di dire basta!

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr