Il mercato parlamentare delle vacche


Per il settimanale L’Espresso il piduista Cicchitto sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati. Il piduista, secondo la denuncia di una donna (sempre una donna!), avrebbe intascato somme a cinque zeri per inserire candidati al Senato nelle file di Forza Italia. Che lo abbia fatto o meno non mi interessa e neppure che la denuncia corrisponda a verità. Mi interessa molto invece che con la legge elettorale attuale (incostituzionale) questo sia possibile. I posti in Parlamento li decidono sette persone e i loro capi bastone e non i cittadini con la preferenza diretta. Un sistema fatto apposta per un’asta al rialzo con qualunque cosa in palio: sesso, appalti, soldi. Il Parlamento è diventato un mercato delle vacche e non solo in senso metaforico.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr