L’Età della Solitudine

Specie in via di estinzione
(5:00)

Un meteorite si è schiantato sulla Terra ed è più devastante di quello che cadde nella penisola dello Yucatàn e che segnò la fine dei dinosauri. Un meteorite formato da 6,5 miliardi di frammenti di specie umana che ha dato avvio alla sesta Grande Estinzione sul pianeta, dopo la Quinta che vide la fine dell’età mesozoica. Una specie vorace, che ama la solitudine, che vive in ecosistemi artificiali. Le altre specie sono superflue, spesso fastidiose. Il loro destino le è indifferente. I cambiamenti climatici indotti dall’uomo faranno scomparire entro il 2050 un quarto di tutte le specie animali e vegetali. Uno “specicidio di massa” che sta avvenendo ora, giorno per giorno. Dal 1973 la Malesia ha perso 266 specie di pesci d’acqua dolce, l’isola di Guam i suoi uccelli di terra, il lago Vittoria 50 specie di ciclidi, gli Stati Uniti 7 specie di uccelli, il mare d’Aral 38 specie di mammiferi e 159 specie di uccelli. L’uomo sta prosciugando le riserve di acqua dolce, che vale soltanto il 2,5% di tutta l’acqua del pianeta e che ospita 10.000 specie di pesci (su 25.000 complessive) e 5.473 specie di anfibi. Nell’80% dei grandi corsi d’acqua cinesi, pari a 50.000 chilometri, sono scomparsi i pesci. Il 35% di rane, rospi, salamandre è a rischio estinzione, 34 sono scomparse in questi anni, di 113 non c’è più traccia.
Nella storia della Terra l’estinzione di qualche specie è sempre avvenuta, mai però con i tempi da catastrofe biologica iniziati con l’uomo 150.000 anni fa. Da quando l’Homo sapiens è entrato in scena il ritmo dell’estinzione delle specie è aumentato di 100 volte e, inoltre, più specie scompaiono, più aumenta il ritmo di estinzione a causa della scomparsa di interi ecosistemi nei quali specie diverse convivono in modo interdipendente.
Vi ho terrorizzato abbastanza? Perché lo sono anch’io, e ho appena raccolto una formichina in salotto, delicatamente, e l’ho posata sull’erba, fuori dalla casa. Lo stesso ho fatto con un moscerino posato sul vetro di una finestra che ho subito aperto, accompagnando il suo volo con un augurio. Non vorrei rimanere l’unica specie sulla Terra. La solitudine non mi è mai piaciuta.

(*) dati tratti da “La Creazione” di Eward O. Wilson

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr