Da licenziati unilaterali a esuberi volontari


3.900 dipendenti di Telecom Italia sono diventati “esuberi volontari“, prima erano più modestamente “licenziati unilaterali“. Un passo avanti fondamentale nelle relazioni tra Confindustria e sindacati. E’, come ha precisato Emilio Miceli, segretario generale della Slc-Cgil: “un modello possibile di relazioni industriali e di gestione nuova, moderna, degli esuberi“. In sostanza o ti manda via l’azienda o te ne vai da solo con alcuni mesi di stipendio concordato e qualche gratifica. Il capo del personale Antonio Migliardi è: “molto soddisfatto per il tipo di soluzione trovata: è un accordo pieno di valori positivi“. I valori sono in particolare quelli distribuiti sotto forma di dividendi agli azionisti. L’utile netto del 2009 di Telecom è stato di 1.578 milioni di euro. Se un’azienda, pur con il colossale debito di Telecom di 34 miliardi di euro, è in utile perché deve licenziare? E’ la privatizzazione all’italiana. I responsabili del più grande saccheggio aziendale del dopoguerra, politici, finanzieri e industriali con le pezze al culo sono ricchi e impuniti. Tecnici, ingegneri e informatici in mezzo alla strada.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr