Non c’è il ricco senza il povero


Combattere la fame e la miseria nel mondo dovrebbe essere LA priorità dei Paesi ricchi. Ma senza un miliardo di morti di fame esisterebbero ancora i Paesi ricchi?
“Consigli per i regali natalizi: secondo l’Unicef ogni 30 secondi muore un bambino per la malaria, eppure con 5€ si potrebbe comprare una zanzariera (su cesvi.it) impregnata di insetticida,con 10€ fornire farmaci anti-malaria a 5 bambini (su cesvi.it),con 15 € si vaccinerebbero 100 bambini africani contro il morbillo che lì spesso è letale. Fortunato il bambino Gesù a non nascere oggi, magari in Afghanistan, dove 6 bimbi su 100 non superano il primo mese di vita (su emergency.org)… quel miliardo di disgraziati che patisce la fame nell’era di Internet. E pensare che basterebbero 14€ per un pacco alimentare sufficiente a sfamare un mese un’intera famiglia africana o 20€ per piantare 6 alberi da frutto (su savethechildren.it). Fortunato Gesù ad avere un bue e un asinello,un lusso per tanti abitanti del Maghreb che soddisferebbero i propri bisogni alimentari con i 79€ necessari a comprare 6 capre (savethechildren.it).” Roberto M.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr