Giorgio Ambrosoli 1979 – 2009


Giorgio Ambrosoli era un avvocato, un patriota, una persona onesta. Ucciso da un mafioso su ordine di Michele Sindona. Il bancarottiere su cui indagava, protetto da Giulio Andreotti. Il “salvatore della lira” vicino a Marcinkus e alla finanza vaticana. Il compare di Licio Gelli e della P2. Sono passati trent’anni da quella sera in cui Ambrosoli fu ammazzato sotto il portone di casa. Era senza scorta. Se fosse ancora vivo, cosa direbbe di Andreotti senatore a vita, e di Schifani presidente del Senato che invia un messaggio alla sua famiglia? Al funerale, il 14 luglio 1979, non era presente nessuna autorità di Governo. Forse era meglio allora. Onore a un grande uomo. Uno dei pochi.

Centro delle preferenze per la privacy

Necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

gdpr[*], bds_user_logged_in, wordpress_logged_in,

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gid, _wingify_pc_uuid, _cfduid,

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

fr