I film violenti di Casseri

Gianluca Casseri era un isolato, un razzista, un disadattato. In parole povere un fuori di testa. Il pluriomicida di senegalesi era una bomba con la miccia innescata. Per capirlo era sufficiente scambiarci due parole, ma non per i giornalisti che, dopo attente indagini, hanno scoperto la causa della sua follia: “Tre film violenti negli scaffali di casa sua“. Ecco i titoli: “Ispettore Callaghan. Il caso Scorpio è tuo“, “Un giorno di ordinaria follia” e “Dobermann” con la Bellucci. Indizi che non lasciano dubbi. Mi sono sentito colpevole. Io ho “Shining“, “Un lupo mannaro americano a Londra” e “Profondo Rosso“, ma anche “Biancaneve e i sette nani” con la scena della regina che si trasforma in un’orribile strega. Occhio ai film che vi tenete in casa. Chi ha tutti i film di Dario Argento rischia l’ergastolo. Belin. E voi che film avete?

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr