Acqua in caraffa negli asili


L’acqua in caraffa o l’acqua di plastica? Pubblica o privata? Ma che domande sono? L’acqua pubblica in caraffa costa meno, non inquina ed è migliore. Forza Reggio Emilia.
“Caro Beppe, avanza la nostra proposta di passare all’acqua del rubinetto negli asili e nelle scuole d’infanzia. Un risparmio di circa 50.000 euro all’anno e zero rifiuti. Ti allego la risposta degli Uffici Comunali di scuole e nidi d’Infanzia) alla nostra interpellanza per eliminare bottiglie di plastica e l’acqua in bottiglia dagli uffici e dalle strutture comunali delle scuole nidi d’infanzia. Il costo complessivo delle bottiglie di acqua per i servizi e nidi d’infanzia è di 50.000 euro l’anno che in saranno risparmiate. Sarà favorito il consumo di acqua del rubinetto in caraffa. Il direttore dell’istituzione scuole e nidi d’infanzia ci ha risposto: “Sempre più autorità sanitarie (in particolare il Sian, titolare della sicurezza degli alimenti) sostengono l’uso dell’acqua degli acquedotti pubblici, definite anche recentemente nelle Linee strategiche per la ristorazione scolastica in Emilia Romagna: salubri e senza controindicazioni al consumo da parte dei minori“. Matteo Olivieri, consigliere comunale Lista Civica 5 stelle Beppe Grillo

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr