Se 150 miliardi vi sembran pochi…


I sostenitori del voto anticipato, uno dopo l’altro, hanno fatto un passo indietro. Boss(ol)i addirittura tre. Il motivo è uno solo, la paura del default che produrrebbe l’effetto di uno tsunami sulla classe politica. Sarebbe azzerata nel migliore dei casi. Entro l’anno scadono più di 150 miliardi di euro di titoli, se non saranno acquistati non si potranno pagare le pensioni e gli stipendi pubblici che verrebbero decurtati. Di quanto? Del 10, 20, 30%? Un Paese senza governo e con 1800 miliardi di debito sarebbe come un tonno in una tonnara. La crescita del PIL italiano è inoltre tornata negativa (-0,3%). In queste condizioni chi decide se e quando ci saranno le elezioni non sono i partiti in Parlamento, ma i nostri creditori, le banche internazionali, la UE, i singoli Stati che hanno comprato centinaia di miliardi di nostri titoli di Stato, come la Francia. La sovranità economica e politica di un Paese coincidono, senza la prima non c’è neppure la seconda.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr