Timoschenko libera!

Julia Timoshenko è stata arrestata per oltraggio alla corte durante il processo per abuso di potere in merito al rinnovo, nel 2009, di un contratto di fornitura di gas dalla Russia a condizioni sfavorevoli. Il processo si è tenuto in Ucraina. I magistrati parlavano però in russo. La Timoshenko ha chiesto il traduttore visto che l’Ucraina è ancora (?) un Paese indipendente e non si è alzata di fronte alla corte perché equivaleva a “mettersi in ginocchio di fronte alla mafia“. Prima di lasciare il tribunale ha passato un biglietto a un amico con scritto che non ha alcuna intenzione di suicidarsi. Questa vicenda non solo sembra sospetta, per usare un eufemismo, ma il tramonto della democrazia in Ucraina. Julia Timoshenko è in carcere per un reato risibile. I tribunali ucraini parlino ucraino, altrimenti i processi si tengano a Mosca, come ai tempi delle purghe staliniane. Timoschenko libera!

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr