Il Blog delle Stelle
Come funziona il Reddito di Cittadinanza in tutta Europa

Come funziona il Reddito di Cittadinanza in tutta Europa

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 46

di MoVimento 5 Stelle Europa

In Italia il reddito di cittadinanza non esiste. Esiste invece praticamente in tutto il resto d'Europa esclusa la Grecia. Vediamo come funziona nei vari Paesi europei.

In Austria il reddito di cittadinanza si chiama Mindeststandards. Lo possono richiedere tutti i residenti a prescindere dall'età, ma bisogna avere in mano un certificato in cui si dimostra di non poter lavorare. Il richiedente non deve possedere una casa. Il sostegno prevede 814 euro al mese se solo, oltre 1.221 euro se in famiglia, più gli assegni famigliari che variano da Land a Land. La durata è illimitata.
 
In Belgio il revenu d'intégration sociale è legge dal 2002. Fra i requisiti richiesti c'è la residenza da almeno 4 anni. Solo chi ha problemi di salute o ne ha avuti con la giustizia può farne richiesta. Nel caso di persona sola il sussidio è di 817 euro. Un po' di più per la famiglia ma in questo caso si può contare sugli assegni sociali se il figlio non ha più di 10 anni.  La durata è illimitata ma si fa il punto ogni anno.
 
In Bulgaria il legislatore ha previsto molti filtri antifrode. Solo chi è davvero povero può ottenere questo diritto, a patto che viva in una casa non più grande di una stanza, non abbia posseduto immobili negli ultimi 5 anni e sia iscritto nella lista di collocamento da almeno 9 mesi. Il reddito minimo è di 57 euro, quello per una famiglia il doppio. Ma a questo contributo vanno aggiunti casa e riscaldamento che sono gratuiti. La durata è illimitata, ma chi fa il furbetto paga con gli interessi.
 
Anche in Croazia per ottenere il reddito di cittadinanza ci sono delle barriere. I proprietari di autovetture e di appartamenti più grandi di 35 metri quadrati sono esclusi, così come i non residenti di lungo corso. Un single percepisce 145 euro al mese più metà del canone d'affitto. Una famiglia può contare su 237 euro. Il diritto si esaurisce quando arriva la prima offerta di lavoro, anche stagionale.
 
In Cipro, oltre alla residenza è prevista una soglia al reddito dichiarato. Anche la proprietà di immobili viene conteggiata nel calcolo.  Alle persone sole viene erogato un assegno di 452 euro, alle famiglie 813 euro. Ma la durata è limitata a 1 anno per tutti eccetto che per gli ultrasettantenni.
 
Nella Repubblica Ceca il reddito di cittadinanza viene chiamato SAMN. Il titolare del diritto deve dimostrare di essere povero e inattivo e se da solo riceve 204 euro al mese, se componente di famiglia 360 euro. La durata è illimitata, ma chi rifiuta una proposta di lavoro viene automaticamente escluso.
 
La Danimarca è il Paese più generoso d'Europa. A tutti i residenti disoccupati o in malattia, con entrate inferiori a 1.300 euro al mese, viene erogato un assegno. Il sistema favorisce i giovani: gli under 30 hanno diritto a 924 euro al mese se vivono soli, 446 se invece stanno ancora con i genitori. Per le famiglie "povere" la soglia di cittadinanza è di 1.904 euro. Unico neo, tutti i sussidi sono tassati come i redditi da lavoro.
 
In Estonia la legge impone al Parlamento di adeguare tutti gli anni il reddito di cittadinanza al costo della vita. Per usufruire di questo diritto il cittadino deve essere incapiente e inattivo. Il sussidio è di 90 euro al mese per i single, 177 euro per le famiglie. Non è prevista una scadenza temporale.
 
In Finlandia, dove il Welfare State è nato, il reddito di cittadinanza è legge dal 1997. Tutti i residenti con reddito inferiore al costo della vita percepiscono quasi 500 euro al mese. Per le famiglie bonus più che raddoppiato. La durata è illimitata.
 
Il revenu de solidarité active francese viene erogato ai cittadini poveri che hanno più di 25 anni. I richiedenti devono siglare una sorta di patto d'onore con lo Stato e dimostrare la correttezza delle informazioni dichiarate. L'assegno è di quasi 500 euro per i single, più del doppio per le famiglie. Può essere concesso solo per una durata temporale limitata: 3 mesi.
 
In Germania il legislatore ha previsto tanti paletti. Sono esclusi dal sussidio gli stranieri residenti che non hanno mai lavorato e i liberi professionisti. Il sussidio è un po' meno generoso rispetto ai Paesi del Nord Europa: 391 euro per le persone sole, 1.005 per le famiglie, ma copre tutto il periodo di difficoltà del richiedente.
 
In Gran Bretagna, grazie all'Income support, invalidi e disabili hanno un mezzo di sostentamento. Per essere idonei, oltre a essere cittadini di Sua Maestà, devono dichiarare un reddito complessivo che non deve superare i 20mila euro. In questo calcolo viene conteggiata anche la casa. Alle famiglie vengono garantiti 900 euro, meno della metà per le persone sole. La durata è illimitata.
 
In Grecia il reddito di cittadinanza non esiste.
 
L'Irlanda aiuta i cittadini poveri con un assegno cospicuo. Per poter vivere con dignità, il governo ha fissato un reddito minimo: 806 euro per le persone sole, quasi 1.500 euro per le famiglie. La legge non prevede una scadenza temporale, ma controlli periodici su chi è considerato idoneo.
 
I requisiti in Lettonia sono rigorosi: non si deve essere proprietari di casa da più di 1 anno, si deve dichiarare meno di 130 euro al mese e vanno conteggiati tutti i regali ricevuti da parenti e amici. L'assegno varia da città in città, ma non può superare i 128 euro per i single e i 384 euro per le famiglie. Il sussidio è a tempo: massimo 6 mesi, rinnovabile solo per casi eccezionali.
 
In Lituania il reddito di cittadinanza è di fatto un reddito di vita. Ai poveri vengono rimborsate tutte le spese relative a riscaldamento, acqua calda e acqua da bere. Per usufruirne bisogna avere il conto corrente bancario quasi al verde. Le somme non sono esorbitanti, ma sono relative al costo della vita nel Paese. Il diritto si esaurisce dopo 3 mesi, ma può essere rinnovato.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

11 Mar 2018, 10:50 | Scrivi | Commenti (46) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 46


Tags: europa, grecia, italia, movimento 5 stelle, poveri, reddito di cittadinanza

Commenti

 

Prima si comincia meglio è

domenico ciliberto 02.09.18 15:38| 
 |
Rispondi al commento

In Austria il reddito di cittadinanza si chiama Mindeststandards, ma è versato solo a chi dimostra di ennere inabile al lavoro E non ha una casa.
Poverini gli austiaci.
http://www.mainfatti.it/reddito-di-cittadinanza/Reddito-di-cittadinanza-in-Europa-le-differenze-con-quello-del-M5S_0262710033.htm
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 15.03.18 17:08| 
 |
Rispondi al commento

il reddito di cittadinanza e una cosa opportuna...

jose gregorio 15.03.18 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Grazie al M5S per l'opera di ridare dignità alle persone, specie le più svantaggiate, che vivono in questo paese!
Una proposta per tentare di aumentare il consenso del M5S al Nord Italia, potrebbe essere introdurre un reddito di cittadinanza "mobile" o "geografico", cioè un reddito che "segua" in qualche modo il costo della vita delle diverse regioni. Può darsi, ma ovviamente questo va accertato effettivamente, che il costo della vita nelle regioni settentrionali sia più alto e quindi fare un reddito "indicizzato" potrebbe essere gradito alle popolazioni sopra il Po.
Grazie, saluti a tutti.

Gianluca S. Commentatore certificato 13.03.18 20:49| 
 |
Rispondi al commento

Permettetemi di dire che ritengo questo post incompleto e poco chiaro. Da quello che si legge se ne deduce che in Inghilterra vengono aiutati solo gli invalidi, ma a me risulta che tutti ricevono un aiuto economico dall'età di 18 anni, almeno fino a 3 anni fa era così. Inoltre so che in Francia oltre al denaro è previsto un aiuto per l'affitto e bollette. Se dobbiamo fare informazione, facciamola bene, altrimenti aumenta la confusione in un momento già abbastanza confuso a causa dei media nazionali!
Proprio a questo proposito, ribadisco una perplessità che ho già segnalato in altri commenti: il RDC rischia di trasformarsi da strumento di liberazione a strumento di oppressione e ricatto, se prima non si definiscono dei criteri di congruità delle retribuzioni, degli orari e delle qualità generali delle tre offerte di lavoro, che non si possono rifiutare.
Insomma non si può obbligare ad accettare forme di sfruttamento, lavori sottopagati o dannosi per la salute.
Non essendo la schiavitù il nostro scopo, sarebbe opportuno verificare il testo della legge e eventualmente, apportare correzioni o aggiustamenti.

saluti
Zazà

Il Barone Zazà 13.03.18 06:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una piccola precisazione: in Francia ogni 3 mesi si deve fare la dichiarazione dei redditi in cui si dichiara di non avere entrate e il reddito di cittadinanza (RSA) viene rinnovato. Questo finché non si ottiene un contratto di lavoro. Ovviamente il ricevente dovrà comunque mostrarsi attivo nella ricerca del lavoro ed è tenuto a partecipare a degli incontri di orientamento sul lavoro. Per un giovane di più di 25 anni che non ha mai lavorato si aggira attorno a quasi 500 euro.

Émilie Dupont 13.03.18 01:30| 
 |
Rispondi al commento

Il vino per essere imbottigliato va' fatto decantare, lo stesso vale x il governo, dopo un periodo di decantazione si fà, con il pd depurato sarebbe meglio, se il pd rimane imbrigliato dai renziani, si trova un accordo con la lega, su punti programmatici precisi, abolizione vitalizi e privilegi, un piano immigrazione valido e sostenibile, ma prima di tutto vertici Rai nominati per professionalità, disciplina conflitto d'interessi e giornali che si reggano sul numero di lettori.Se avremo un martellamento attenuato, col tempo potremo gestire quasi tt i punti del Ns programma
Da buon giocatore di carte vi dico se hai vinto e seguiti a giocare, puoi solo perdere...

Vittorio Narduzzi 12.03.18 21:53| 
 |
Rispondi al commento

Il reddito di cittadinanza è giusto e democratico, in aiuto alle persone con un basso reddito o che non ne hanno addirittura, ottimo cmq, come stilato dal M5S.
Il problema che cercheranno di non metterlo mai in atto, perchè approvarlo significherebbe andare a "TAGLIARE I LORO STIPENDI OGNI MESE", e poi, poverini, non arriverebbero loro a fine mese.
Quindi il loro pensiero "non lo approveremo mai,venirci a prendere i nostri soldi".
Chissà cosa hanno fatto fino ad oggi, continuamente a mettere le mani nelle NOSTRE TASCHE, ma è arrivato il momento che un po' di pane e acqua a loro non gli farà certamente male.

M5S Sempre

maurizio d., Terracina Commentatore certificato 12.03.18 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
Però a guardar bene in molti paesi elencati il rdc viene riconosciuto o a chi a problemi di salute o solo per una durata di tempo limitata (Francia) in altri invece basta rifiutare una sola proposta di lavoro per annullarlo.
Mi sembra un po’ diverso da quanto proposto dal m5s


Perfetto. Queste cose le sappiamo già tutti quelli di qua dentro e che aderiscono al movimento. Se fossero state dette nelle TV e alle radio/giornali, ci saremmo evitati le rotture di palle degli imbecilli sciacalli che stanno provando finora a fare post-campagna sparlando del rdc.
Si spera che Di Maio o chi altri si rechi uno di questi giorni in TV (magari da vespone, da mentana e da qualche tesserato pd che conduce "programmi" su la7) e PRETENDA di poter riferire tutto ciò, oltre a sputtanare questi sciacalli che stanno provando a diffamare lui, il m5s e i meridionali parlando di "assistenzialismo" (come e i loro rdi e rdd non fossero della stessa risma, casomai).

Biagio C. Commentatore certificato 12.03.18 13:48| 
 |
Rispondi al commento

Salvini dice che e' contro al reddito di cittadinanza. Ma nel programma del centrodestra non c'e' il reddito di dignita' che non e' altro che il reddito di cittadinanza copiato da Berlusconi?

undefined 12.03.18 11:42| 
 |
Rispondi al commento

E' ormai passata una settimana dal voto e mi pare che la situazione si stia delineando abbastanza chiaramente. Tutti e due i partiti che dovrebbero sostenere il governo pentastellato sono pronti al ricatto permanente ed a fare cadere il suddetto governo appena il M5S dovesse proporre, magari col voto di fiducia, qualcuna delle molte riforme a loro indigeste. Praticamente tutte. Perché il problema non è il Reddito di Cittadinanza, magari fosse soltanto quello. Il problema è l'INTERO programma del Movimento Cinque Stelle. Ma ce li vedete la pattuglia del Cazzaro Ferroviere o Pagnottella, che approvano il Vincolo di Mandato, la Sospensione Della Prescrizione, norme anticorruzione e antievasione efficaci e non finte come quelle votate dal Trio Del Male?
Dimodoché conviene trattare per una modifica della legge elettorale e tornare a votare.
D'altro canto al M5S non può essere mossa alcuna critica, visto che questa porcheria di legge elettorale se la sono votata, nottetempo ed in tutta fretta, i tre del Trio Del Male, Cazzaro Ferroviere (che non si è affatto ritirato dalla partita e mai si ritirerà) Criminale Di Arcore (che ha paura per le sue aziende) e Pagnottella (il quale è fintamente anti-sistema, ma al momento opportuno si rivelerà pro-sistema al 100%).
Il Trio Del Male si sta preparando a cuocerci a fuoco lento, bisogna diffidare e ancora diffidare.

Aberto O., BERGAMO Commentatore certificato 12.03.18 09:31| 
 |
Rispondi al commento

Mi pare manchi Olanda
Io sono a disposizione per spiegarlo
Di Maio for president.
Di Battista prossima tornata!

Attilio Disario R dam Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 12.03.18 09:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.rollingstone.it/rolling-affairs/news-affairs/ironia-poveri-in-fila-reddito-voti-m5s/2018-03-09/

FABIO B., bologna 12.03.18 04:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Queste elezioni con la trasparenza di una vera opposizione e adesso forza di governo, hanno dimostrato che l'italia non è stata mai unita, l'unità se le forze politiche lo vorranno sarà il reddito economico per chi non ha reddito per vivere in una società democratica.

gennaro a., carrara Commentatore certificato 11.03.18 23:04| 
 |
Rispondi al commento

Il Reddito di Cittadinanza é un'ottima idea, ma deve essere supportato da un " piano case popolari " altrimenti non basterebbe a risolvere i problemi economici di molte famiglie.

Dario Giovanni Giussani 11.03.18 22:53| 
 |
Rispondi al commento

siamo andati a votare sapendo che non avremmo visto un vincitore certo in grado di governare. ora stiamo aspettando di vedere chi si allea con chi. la domanda è , ma cosa è cambiato veramente, se fra un po' dovremo spendere altri milioni di euro per indire nuove elezioni????

gian dho 11.03.18 22:16| 
 |
Rispondi al commento

In contemporanea con il reddito di cittadinanza è urgente una stretta sul menefreghismo delle istituzioni pubbliche perchè questo menefreghismo porta ad uno sperpero di denaro pubblico inimmaginabile oltre alla corruzione ed evasione. Recuperando questi euro i denari sono piu che sufficienti per istituire qualsiasi aiuto per chi è veramente povero ed aiutare le imprese a pagare meno tasse e creare posti di lavoro dignitosi. Anche su questo lavoro dignitoso c'è tantissimo da lavorare e non un lavoro comunque sia. Io sono 10 anni che sto occupandomi di starde e vi assicuro che di sprechi e lavori fatti male ce ne sono a bizzeffe e sarei lieto di poter aiutare il futuro Ministro a recuperarli e mettere davanti alle proprie responsabilità chi di dovere. L'Ho fatto con ministri di destra e sinistra senza esito e per questo spero in questo cambiamento. Nessuno pensa a mettersi nei panni di altre persone meno fortunaate di noi come di un capo famiglia che di fronte al pianto del figlio non ha nulla da dargli da mangiare. Pensiamo qualche volta a ciò e immaginate che tragedia per quei genitori e nonni. Anche riequilibrare le spese per gli immigrati è un risparmio con il RIA ad un imprenditore capo famiglia con 3 figli e disoccupato diamo max 485 euro ad un imprenditore con tre minorenni (80 euro giorno) e due maggiorenni (35 euro giorno) diamo circa 9000 euro mensili , Non è uno spreco con cui potremmo mantenere altre persone povere?

renzino 11.03.18 21:02| 
 |
Rispondi al commento

il reddito di cittadinanza non era gia' stato implementato in via sperimentale in alcune citta' come Livorno? funziona? com'e' andata?

domanda 11.03.18 18:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il reddito minimo è una cosa giusta, che esiste in tutti i paesi normali. Ma i partiti marci ovviamente se ne fottono. Governo 5stelle unica speranza per questo paese.

max 11.03.18 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Avete fatto bene finalmente a far capire che siamo rimasti noi e la Grecia gli unici a non avere un sostentamento per chi non ha niente.

Sabrina p. 11.03.18 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Faccio un esempio che mi hanno proposto:
Una famiglia di 3 persone,figlio studente di 19 anni,mamma casalinga,e padre con un reddito di 900€,
Un altra famiglia uguale a quella sopra descritta ma con il figlio di 24 anni studente universitario,come funziona con queste famiglie?

Luca Di Rosa 11.03.18 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Questo dovrebbe far riflettere tutti gli italiani, tutti gli altri partiti, Lega, PD, Forza Italia etc. hanno parlato di questa misura come un regalo ai nulla facenti.

Guarda caso sono gli stessi partiti che ci hanno ridotto nella situazione disastrosa in cui ci troviamo oggi.

Dada 11.03.18 16:49| 
 |
Rispondi al commento

il reddito di cittadinanza è soprattutto il ritorno del fattore umano nella società in un mondo in cui, dopo i trent'anni, non conti più nulla e non trovi lavoro.

Mettiamoci anche che nel lavoro non esiste il fattore umano. nei miei anni di precarietà mi sono sentito come una chiave inglese che veniva utilizzata solo quando serviva.

Se poi ti impunti sulla dignità dei laboratori vieni praticamente escluso dal mercato del lavoro.

Mettiamoci anche che la ricerca del lavoro è stata privatizzata e la frittata è fatta.

Salvatore Imperio 11.03.18 15:51| 
 |
Rispondi al commento

In Italia i politici hanno realizzato che fosse più semplice e pratico destinare quella somma a sé piuttosto che ai poveri. Questo intendono quando si preoccupano delle coperture

Maristella Sansanelli 11.03.18 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Mi fido così tanto dei politici e del PD che voglio un reddito di cittadinanza solo per il fatto che loro non lo vogliono.

giorgio peruffo Commentatore certificato 11.03.18 14:20| 
 |
Rispondi al commento

I politici Italiani sono tra i più pagati d'europa e hanno pure tanti privilegi come la pensione dopo solo 4 anni di legislatura.

Voi dei 5 stelle siete l'unico partito che vuole aiutare la gente.

Giampaolo 5 Stelle Commentatore certificato 11.03.18 14:08| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di disoccupazione. In Italia ci sono circa 3 milioni di disoccupati. Bene. Quanti cinesi si trovano in Italia? circa 4 milioni. Bene. Cosa fanno questi cinesi? lavorano. Quali lavori?? produzione di jeans, camice, giubbotti, borse, ecc. Chi li faceva prima questi prodotti? I ragazzi e ragazze italiani, che lavoravano, prendevano uno stipendio, si sposavano, facevano figli, compravano casa, auto, mobili ecc. ecc. E l'economia girava, e come se girava!!. Qui da me, la capitale dello jeans, lavoravano 250 persone. Oggi che fanno? Niente, però i laboratori affittati dai cinesi continuano a lavorare. E voi pensate che pagano le tasse??, E voi pensate che consumano i loro soldi qui in Italia?? Se pensate di si, allora siete proprio ingenui. A noi già ci bastano i delinquenti dell'Est Europa che vengono in Italia per fare rapine, ci bastano e ci avanzano. Ma i cinesi EXSTRAEUROPEI, ma perchè devono venire a rovinare la vita agli italiani?? Meditate gente! meditate.

Tarquini Gaetano 11.03.18 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Carissimi del M5S, a uno che sta in una isola deserta, non si da il pesce, ma si da una canna da pesca e gli si impara a pescare. Fino a 15 anni fa , in Italia ci stava lavoro quasi per tutti. Da quando sono entrati i cinesi, il lavoro è finito. Allora come sta facendo Trump, prima il lavoro per gli americani, e cosi in Italia, prima il lavoro agli italiani, e allora fuori tutti i cinesi. E poi vedete come ritorna il lavoro in Italia. Meditate gente! meditate.

Tarquini Gaetano 11.03.18 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Per confondere le persone si fanno trasmissioni televisive per ridicolarizzare il rdc, presentato dal m5s.
Si continua a dire che ci sono folle in coda ai Caf, per avere i moduli di presentazione domanda.
Nonostante sia stato detto che è una fake news, continua a essere diffusa la notizia falsa.

Paola 11.03.18 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Leggevo il reddito d'inclusione fatto dal PD , e per avere da 187 a max 539 e.Y/mese , devi superare paletti da corsa olimpica, e nota bene non deve aver comprato un motorino da meno di due anni !!
Quindi passi lunghi e ben distesi.
Nel vostro R.D.C. proporrei solo di non disperdere danari nelle cosi dette congreghe private che si occupano di corsi di formazione
( quelle con solo lavagne luminose e slides ). L'addestramento al lavoro deve essere fatto in pratica "manualmente sul pezzo",
magari incentivando le aziende a farlo.

Francesco De Rita 11.03.18 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Per la rete dei Numeri pari, un’associazione a cui aderiscono tra gli altri Libera, la Rete della Conoscenza, Libertà e Giustizia e il Basic Income Network Italia non basta aumentare i fondi per rendere il Rei uno strumento di giustizia. I «dieci punti per il reddito minimo garantito» presentati in una due giorni di «formazione» alla Casa internazionale delle Donne e alla federazione nazionale della stampa a Roma chiariscono che il reddito dev’essere universale e individuale, e non concepito su base familiare come accade per il Rei. Dev’essere pari almeno al 60 per cento del reddito mediano: massimo 780 euro al mese, come richiesto da una risoluzione del Parlamento Ue nel 2010. Diversamente dal «reddito di cittadinanza» del Movimento Cinque Stelle, il «reddito minimo garantito» distingue tra la congruità dell’offerta di lavoro e l’obbligatorietà del lavoro «purché sia». I suoi beneficiari non possono essere costretti ad accettare qualsiasi lavoro. Per uscire da questo ricatto, tipico di un sistema di «workfare», il reddito va fondato sul «diritto all’esistenza» di ciascuno a prescindere dalla partecipazione al mercato del lavoro. Una svolta copernicana.

Cestaro Diego 11.03.18 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Salvini ha detto no al reddito di cittadinanza e come al solito disinforma. La fa passare come una misura di sussistenza.
Ha detto no, anche Gennaro Migliore, pd, durate la trasmissione "Dalla Vostra Parte", sabato scorso.
Tutto questo è vergognoso, l'atteggiamento è quello di non occuparsi dei problemi dei cittadini e di lasciarli al loro destino.
Costoro non capiscono nulla di politica che è lo strumento che serve per studiare i problemi della comunità e individuare le soluzioni.
Non so come gli italiani abbiano potuto votarli. La colpa senz'altro è la disinformazione che puntualmente è diffusa sull'argomento.

Paola 11.03.18 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Si ok ma:
1. il costo della "sopravvivenza" qui e' differente tra nord e sud..al nord con 1300 euro, mutuo o affitto, un auto, le bollette essenziali, tasse locali ecc.. ci vivacchi giusto se sei solo;
2. essere proprietari della casa? Si ma se hai un mutuo il proprietario di fatto e' la Banca e va considerato;
3. molti per sopravvivere con famiglia hanno fatto debiti per pagare il necessario..e quando fai ISEE anche se per Agenzie Entrate sei un Isee1 (perche' spesso ti dicono che a rigor di numeri sei largamente sotto quell'1) debiti o rate cessioni quinto ..per situazioni essenziali non per vacanze e lussi..non sono uscite conteggiate quindi sei "con reddito" anche se non e' vero!!;
Morale:
.riformare in senso coerente l'ISEE e renderlo obbligatorio e registrato fissando criteri che stabiliscano se ce la fai o meno e misure conseguenti;
.iva differenziata sui prodotti stimati essenziali per la vita civile ..a seconda dell'isee ..non puoi avere l'iva come Briatore se sei un Isee 1;
Serve semplificazione e coerenza sulla stima dei redditi anche parametrati a dove si vive e quanto costa.
Poi ci sarebbe anche il discorso di uniformare le norme per battezzare l'abusivismo in edilizia.
Non puo' essere che "abuso" (a parte le ovvieta' di costruire senza alcun permesso ecc..) sia considerato a seconda del luogo o della cricca comunale del momento: 0.50 cm di larghezza finestra o..1mq di copertura ecc..
Gli abusi devono essere tali in tutto il paese seguendo criteri chiari inviolabili ma essenziali:
. staticita' edifici e sicurezza impianti;
. motivazioni igienico ambientali;
. distanze da altre proprieta';
. violazione regole spazi verdi ecc..
molto altro e' estorsione non piano edilizio.
C'e' tanto riordino da affrontare prima di partire a stimare interventi (urgenti per poverta' assoluta a parte). Decine di anni di schifo imporrebbero un reset di tutto cio' che esiste da prima per rifondare con equita' il paese..Speriamo bene. Faccio ovviamente il tifo.wm5s

asia martinelli 11.03.18 12:24| 
 |
Rispondi al commento

Il nostro RdC (inteso quello proposto dal M5S) è molto simile (quasi uguale) al NewStart Allowance presente in Australia:

https://www.humanservices.gov.au/individuals/services/centrelink/newstart-allowance/who-can-get-it

ed ecco come ottenerlo (in Australia):

https://www.humanservices.gov.au/individuals/services/centrelink/newstart-allowance/how-claim

suggerirei di studiare/associare le medesime modalità.

Suggerirei di inserire qualche paletto anche per migliorare la qualità di vita civile di tutte le persone:

1) Coloro che prendono il RdC e si macchiano di reati come rissa e atti vandalici, e ovviamente reati di gravità superiori, che gli venga tolto immediatamente;

2) Coloro che rifiutano 3 lavori nel tempo di assegnazione, devono restituire il 50% del RdC percepito fino a quel momento. Perché? Perché se dichiara di aver bisogno di aiuto e poi si rifiutano 3 lavori allora non è vero in assoluto che quella persona necessitasse di soldi per vivere;

3) Nel conteggio dei 780€ minimi, tenere conto di tutto: pensioni di invalidità, assegni di divorzio ecc. Ad esempio se una persona prende dall'ex marito 400€ di assegno di divorzio, allora l'integrazione al reddito deve essere di 380€, se prende 500€ deve essere di 280€ ecc. In caso di morte del coniuge la cifra salirà a 780€.

E SOPRATTUTTO, chi prende il RdC NON DEVE LAVORARE IN NERO nel qual caso deve essere sospeso immediatamente il RdC e richieste indietro tutte le somme fino a quel momento percepite.

Michele P. 11.03.18 12:16| 
 |
Rispondi al commento

bene il reddito di cittadinanza, giusto che ci siano paletti, non deve essere un sussidio senza se e senza ma. se una persona rifiuta una proposta di lavoro senza giustificati motivi deve assolutamente perdere il diritto al reddito di cittadinanza.

giovanna

giovanna-cavina 11.03.18 11:49| 
 |
Rispondi al commento

è una cosa importante perché non può chiamarsi civile una nazione che dimentica chi non a i soldi per sopravvivere specialmente in Italia i soldi ? se le persone che lavorano nei centri per l'impiego si danno da fare e sono oneste e se si inizia a capire che si deve collaborare con lo Stato di soldi ce ne sono anche troppi specialmente se si va a dare una sbirciatina nelle migliaia di Fondazioni che sono nate come i funghi e muovono miliardi di € con bilanci che se per le fondazioni bancarie sono pubblici per le altre sono difficilmente reperibili . tanto per fare un esempio Potrebbero cominciare le Coop finalmente a pagare le tasse, Il Vaticano a pagare anche loro le tasse sugli immobili che non sono certo prima casa, tanto per dare un altro esempio. Ma il concetto è che non si debbono trascurare i poveri

Sandro Zelari 11.03.18 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Il reddito di cittadinanza del m5s sarà all'avanguardia insieme a quello danese e finlandese. Gli altri redditi di cittadinanza sembrano solo dei contentini perché ci sono troppi paletti non sono un welfare universale.
Speriamo che il parlamento approvi il reddito di cittadinanza del m5s senza modifiche. Il m5s deve difenderlo senza se e senza ma perché il 32% è dovuto anche a questa proposta di civiltà

undefined 11.03.18 11:22| 
 |
Rispondi al commento

noi non potevamo avere un RdC perchè erano soldi in meno nelle tasche dei politici!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 11.03.18 11:18| 
 |
Rispondi al commento

Paletto più paletto meno una cosa è chiara:
le persone Vivono e non Sopravvivono.

Marcello 11.03.18 11:12| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog delle Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori