Tu chiamale se vuoi, evasioni

“In Calabria, periferia dell’Impero, è evaso un boss di primo piano della ‘ndrangheta. Si chiama Antonio Pelle, detto “vanchiddu” ma soprannominato anche “la mamma”, che pare voglia significare tanto nel gergo criminale. Era stato condannato a 13 anni di carcere per faccende legate alla faida di San Luca. Ultimamente era anoressico, gli avevano dato i domiciliari, poi l’avevano portato in ospedale, a Locri. Ieri è evaso. Non si trova più. Mi chiedo come sia possibile. Chi lo piantonava? Come si fa a portare uno come Pelle ad un ospedale della zona, dove i potenti tentacoli delle ‘ndrine soffocano anche gli spigoli? Mi ricorda un po’ l’evasione di Luciano Liggio. So soltanto che quando presero Pelle, dentro a un bunker, fu la vittoria dello Stato. Era ritenuto fra i latitanti più pericolosi. Ora lo è di nuovo. Di chi la colpa?”
Enzo A.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr