Il rogo inconsapevole del Corano

Il rogo del Corano da parte di soldati americani è stato inconsapevole. Gli Stati Uniti hanno imparato dalla migliore tradizione italiana, da Scajola e Rutelli. Peter Lavoy, assistente del segretario della Difesa per l’Asia e il Pacifico ha dichiarato “Mi scuso a nome del ministero della Difesa. Il Corano è stato bruciato a nostra insaputa“. Gli afghani rassicurati da queste parole hanno preso d’assalto la sede dell’ONU. L’80% del Paese è nelle mani dei talebani, la popolazione è dalla loro parte dopo l’uccisione di migliaia di civili bombardati dai droni. La va a pochi mesi, dopo i quali Karzai dovrà trovarsi un appartamento a Parigi o a New York. Prima che Kabul si trasformi in una riedizione di Saigon con gli elicotteri sui tetti, i nostri militari devono rientrare. Rimanere non solo è inutile, ma anche stupido mentre i talebani stanno trattando in segreto (o quasi…) con gli occupanti.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr