Boccia e l’acquedotto pugliese


La Rete ha una memoria di elefante. Boccia, il candidato di D’Alema, da una parte vuole la gestione privata dell’acquedotto pugliese, dall’altra dice che è una calunnia. Si metta d’accordo con sé stesso prima di aprire bocca..
“Pretendo che le famiglie del San Paolo di Bari non paghino nulla e i benestanti come me e Vendola paghino di più. E, per farlo, occorre aprire le porte della gestione dell’acquedotto pugliese alla competizione tra privati”.Boccia, 18 gennaio 2010
“Mi accusate di voler privatizzare l’Acquedotto. E’ una calunnia, è falso, non l’ho mai detto”. Boccia, 22 gennaio 2010“”
puglia morente. Fonte: http://www.facebook.com/pages/Il-blog-di-Alessandro-Tauro/236628049007?ref=nf

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr