Fini desenatorializzato


Fini è stato desenatorializzato. Ha subito convocato un’assemblea del FLI a cui hanno partecipato in due: lui e Bocchino. Ha invocato la pubblica comprensione. Lui non aveva i danée e lo psiconano sì. Non ha però spiegato chi ha permesso a Berlusconi di accumulare una fortuna grazie alle leggi macinate in tre lustri in cui lui ha fatto il palo. Fini è un giocatore di canasta che ha rischiato tutto sulla roulette del voto di fiducia il 14 dicembre. Aveva contemplato (quasi) tutto, tranne Razzi e Scilipoti. Ha perso per due voti. Per due transfughi dipietristi. Come poteva prevederlo? Fini è Bruto e Berlusconi è Cesare, ma, in questa Italia all’incontrario, è stato Cesare ad assassinare Bruto. Un Parlamento di “non eletti“, ma nominati dai capi partito grazie a una legge porcata votata anche da Fini, non poteva che trasformarsi un mercato delle vacche. Chi ha più soldi, la vacca è sua.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr