Il triangolo non è un problema


A Bruxelles i leader UE hanno deciso di introdurre una tassa sulle banche. Alla fine del 2008 gli stessi leader avevano stanziato aiuti per decine di miliardi per salvare le banche. In effetti le banche si sono salvate, molte hanno anche fatto grandi utili (ma i fondi accordati non dovevano servire per prestiti alle imprese? Per far girare l’economia?). Rimesse in sesto le banche e evitato il collasso economico è ora il turno degli Stati a fallire. Grecia e Ungheria da subito. Italia, Portogallo, Spagna e Irlanda con più comodo. Se dovesse succedere, il tracollo sarebbe generale in quanto Gran Bretagna, Francia e Germania posseggono gran parte del debito dei PIGS. E quindi si chiede alle banche europee, appena salvate, di contribuire al risanamento degli Stati. E’ un pendolo che non può durare. La terza fase sarà quella da parte degli Stati e delle banche di chiedere aiuto ai cittadini, ma dopo l’aumento dell’età pensionabile, lo smantellamento dello Stato sociale e il blocco degli stipendi pubblici cosa resta? Nel triangolo banche, Stati, cittadini indovinate chi pagherà alla fine il conto.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr