La fregatura l’hanno presa i tunisini


I barconi prendono il mare dalle coste africane. Ci impiegano giorni per arrivare a Lampedusa. I satelliti, che ormai riescono a identificare un’aringa dallo spazio, non li vedono. La Marina italiana non li intercetta. A cosa serve la Guardia Costiera se non guarda? A sequestrare i ricci di mare? I tunisini appaiono all’improvviso sulle spiagge italiane, come gli Alleati in Normandia, sorprendendo Maroni e La Russa, responsabili di Polizia e Esercito. Se il Libano ci dichiarasse guerra, in 48 ore le sue truppe sarebbero a Bolzano. I tunisini una volta a Lampedusa non si possono più respingere e quindi li accogliamo, anche perché sappiamo che la loro meta è la Francia. Sarkozy li blocca alla frontiera in quanto clandestini. Per fottere i francesi dotiamo i tunisini di regolare permesso di soggiorno per sei mesi. Non sono più clandestini! I francesi, ispirandosi a Cambronne, rispondono “Merde!”. Chi è rimasto fregato è il tunisino. Dopo aver confrontato la pulizia e l’ordine di Tunisi con le città italiane rimpatrierebbe anche a nuoto.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr