Le mamme meridionali

Caro Beppe,
negli ultimi giorni, complice la primavera, passo ore ed ore in balcone a pensare. Dal mio si vede il mare, e sono sempre stata affascinata dagli orizzonti, dal pensare a chi è dall’altra parte, sull’altra costa. Ho 56 anni, insegno in una scuola elementare pugliese. Ho due figli di 33 e 27 anni. Ma l’emigrazione me li ha portati via. Al Nord, per sopravvivere. Mi chiedo Perché non posso invecchiare vicino a loro? Ed è la stessa domanda di migliaia e migliaia di mamme meridionali. Il mio paesino si sta svuotando. I giovani stanno partendo tutti, uno dopo l’altro. Ci sono sempre più case vuote e genitori soli. Ogni due mesi vado a trovare i miei figli, insieme a mio marito. Un fine settimana che dura sempre troppo poco. Spero solo che la loro scelta almeno gli consenta di invecchiare insieme ai loro figli, i miei nipoti.
Nunzia S.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr