Terremotati e manganellati


5.000 terremotati abruzzesi sono sfilati per le vie di Roma per chiedere aiuto, per poter tornare nelle loro case. Li aspettavano le forze atisommossa (e chi altri?). Tre ragazzi sono stati feriti. Il sindaco Caliente è stato manganellato. Il braccio violento della Legge di chi pensa solo ai cazzi suoi ha colpito ancora, implacabile. L’Aquila è ormai una ghost town. Chi ci entra prova un senso di straniamento. Ai confini della realtà. Poi ascolta Minchiolini, Fede e il circo equestre dell’informazione e si rassicura per qualche minuto. Gli aquilani hanno perduto tutto, tranne le balle di regime. Un aquilano colpito alla testa ha detto: “Guardate il sangue di un aquilano. La mia unica colpa è essere un terremotato“. Al prossimo terremoto al posto di Bertolaso manderanno direttamente Maroni con la Celere.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr