La gatta di Mameli


Maroni è un buon sax, è anche ministro degli Interni, ma questo è un dettaglio per un leghista il 2 giugno, festa della Repubblica. Maroni era a Varese e non sul palco delle Istituzioni a Roma, ma questo si può capire. Presenziare con Napolitano, Berlusconi, Schifani, La Russa e Gianni Letta (lo zio di suo nipote) è al di sopra delle possibilità umane. Non si capisce invece la scelta di suonare a Varese “La gatta” di Gino Paoli al posto dell’Inno di Mameli. Un’idea del figlio di Bossi?
“C’era una volta una gatta
che aveva una macchia nera sul muso
e una vecchia soffitta vicino al mare
con una finestra a un passo dal cielo blu
di Maroni Roberto”. luca a., roma

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr