Il mutuo infinito della Grecia

Il secondo prestito di 130 miliardi di euro alla Grecia è andato in porto. Il default è per ora scongiurato. Le banche europee che hanno comprato titoli pubblici greci tirano un sospiro di sollievo. I 14,5 miliardi di titoli in scadenza a marzo verranno rimborsati. Ma è solo la replica del teatrino di un anno fa, quando il prestito fu di 110 miliardi e tutti stapparono bottiglie di champagne. L’unica cosa certa è che la Grecia è più indebitata di prima. Non è chiaro a chi finiranno i miliardi del prestito se non alle banche greche, che incasseranno 30 miliardi per disporre di liquidità, e a quelle straniere per i rimborsi dei titoli. Il secondo bail out ha salvato per la seconda volta le banche. Resta un mutuo ventennale a carico dei greci sotto forma di tasse e di tagli di servizi sociali e comunque un probabile default.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr