La paralisi di Unicredit


Dopo 10 giorni Unicredit è ancora senza una guida. La più grande banca del Paese è paralizzata. Se si decide di cacciare l’amministratore delegato va prima scelto il sostituto, è un principio elementare in ogni azienda, ancor più in una banca che gestisce i risparmi di buona parte degli italiani. I grandi azionisti di Unicredit e il suo consiglio di amministrazione che si riempiono la bocca di parole come “corporate governance” non sono stati neppure capaci di prevedere e rendere obbligatoria una nuova nomina in caso di avvicendamento al vertice. Una regola ovvia anche all’ultimo degli imprenditori. Il governo e la Banca d’Italia intanto restano a guardare. Nel frattempo il titolo cade in borsa giorno dopo giorno insieme all’economia nazionale.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr