Lo scalpo di Ahmadinejad

Obama ha visitato in questi giorni l’Australia e come regalo di Natale ha promesso l’invio di 2.500 marines in una delle zone più pacifiche del mondo. La Cina non ha gradito il gesto del Nobel per la pace e ha dichiarato di essere preoccupata. I marines sono una testa di ponte per le isole Figi o per Hong Kong? I bei tempi di Reagan e dell’Impero del male con un unico nemico, l’Unione Sovietica, sono finiti. Ora i bersagli degli yankees sono multipli e disseminati sulla faccia della Terra. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Chi sarà il prossimo? La Siria, lo Yemen? l’Iran? Gli angloamericani parlano di guerre come se si trattasse di noccioline. Dopo Bin Laden e Gheddafi ora vogliono lo scalpo di Mahmud Ahmadinejad. Aspettare per credere.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr