Il moralista


Non so se nell’Italia dei Valori ci sia un problema morale, ma non credo. Non tutto si può prevedere e nessuno è perfetto. Antonio Di Pietro ha sbagliato? Non è la prima volta e non sarà l’ultima, a iniziare dalla candidatura di Vincenzo De Luca in Campania. Prenda, se necessario, la ramazza e faccia pulizia. Applichi ai suoi compagni di partito la regola che ha sempre fatto sua, quella che se uno è rinviato a giudizio deve “correre dal giudice a farsi processare” e sospendersi temporaneamente dalle cariche pubbliche e dal partito. Se verrà assolto, questo gli farà onore. Se sarà condannato, le dimissioni erano dovute. Chi fa la morale a Di Pietro, che si dimise nel 1996 da ministro per sostenere un processo a seguito di accuse dimostratesi infondate (venne prosciolto perché i fatti non sussistevano) dovrebbe, prima di parlare, seguirne l’esempio, e mi riferisco a Luigi De Magistris, l’unico, che io sappia rinviato a giudizio e rimasto al suo posto nell’Italia dei Valori.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr