Tamburi di guerra

Dal 1945 ci siamo abituati a guardare le guerre degli altri. Dei 195 Stati esistenti, pochi, negli ultimi sessantasei anni, sono scampati a guerre, anche spaventose, o a feroci conflitti interni. Dalla Corea, al Vietnam, alla Cambogia, all’Iraq, all’Argentina, quasi tutta l’Africa, Israele, Iran, Cile, Nicaragua, Cipro, India, Pakistan, Bangladesh, Serbia, Cecenia, Georgia, una lista interminabile. L’Europa ha partecipato alle guerre, bombardando e inviando le sue truppe, ma il suo territorio è rimasto immune. Alcuni ne danno il merito alla UE, che ha sedato la volontà di potenza tedesca imbrigliandola nella BCE e nell’euro. Può essere che non abbiano tutti i torti. Sarkozy, che ha dichiarato: “Coloro che distruggeranno l’euro avranno la responsabilità del ritorno dei conflitti sul nostro continente“, forse pensa già a una nuova linea Maginot.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr